DOSSIER
660x170 DOSSIER STUDI DI SETTORE

Studi di Settore 2017

Studi di settore 2017 (anno d'imposta 2016) tra parametri e indici sintetici di affidabilità

Gli studi di settore sono strumenti presuntivi, che si basano sulla comparazione dei dati dichiarati con quelli calcolati in modo presuntivo con modelli matematico-statistici. Gli studi di settore devono essere compilati da imprese e lavoratori autonomi ed inviati all'Agenzia delle Entrate. In base all'esito del confronto, ci può essere congruità o meno dei ricavi/compensi dichiarati con quelli calcolati in modo presuntivo.

Maggiori informazioni sugli studi di settore 2017

➤ Rassegna Stampa
 Approfondimenti
➤ Normativa / Circolari
➤ FAQ 
eBook e Software

La legge di stabilità 2017 ha previsto che a decorrere dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2017, con decreto del MEF, sono individuati indici sintetici di affidabilità fiscale cui sono collegati livelli di premialità per i contribuenti più affidabili, anche in termini di esclusione o riduzione dei termini per gli accertamenti, al fine di stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari ed il rafforzamento della collaborazione tra l'Amministrazione finanziaria e i contribuenti. Viene così normata la tanto attesa fine degli studi di settore, specificando che "contestualmente all'adozione degli indici di cui al comma 1 cessano di avere effetto, ai fini dell'accertamento dei tributi, le disposizioni relative agli studi di settore e ai parametri".

Per quanto riguarda quest'anno, i modelli degli studi di settore 2017 (anno d'imposta 2016) sono stati approvati il 31 gennaio 2017 con un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.  In particolare, i 193 modelli riguardano:

  • 50 studi per il settore delle manifatture,
  • 53 studi per il settore dei servizi,
  • 24 studi per i professionisti
  • 66 studi per il settore del commercio.

Devono essere presentati dai contribuenti, cui si applicano gli studi di settore che, nel periodo d’imposta 2016, hanno esercitato in via prevalente una delle attività economiche nei diversi settori per le quali risultano approvati gli studi di settore. I modelli vanno inviati per via telematica insieme alla dichiarazione annuale dei redditi. La trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate deve essere effettuata direttamente, attraverso il servizio telematico Entratel o Fisconline, o tramite intermediari incaricati. 

Attenzione: tenuto conto delle criticità originate dagli effetti degli eventi sismici di agosto e ottobre 2016, per il periodo d’imposta 2016, i soggetti con residenza o sede operativa in uno dei comuni colpiti dal sisma non sono tenuti alla presentazione dei relativi modelli dichiarativi.

Speciali

Speciale del 13/09/2016
studi di settore bozze 2017 modelli

Studi di Settore: semplificazioni dei modelli in bozza per Unico 2017

Semplificazioni in arrivo dei modelli degli studi di settore per Unico 2017, pubblicate le bozze dei modelli
Speciale del 12/09/2016
dasgli studi di settore agli indicatori di affidabilità

Dagli Studi di settore all’indicatore di compliance

In arrivo il nuovo indicatore di compliance e abbandono graduale degli studi di settore come strumento di accertamento presuntivo

Rassegna Stampa

Rassegna stampa del 25/09/2017
contratto firma calcolo

Indici affidabilità fiscale 2017: pubblicato il Provvedimento

L’Agenzia delle Entrate ha individuato i primi indici ISA destinati a sostituire gli studi di settore. Saranno applicati dal periodo d'imposta 2017
Rassegna stampa del 06/09/2017
Scadenze fiscali

Indici di affidabilità 2017: i vantaggi in caso di indice elevato

Indici di affidabilità: ecco quali sono i vantaggi nel caso in cui l'indice sia elevato
Rassegna stampa del 19/07/2017
studi di settore comunicazione anomalie triennio 2012-2014

Studi di settore 2017: comunicazioni per la promozione della compliance

Comunicazione di anomalie nei dati dichiarati per gli studi di settore: i chiarimenti nella Circolare dell'Agenzia

Normativa

Normativa del 14/07/2017
168x126 studi di settore dichiarazioni

Studi di settore 2016: i chiarimenti delle Entrate

Pubblicata dall'Agenzia delle Entrate la Circolare del 13.07.2017 n. 20 contenente chiarimenti sugli studi di settore periodo d'imposta 2016
Normativa del 24/05/2017
168x126 studi settembre 2011

Studi di settore: definiti i termini di accesso al regime premiale

Definiti i termini di accesso alla disciplina del regime premiale applicabile ai contribuenti soggetti al regime di accertamento basato sugli studi di settore con Provvedimento del 23.05.2017 n. 99553
Normativa del 17/05/2017
168x126 studi di settore dichiarazioni

Studi di settore: i correttivi anticrisi per il 2016 pubblicati in Gazzetta

Pubblicato il decreto del 03.05.2017 che approva la revisione congiunturale speciale degli studi di settore periodo 2016, necessaria per neutralizzare gli effetti della congiuntura economica negativa

Domande e Risposte

Domanda e Risposta del 17/07/2017
studi di settore 2015 tutte le novità in una Circolare dell'Agenzia delle Entrate

Chi non applica gli studi di settore 2017?Ecco le cause di inapplicabilità

Studi di settore 2017: riepilogo delle cause oggettive e soggettive di non applicabilità
Domanda e Risposta del 03/06/2016

Comunicazioni per studi di settore: su quali anomalie ci sono?

L'elenco delle anomalie presenti negli studi di settore dei professionisti per il periodo 2012-2014 che causano una comunicazione da parte dell'Agenzia.
Domanda e Risposta del 30/07/2014

Cosa comporta l'adeguamento agli studi settore ?

Adeguamento a studi di settore con maggiorazione delle imposte pari al 3%
168x126 ebook 1
Le novità in materia di studi di settore (E-Book)
L’e-book di 40 pagine, suddiviso in 4 capitoli, contiene una sintesi delle recenti modifiche normative in materia di studi di settore.