Reverse charge 2016

Il reverse charge o inversione contabile prevede l’applicazione dell’Iva da parte del destinatario del bene o del servizio invece che da parte del cedente o prestatore. Per applicare il reverse charge è necessario che entrambi le parti siano soggetti passivi Iva di imposta e che il destinatario del bene risieda nel territorio dello Stato.

Come si applica:
Il cedente o prestatore del servizio emette fattura senza Iva indicando che l’operazione è soggetta a reverse charge per effetto dell’art. 17 (comma 3 – 5 – 6) del DPR 633/72 . Il destinatario del bene o del servizio soggetto a reverse charge integra la fattura ricevuta con l’indicazione dell’aliquota Iva propria dell’operazione.
Come si registra:
La fattura integrata deve essere registrata sia nel registro delle fatture emesse o dei corrispettivi che nel registro degli acquisti.
Scopo del reverse charge:
Lo scopo del reverse charge è impedire la detrazione dell’Iva sugli acquisti e combattere le frodi “carosello” evitando che l’acquirente detragga l’Iva anche in mancanza di versamento da parte del fornitore. Il reverse charge che inizialmente si applicava nei rapporti intracomunitari ed extracomunitari e successivamente ai sub appalti nell’edilizia, è stato esteso a una lunga serie di operazioni.




Rassegna stampa del 03/12/2018
Iva e reverse charge Cassazione 168

Fattura elettronica in reverse charge: chiarimenti delle Entrate

Reverse charge in caso di fattura elettronica: chiarimenti delle Entrate sull'autofattura
Rassegna stampa del 28/11/2018
reverse charge pc tablet e cellulari

Reverse charge: approvato emendamento di proroga fino al 2022

Decreto collegato fiscale 2019: proroga applicazione reverse charge a fini IVA fino al 30 giugno 2022
Rassegna stampa del 20/11/2018
168x126 energia

Contratto di Tolling per la produzione di energia: chiarimenti IVA

Le quote di emissione si qualificano come prestazioni di servizi e sono soggette ad IVA con aliquota 22% e con reverse charge
Rassegna stampa del 14/11/2018
reverse charge e sanzioni

Reverse charge interno senza obbligo di invio allo SDI

L’operatore dovrà integrare la fattura elettronica ricevuta e poi potrà decidere se inviarla o no tramite il sistema di interscambio
Rassegna stampa del 05/07/2017
Split payment e le istruzioni del Mef

Split payment: ecco le operazioni escluse

Le modifiche della Manovra correttiva allo split payment con l'ampliamento dei soggetti coinvolti non modifica le esclusioni di alcune operazioni
Rassegna stampa del 12/05/2017
reverse charge casi pratici

Reverse Charge 2017: la Circolare con i chiarimenti sulle sanzioni

Regime sanzionatorio reverse charge nella Circolare dell'Agenzia delle Entrate di ieri sull'inversione contabile
Normativa del 12/05/2017
Iva e reverse charge Cassazione 168

Reverse charge: i chiarimenti delle Entrate sulle sanzioni

Pubblicati i chiarimenti sulle sanzioni previste per ogni tipo di violazione in materia di reverse charge, alla luce delle modifiche apportate dal decreto legislativo n. 158/2015
Speciale del 20/01/2017
Iva e operazioni intra ed extra comunitarie

Modello Intra-2 acquisti: ultimo invio il 25 gennaio 2017

Società e professionisti sono tenuti a presentare il modello Intra-2 riferito all’ultimo mese/trimestre del 2016, in scadenza il 25 gennaio 2017
Rassegna stampa del 07/10/2016
e-commerce telecomunicazioni intraUE e IVA

Depositi Iva, vale il meccanismo del reverse charge

In caso di violazione consistente nell’immissione solo virtuale della merce nel deposito Iva, l’imposta si considera assolta anche con l’emissione dell’autofattura
Rassegna stampa del 26/05/2016

Reverse charge per console, tablet Pc e laptop: niente sanzioni per i primi errori

Niente sanzioni per le violazioni del reverse charge commesse prima dei chiarimenti forniti con la circolare 21/E/2016 dell'Agenzia delle Entrate.