Rimborso IVA 2018

Tutto sul rimborso IVA: dossier aggiornato con la La legge di Bilancio 2018

I rimborsi Iva, fin dall'inizio, sono sempre stati oggetto di attenzione del legislatore in quanto devono tutelare sia il diritto dei contribuenti a non restare per troppo tempo a credito di Iva, sia l’Agenzia delle Entrate chiamata ad effettuare il rimborso prima di fare i controlli.

In questo dossier vogliamo raccogliere normativa, prassi e approfondimenti per permette ai contribuenti di accedere ai rimborsi Iva senza errori.

La procedura dei rimborsi ha subito parecchie modifiche nel corso del tempo, volte da una parte ad accelerare le tempistiche e dall’altra a semplificare gli adempimenti da parte degli aventi diritto. Le novità introdotte con il D.lgs. n. 175/2014, modificate in parte dal D.L 193 convertito nella legge 225/2016 sono state in tal senso incisive ed hanno avviato un circuito di semplificazioni in tale ambito.
Tuttavia c’è ancora molto da fare per essere in linea con le richieste europee data la natura armonizzata del tributo. La complessa prassi che si è stratificata negli anni dimostra come l’intera procedura sia di per sé non priva di rischi di errori da compilazione.

Il Dossier si affianca a un ebook arrivato alla IV edizione, dedicato alla Procedura per il rimborso dell’Iva.

Le novità principali di quest’ anno 2018 hanno riguardato:
- Le modifiche normative ai vincoli della compensazione orizzontale dei crediti inferiori/superiori ai 5000 euro;
- I rimborsi prioritari per coloro che si avvalgono della trasmissione telematica dei dati (art. 3 D.lgs. 127/2015);
- L’esonero della garanzia/visto di conformità fino a 50.000 euro per i soggetti che rispondono a determinati indici di affidabilità. La decorrenza tuttavia è stata spostata a decorrere dal periodo di imposta 2018 con legge di bilancio;
- L’ Agente della Riscossione è stato sostituito da apposita “struttura di gestione” dei versamenti unitari operante per l’Agenzia delle Entrate (dm 22 dicembre 2017 e provvedimento del 29 dicembre 2017).




Rassegna stampa del 03/04/2019

IVA soggetti esteri: ecco come si recupera

Recupero dell'IVA versata in Italia da parte di non residenti. I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate
Normativa del 20/03/2019

Modello IVA TR 2019 credito Iva trimestrale: pubblicata la nuova versione

Approvato il nuovo modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per l’utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale con le relative istruzioni; Provvedimento del 19.03.2019 n. 64421
Rassegna stampa del 20/03/2019

Modello IVA TR per il rimborso: approvato il modello

Richiesta di rimborso o utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale: approvato il nuovo modello IVA TR. Novità per i gruppi IVA e ISA
Rassegna stampa del 19/03/2019

Visto di conformità IVA 2019: ecco i controlli da fare

Dichiarazione IVA 2019 con credito superiore a 5.000 euro: ecco i controlli che devono essere fatti prima di apporre il visto di conformità.
Speciale del 07/03/2019

Rimborsi IVA 2019: vincoli, soglie e garanzie

Credito Iva 2018: ecco come chiedere il rimborso e le garanzie necessarie
Rassegna stampa del 06/03/2019

Rimborso IVA 2019: riepilogo delle condizioni per ottenerlo

Requisiti necessari ai fini del rimborso IVA 2019: le condizioni oggettive e soggettive necessarie
Rassegna stampa del 19/11/2018

Modello IVA TR: rettificabile entro il 30.4 di ogni anno

Possibile modificare elementi del Modello IVA TR già inviato, entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA annuale
Rassegna stampa del 14/11/2018

Iva indebita: rimborso entro due anni dalla restituzione alla controparte

I due anni per chiedere il rimborso scattano dal momento della restituzione alla controparte dell’Iva indebitamente addebitata
Rassegna stampa del 09/10/2018

Istanza di rimborso: chiariti come vanno contati i giorni

Termine di decadenza presentazione istanza di rimborso: ecco come si calcola il dies a quo
Speciale del 28/09/2018

Il rimborso Iva pagata nella UE: rimborso entro il 30 settembre

L’IVA pagata in un Paese comunitario può essere chiesta a rimborso entro il 30 settembre: attenzione al termine perentorio non prorogabile