DOSSIER
Versamento acconti di novembre 2015 il Dossier

Ravvedimento operoso 2018

Chi può fare il ravvedimento operoso nel 2018? A quali condizioni? Con che tempistiche?

Il "ravvedimento operoso” è uno strumento grazie al quale i contribuenti possono regolarizzare la propria posizione fiscale  beneficiando della riduzione delle sanzioni. 

Maggiori informazioni sul ravvedimento operoso 2018

➤ Rassegna Stampa
➤ Approfondimenti
➤ Normativa / Circolari
➤ FAQ 
Software 2017

Il ravvedimento può essere usato nei casi di omessi o insufficienti versamenti di imposte e di altre  irregolarità fiscali, con sanzioni crescenti all'aumentare del tempo intercorrente tra la violazione e la correzione dell'errore.

Per aiutarti ti segnaliamo il Foglio di calcolo excel Ravvedimento operoso per determinare gli importi dovuti con il ravvedimento operoso e stampare direttamente il modello di pagamento F24.

L’art. 13 del D. Lgs 471/97 prevede per le somme non versate o versate in ritardo, una sanzione ordinaria pari al 30% dell’importo omesso.

Dal 1° gennaio 2016 tale sanzione è ridotta alla metà, ed è ulteriormente ridotta in base a quanto tempestivamente il contribuente sana la sua posizione. In particolare:

  • per i ritardi fino a 14 giorni: sanzione al 15% ridotta a 1/5 per giorno  Ravvedimento Sprint
  • per i ritardi compresi tra i 15 e i 90 giorni: sanzione ridotta al 15%, ulteriormente ridotta a 1/10 del 15% entro il 30 giorni (Ravvedimento Breve) e a 1/9  del 15% entro i 90 giorni (Ravvedimento Trimestrale)
  • per i ritardi superiori a 90 giorni fino al termine di presentazione della dichiarazione o entro un anno dall'omissione: sanzione ordinaria al 30% ridotta a 1/8 del 30% (3,75%) (Ravvedimento Annuale)
  • per i ritardi che superano l'anno fino a 2 anni o entro il termine di presentazione della dichiarazione dell'anno successivo: sanzione ordinaria al 30% ridotta a 1/7 del 30% (Ravvedimento biennale)
  • oltre questo termine sanzione del 30% ridotta a 1/6
  • dopo la constatazione sanzione del 30% ridotta a 1/5

Pertanto coloro che sanano la propria posizione entro i 90 giorni successivi dalla data di scadenza del versamento, possono godere del cd. “lieve ritardo” e versare la sanzione con l’aliquota dimezzata. Il concetto del lieve ritardo, cioè del versamento dell’imposta entro i tre mesi successivi, è un’altra delle novità dal 2016.

In questo Dossier troverai aggiornamenti, notizie e approfondimenti legati al ravvedimento operoso. 




Domanda e Risposta del 29/01/2019

Omessa/errata presentazione INTRA 2019: quali sono le sanzioni?

Omessa presentazione elenco riepilogativo INTRA, elenco incompleto, inesatto o irregolare: quali sono le sanzioni?
Speciale del 03/01/2019

Interessi legali più alti dal 2019: 0,8% a partire dall'1.1.2019

Più pesante il ravvedimento 2019, a partire dal 1° gennaio 2019 la misura degli interessi legali è pari allo 0,8%, quasi triplicati rispetto al 2018
Rassegna stampa del 18/12/2018

Dichiarazioni IVA: alert in caso di anomalie

Anomalie tra il volume d’affari dichiarato dai contribuenti e l’importo delle operazioni comunicate dai contribuenti e dai loro clienti
Rassegna stampa del 17/12/2018

Interesse legale 2019 salito allo 0,8 per cento

Saggio di interesse legale quasi triplicato. Passa dal 0.3% allo 0.8% dal 1.1.2019
Speciale del 29/11/2018

Ravvedimento operoso 2018: tutte le sanzioni per mettersi in regola

Come ravvedersi per sanare il mancato pagamento delle imposte entro i termini: tutte le sanzioni del Ravvedimento 2018
Rassegna stampa del 29/10/2018

Scade il 31 ottobre il termine per presentare il Mod. 770/2018

Entro il 31 ottobre vanno versate anche le ritenute omesse per scongiurare l’ipotesi di reato. Applicabile comunque la clausola di non punibilità
Rassegna stampa del 27/09/2018

Ravvedimento operoso F24 a saldo zero

Mancata presentazione del Modello F24 a saldo zero: ecco come ravvedersi con una piccola sanzione
Rassegna stampa del 11/09/2018

Pace fiscale: l’attesa della legge di bilancio rallenta il ravvedimento operoso

La prospettiva della realizzazione della pace fiscale frena i contribuenti a sanare eventuali posizioni debitorie: effetto boomerang dei continui “condoni”
Rassegna stampa del 07/09/2018

Incongruenze tra Spesometro e Dichiarazione Iva: lettere di compliance in arrivo

A settembre nuove lettere di compliance dell'Agenzia, per la promozione dell’adempimento spontaneo, se c'è incongruenza riscontrata dall'incrocio di dati tra spesometro e dichiarazioni IVA
Rassegna stampa del 21/08/2018

Ravvedimento operoso per mancati versamenti di ieri

Alla cassa ieri per molti versamenti. Entro il 3 settembre 2018 è possibile usufruire di sanzioni ultraridotte grazie al ravvedimento operoso