Irap 2012: qualcosa in piu’ si deduce ma i calcoli sono complicati – facciamo il punto

di Sergio Massa CommentaIn Dichiarazioni

Il calcolo dell’Irap 2012 ha subito diverse modifiche non di facile applicazione…. che rendono questa imposta ancora piu’ odiosa. Vediamo in sintesi di fare il punto.

Vi ricordiamo che l’art. 2 c. 1 del D.L. 201/2011 ha previsto, a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31.12.2012, la deduzione dalle imposte sui redditi di un importo pari all’Irap relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni già spettanti; in precedenza si deduceva unicamente il 10% dell’Irap pagata.

Inoltre, se nella determinazione della base imponibile Irap del contribuente pesano anche gli interessi passivi (in quanto eccedenti gli attivi), si applica anche la deduzione forfettaria dalle imposte sui redditi pari al 10% dell’Irap versata per tali oneri finanziari.

Le difficoltà di conteggio

La nuova deduzione si esercita nell’esercizio in cui avviene il pagamento dell’Irap. Ma se questo principio è semplice da applicare con riguardo alla deduzione forfettaria, genera invece delle problematiche per quanto attiene al calcolo dell’imposta riferita al costo del lavoro (tra cui si comprendono anche i compensi agli amministratori e ai co.co.co).
Occorre infatti individuare da ciascun versamento Irap effettuato nell’anno 2012, a saldo o in acconto, quanto è riferibile al costo del personale indeducibile.

Si dovrà calcolare il rapporto percentuale tra l’imposta sul costo del lavoro e il totale dell’Irap dovuta. Queste percentuali, che andranno quantificate distintamente sulla dichiarazione dell’anno precedente e su quella dell’anno in corso, si applicheranno, rispettivamente, al saldo e agli acconti versati nell’esercizio, giungendo così a determinare l’importo di Irap deducibile dal reddito.

Il rimborso Irap per anni pregressi

Vi ricordiamo che il c.d. Decreto Semplificazioni, D.L. 16/2012, ha inoltre consentito ai contribuenti di richiedere il rimborso della maggiore Ires (o Irpef) pagata in anni precedenti al 2012 a seguito della mancata deducibilità analitica dell’Irap sul personale, allora prevista.

Le istanze di rimborso potranno riguardare i pagamenti Ires (o Irpef) effettuati nei 48 mesi precedenti la data di entrata in vigore del Decreto Salva Italia. Siamo sempre in attesa del Provvedimento dell’Ag. Entrate che fissi modelli, modalita’ e termini, senza il quale non e’ possibile avanzare istanze di rimborso. Ma poi ce li rimborseranno? Saremmo piu’ tranquilli se ci consentissero la compensazione.

Autore dell'articolo
identicon

Sergio Massa

Dott. Sergio Massa, iscritto all'Albo Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Bologna col n. 214/A, Revisore Svolge attività di consulenza nei confronti di societa', imprese e professionisti in materia contabile, amministrativa, tributaria e societaria, contenzioso tributario,revisione società, procedure concorsuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *