DOSSIER
dossier ccnl lavoro

Lavoro estero 2019

Lavoratori italiani all'estero: come evitare la doppia tassazione e usufruire del credito d’imposta

Non sempre è facile capire immediatamente quale sia il sistema di tassazione dei redditi percepiti all’estero da cittadini italiani in quanto gli aspetti da considerare sono molteplici e le regole possono essere diverse a seconda delle singole situazioni personali, dell’esistenza o meno di una Convenzione contro le doppie imposizioni stipulata tra l’Italia e lo Stato estero nel quale viene prodotto il reddito, del periodo di permanenza all’estero, dell’iscrizione o meno all’Aire, ecc. 

Maggiori informazioni sul lavoro estero 

➤ Rassegna Stampa
 Approfondimenti
➤ Normativa / Circolari
➤ Domande e risposte
➤ E-book e guide

In generale, in base al cd “principio della tassazione mondiale” (World Wide Taxation Principle), sul quale si fonda il sistema fiscale di molti Paesi europei e che è stato adottato anche dalla legislazione fiscale italiana, il cittadino che lavora all’estero, mantenendo la residenza italiana, ha comunque l’obbligo di pagare le imposte in Italia anche sui redditi prodotti all’estero, salvo che sia diversamente indicato nelle Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni.
Le eventuali imposte pagate a titolo definitivo nei Paesi in cui i redditi sono stati percepiti si possono comunque detrarre da quelle italiane, sotto forma dicredito d’imposta, nei limiti stabiliti dall’articolo 165 del Tuir (DPR 917/86).

Ti potrebbero interessare gli ebook:

Il Lavoro all'estero - 370 risposte in 460 pagine

 
Se non trovi la tua risposta poni il tuo quesito sul Forum: Lavoro all'Estero - Rubrica per i lavoratori espatriati
 
oppure poni un quesito al nostro esperto Lavoro Estero: Richiesta Quesito Online




Rassegna stampa del 14/06/2019

Distacco trasnazionale tra sede principale e secondaria

Risposta INL a un quesito sulla violazione per distacco simulato tra sede centrale e secondaria di una azienda stabilità nella UE
Rassegna stampa del 12/06/2019

Certificazione A1: novità nella richiesta

Cos'è e come si richiede il certificato A1 sulla legislazione sociale applicabile. Per alcune tipologie richiesta telematica obbligatoria dal 1 settembre 2019
Speciale del 05/06/2019

730/2019: chi lo deve presentare? Chi è esonerato?

Dichiarazione dei redditi 730/2019 riferita all'anno di imposta 2018: ecco chi la deve presentare e quali sono i casi di esonero.
Rassegna stampa del 04/06/2019

Regime Impatriati circolare della Fondazione Studi

Chiarimenti ed esempi sulle novità dei bonus fiscali per i lavori impatriati in un documento della Fondazione Studi consulenti del lavoro
Rassegna stampa del 04/06/2019

Redditi esteri: quattro nuovi principi di diritto dell'Agenzia delle Entrate

Fiscalità estera: convenzioni contro le doppie imposizioni, paradisi fiscali, territori a regime fiscale privilegiato e tassazione utili esteri tra i chiarimenti forniti
Normativa del 27/05/2019

E' legge il D.L. 22/2019: Sicurezza e stabilità in caso di Brexit senza accordo

Ecco il testo coordinato con la legge di conversione (legge 41/2019) del Decreto Brexit, il DL 22/2019 sulla sicurezza e stabilità in caso di "Brexit" senza accordo
Rassegna stampa del 21/05/2019

Legge europea: novità per agenti immobiliari e qualifiche professionali

Nuove prescrizioni nella legge europea 2018 (n.37 2019) per agenti di affari e sul riconoscimento delle qualifiche professionali .Infrazione sulle limitazioni agli agenti immobiliari
Speciale del 10/05/2019

Il trasferimento all’estero della residenza fiscale delle persone fisiche

Guida per le persone fisiche che lavorano all'estero: tutto quello che bisogna sapere per non incappare in errori nei confronti del fisco italiano
Rassegna stampa del 03/05/2019

Impatriati: il Decreto Crescita amplia le agevolazioni

Sgravi maggiori e durata prolungata e platea piu ampia per il regime dei lavoratori impatriati ; Novità anche per il rientro dei cervelli (docenti e ricercatori)
Normativa del 11/04/2019

Brexit ed effetti fiscali: punto di assistenza ad hoc per rispondere ai quesiti

Si chiama “Info Brexit” il punto di assistenza che fornisce risposte ai quesiti dei cittadini, residenti e non, sui risvolti fiscali derivanti dall’uscita del Regno Unito dall’Unione europea