HOME

/

LAVORO

/

LAVORO ESTERO 2022

/

RESIDENZA FISCALE E ISCRIZIONE ALL'AIRE: COSA È CAMBIATO

Residenza fiscale e iscrizione all'AIRE: cosa è cambiato

Iscrizione nell'anagrafe della popolazione residente requisito prioritario ma non piu' esclusivo per determinare la residenza fiscale

L’iscrizione nell’anagrafe delle persone fisiche residenti si pone come elemento prioritario al fine di determinare la residenza fiscale in Italia.

Nell’ipotesi in cui il soggetto abbia, di fatto, stabilito la propria dimora abituale all’estero, senza aver badato a cancellarsi dall’anagrafe della popolazione residente in Italia, è considerato residente in Italia, per presunzione assoluta. Solamente con il Decreto crescita (D.L. 34/2019), è stato superato  il requisito di iscrizione all'Aire in base a limiti ben precisi e definiti.

Ti potrebbero interessare gli ebook:

1) Il problema dell'iscrizione all'Aire prima del Decreto Crescita

A questo proposito occorre rilevare che in alcuni casi l’Amministrazione finanziaria si è espressa in modo non uniforme al principio suesposto. Con la decisione della Commissione tributaria centrale del 18 gennaio 1996 n. 1649, è stato indicato quale elemento discriminante, la situazione effettivamente riscontrata per cui “al fine di ritenere che un soggetto non sia residente è sufficiente accertare che egli abbia dimorato all’estero per più di sei mesi dell’anno di riferimento per ragioni diverse da quelle di servizio, nell’interesse dello Stato o di altri enti pubblici”.

Quest’orientamento, tuttavia, non appare condiviso né dalla dottrina, né dalla stessa Corte di Cassazione. Si reputa, infatti, che l’iscrizione nelle anagrafi comunali delle persone residenti costituisca, di per sé, criterio assoluto di coincidenza con il domicilio. Pertanto, non occorre verificare che la persona fisica abbia la dimora o la sede dei propri affari in un luogo diverso. Anzi, si esclude che il soggetto abbia la possibilità di dimostrare il contrario. Il giudice di legittimità, a sua volta, pur ammettendo la mancata coincidenza tra residenza anagrafica e dimora abituale, ritiene che, ai fini impositivi, operi una presunzione assoluta tra i due luoghi.

L’iscrizione nelle anagrafi della popolazione residente è disciplinato dalla legge 24 dicembre 1954, n. 1228, e dal relativo regolamento di attuazione (d.P.R. 30 maggio 1989, n. 223). Il regolamento prevede che il presupposto per l’iscrizione all’anagrafe è l’avere nel comune la propria dimora abituale o, per le persone senza fissa dimora l’avervi stabilito il proprio domicilio. Non cessano di appartenere alla popolazione residente i soggetti che dimorano temporaneamente in altri comuni o all’estero per l’esercizio di occupazioni stagionali o per cause di durata limitata.

I cittadini italiani che hanno invece stabilito la propria dimora abituale all’estero, devono cancellarsi dall’anagrafe della popolazione residente e iscriversi all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire).

Accanto all’anagrafe della popolazione residente esiste pertanto un ulteriore distinto sistema anagrafico, che risponde alle esigenze diverse ed i cui effetti si riflettono sul settore dell’imposizione diretta.

È comunque importante ripetere che, la numerosa giurisprudenza della suprema Corte (Cassazione sentenza n. 1812 del 17 luglio 1967Cassazione sentenza n. 4829 del 20 settembre 1979; Cassazione sentenza n. 2070 del 24 marzo 1983; Cassazione sentenza n. 791 del 5 febbraio 1985) abbia ribadito che la cancellazione dall’anagrafe dei residenti in Italia e la successiva iscrizione all’Aire, non costituisce prova della propria residenza fiscale all’estero.

Per approfondire rimandiamo all'eBook Il Lavoro all'estero 2022  - da cui è tratto questo breve speciale. L'ebook alla quarta edizione contiene oltre 420 risposte raggiungendo 582 pagine.

2) Il problema dell'iscrizione all'Aire dopo il Decreto Crescita

Tutta questa incertezza,  in merito all'iscrizione all'AIRE (Anagrafe italiani residenti all'estero),  è stata in qualche modo superata nel "Decreto crescita" (D.L. n. 34 del 30/4/2019 - articolo 5 commi 1 e 2) per quei lavoratori che, nonostante avessero lavorato in modo continuativo all'estero, acquisendo di fatto la residenza estera, non si erano iscritto all'Aire.  

Ora, alla luce della presente normativa, per accedere al regime agevolato non è più necessaria la pregressa iscrizione all'Aire, purchè abbiano avuto la residenza fiscale in un altro Stato con cui è in essere una convenzione contro le doppie imposizioni, nei due periodi d'imposta precedenti il trasferimento in Italia. Il criterio valutativo sulla residenza fiscale (a prescindere dall'iscrizione nell'anagrafe degli italiani residenti all'estero), viene dunque demandata alla normativa contenuta nell'articolo 4 della convenzione OCSE, che stabilisce le modalità di definizione della residenza fiscale in base ai parametri cd. "tie  break rules" (criteri a cascata) che puntano ad individuare l'unicità della residenza fiscale, definendola in capo ad uno dei due Stati.

--------------

N.B.  Questo argomento viene ulteriormente approfondito nel successivo paragrafo 6 (Incentivi volti al rientro dei lavoratori operanti all'estero) dell'eBook 

Il Lavoro all'estero 2022 (eBook)  - da cui è tratto questo speciale. L'ebook alla quarta edizione contiene oltre 420 risposte raggiungendo 582 pagine.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO ESTERO 2022 · 29/06/2022 Estensione regime speciale per lavoratori impatriati: entro il 30 giugno l'opzione

Le modalità di esercizio dell'opzione entro il 30 giugno 2022 per l'estensione del regime speciale per lavoratori impatriati per un ulteriore quinquennio

Estensione regime speciale per lavoratori impatriati: entro il 30 giugno l'opzione

Le modalità di esercizio dell'opzione entro il 30 giugno 2022 per l'estensione del regime speciale per lavoratori impatriati per un ulteriore quinquennio

Regime impatriati: proroga da chiedere entro il 30 giugno

Per i lavoratori impatriati che hanno goduto del regime agevolato quinquennale fino al 31.12.2021 la proroga va richiesta entro fine mese. Ecco i requisiti e le modalità

Verifiche esistenza in vita Inps 2022: deroga per l'Ucraina

Nuove istruzioni sulle verifiche di accertamento dell'esistenza in vita per il pagamento delle prestazioni INPS all'estero: eccezione per i residenti in Ucraina

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.