Opzione per i minimi – ultimo giorno oggi 30 luglio- Tutti i dettagli last minute!

di Francesca Romana Bottari CommentaIn Dichiarazioni

La SCADENZA per esercitare l’opzione per il regime dei minimi o regime di vantaggio è oggi, trattandosi del 29 Luglio 2012 che, essendo domenica, pospone la scadenza a lunedì 30 luglio, vale a dire 60 giorni dalla data di pubblicazione della circolare n.17 dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando il nuovo modello di dichiarazione di inizio attività AA9/11 approvato il 18 maggio 2012.

Dare comunicazione entro il 30 luglio eviterà le sanzioni a coloro che avessero avviato l’attività nel 2012, ma omesso la dichiarazione di inizio.

Anche coloro che avessero utilizzato il precedente modello, barrando la casella nella sezione “Regime per i contribuenti minimi previsto dall’art. 1, comma 96 e seguenti, della L. 24 dicembre 2007, n. 244”, sono considerati in regola, essendo ciò inteso come espressione di voler aderire al nuovo regime fiscale di vantaggio.

Con la dicitura “inizio attività” si intendono le prime operazioni che hanno dato effettivamente inizio all’attività e non si deve intendere invece la data di apertura della partita IVA.

Questo significa che l’acquisto del macchinario, di beni destinati alla rivendita o da utilizzare per prestazioni di servizi vanno intesi come presuntivi dell’inizio dello svolgimento dell’attività stessa.

La durata di questa opzione è per l’anno in cui si effettua la scelta ed i quattro successivi. Fa comunque da termine il compimento dei trentacinque anni di età. Questo significa dunque che il quinquennio è prolungabile fino ai 35 anni max.

Il contribuente minimo può anche optare per l’applicazione dell’Iva e delle imposte sul reddito nei modi ORDINARI. In questo caso, l’opzione si comunica con la prima dichiarazione annuale Iva e ha durata triennale ma può anche avvenire per comportamento concludente ossia addebitando l’imposta sul valore aggiunto ai committenti o ai cessionari ovvero esercitando il diritto alla detrazione dell’Iva.

I contribuenti che optano per il regime ordinario devono porre in essere tutti gli adempimenti dai quali erano precedentemente esonerati. L’opzione resta valida per almeno un triennio trascorso il quale si rinnova di anno in anno fino a quando permane la concreta applicazione della scelta operata.

CHI SONO I “MINIMI” ? Sono coloro titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo che nell’anno solare precedente hanno conseguito ricavi o compensi non superiori a 30.000 euro, non hanno effettuato cessioni all’esportazione o operazioni assimilate, non hanno sostenuto spese per lavoro dipendente o per collaboratori, non hanno erogato somme forma di utili di partecipazione agli associati con apporto costituito da solo lavoro, nel triennio precedente non hanno acquistato beni strumentali di valore complessivo superiore a 15.000 euro anche mediante contratti di appalto e di locazione.

NON SONO “MINIMI” i non residenti in Italia, i soggetti che effettuano in via esclusiva o prevalente operazioni di cessione di terreni edificabili, fabbricati o porzioni di esso e mezzi di trasporto nuovi.
ATTENZIONE ! Come avrete notato, l’esclusione riguarda il soggetto e non l’attività d’impresa esercitata. Questo vuol dire che se il soggetto svolge 2 attività, delle quali una delle due possiede i requisiti di accesso, quel soggetto NON potrà comunque accedere al regime dei minimi.

Il reddito si calcola con il principio di cassa (ricavi meno spese all’atto dell’operazione). I contributi previdenziali e assistenziali si deducono dal reddito, al quale si applica l’imposta del 5% sostitutiva di IRPEF e addizionali regionali (l’aliquota dell’ex regime dei minimi era al 20%). La nuova agevolazione prevede l’esonero dalla ritenuta d’acconto.

Nell’ F24 i codici tributo da utilizzare sono stati comunicati nella risoluzione n. 52/E del 25 maggio.

Autore dell'articolo
identicon

Francesca Romana Bottari

Docente Universitario in Tributario a Londra. Dottore Commercialista e Certified Accountant. Ha formato la sua esperienza professionale svolgendo attività di consulenza aziendale all'estero ed in Italia Autore di numerose pubblicazioni tecniche, e ricerche E' 1,000 Curricula Eccellenti Fondazione Bellisario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *