Dispositivi medici detraibili: Ok per il Test di autodiagnosi per le intolleranze alimentari

di Chiara Porrovecchio 3 CommentiIn Dichiarazioni, Le detrazioni per risparmiare

I Dispositivi medici diagnostici in vitro (IVD) 1 cui rientra per esempio il test per le intolleranze alimentari ed il test di autodiagnosi per la celiachia, sono detraibili dall’IRPEF.

Lo conferma l’Agenzia delle Entrate 2, che in allegato alla circolare n. 20 del 13 maggio 2011 ha inserito un elenco dei dispositivi di uso più comune.
Come noto, non esiste un elenco esaustivo dei dispositivi medici detraibili che possa essere oggetto di consultazione. Ciò in quanto i decreti legislativi relativi al settore sanitario si riferiscono a tutte quelle apparecchiature, prodotti e strumentazioni che sono dichiarati conformi alle normative comunitarie e pertanto vengono marcati “CE” dal fabbricante.

Per stabilire un criterio alla detraibilità sostenute per l’acquisto dei dispositivi medici l’Agenzia delle Entrate con il citato documento di prassi ha chiarito che dal punto di vista fiscale il contribuente ha diritto alla detrazione qualora:

– dallo scontrino o dalla fattura appositamente richiesta, risulti il soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo medico;
– che la spesa sia stata sostenuta per dispositivi medici contrassegnati dalla marcatura CE.3

________________________________________________________________

1 Decreto Legislativo n. 332 del 2000.

2 Acquisito il parere del Ministero della Salute.

3 che ne attesta la conformità alle direttive europee 93/42/CEE, 90/385/CEE e 98/79/CE.

Autore dell'articolo
identicon

Chiara Porrovecchio

Funzionario presso una Agenzia Fiscale; oggi si occupa di attività di Audit Interno nell’ambito della Direzione Regionale del Piemonte. In precedenza ha svolto attività di consulente telefonico fiscale presso il Call Center di Torino. Abilitata all’esercizio delle professioni contabili e della Revisione legale (non esercente tuttavia in quanto attività non compatibile con quella di pubblico dipendente) è ricercatore in materie economiche tributarie dal 2008, anno in cui ha conseguito il Dottorato presso l’Università degli studi di Palermo. Autrice di numerosi articoli per il sito web www.fiscoetasse.com. Collabora dal 2013 alla Rivista mensile Fiscalità Estera.

Comments 3

  1. Buonasera, recentemente ho ristrutturato un vano per il quale godo dei benefici fiscali. Dovendo acquistare, per il suddetto vano, un materasso con marchio CE, posso usufruire contemporaneamente della detrazione per dispositivo medico e del bonus mobili. Grazie.

  2. Buongiorno,

    vorrei sapere se la spesa sostenuta in gravidanza per la ricerca del DNA (Prenatal test) , genoma, è detraibile come spesa medica nella dichiarazione dei redditi? Non ho trovato indicazioni che me la escludessero in quanto fra le non detraibili parla solo di ricerca DNA per la paternità, nè ho trovato il contrario. Grazie mille!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *