Autotrasporto: recupero accise entro il 31 gennaio

Fino al 31 gennaio 2017 gli esercenti attività di trasporto possono presentare l’apposita richiesta per il recupero delle accise sul gasolio da autotrazione consumato nel quarto trimestre 2016.

La dichiarazione, necessaria per la fruizione dei benefici fiscali in questione, è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Dogane, sito sul quale può scaricarsi anche il software idoneo alla compilazione.

Alla richiesta vanno allegati un elenco riepilogativo delle fatture relative al gasolio acquistato dal 1° ottobre al 31 dicembre 2016 e la copia dei libretti di circolazione dei mezzi che hanno usufruito dei rifornimenti.

Il modello così compilato va inviato all’Agenzia delle Dogane territorialmente competente in formato cartaceo e su supporto informatico, cd-rom o penna usb. La domanda può anche essere inviata telematicamente previa richiesta di credenziali all’Agenzia delle Dogane di competenza.

Si ricorda che hanno diritto al beneficio:

a) gli esercenti l’attività di trasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate;

b) gli enti pubblici e le imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto di cui al D.Lgs. 422/1997, e relative leggi regionali di attuazione;

c) le imprese esercenti autoservizi interregionali di competenza statale di cui al D.Lgs. 285/2005, le imprese esercenti autoservizi di competenza regionale e locale di cui al citato D.Lgs. 422/1997, le imprese esercenti autoservizi regolari in ambito comunitario di cui al Regolamento (CE) n. 1073/2009 del Parlamento europeo;

d) gli enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone.

Si noti bene che, dal 1° gennaio 2016, non possono fruire del beneficio i mezzi di trasporto di categoria Euro 2 ed inferiori, in seguito ad una maggiore restrizione operata dalla Legge di Stabilità 2016.

Leggi l’articolo Credito d’imposta accise gasolio solo per veicoli almeno Euro 3

La misura del beneficio riconoscibile è pari a:

-€ 214,18609 per mille litri di prodotto, in relazione ai consumi effettuati tra il 1° ottobre ed il 2 dicembre 2016, in attuazione dell’art. 61, comma 4, del D.L. n. 1/2012, convertito, con modificazioni dalla Legge n. 27/2012;

– € 214,18 per mille litri di prodotto, in relazione ai consumi effettuati tra il 3 dicembre ed il 31 dicembre 2016, in attuazione dell’art. 24-ter, comma 1, del D.Lgs. n. 504/95 e del Punto 4-bis dell’allegata Tabella A.

Il recupero delle accise verrà riconosciuto dall’Agenzia delle Dogane con un credito che l’impresa può alternativamente utilizzare in compensazione in F24, con codice tributo 6740, o in alternativa chiedere a rimborso.

Si evidenzia, inoltre, che, secondo quanto stabilito dall’art. 61 del D.Lgs. n. 1/2012, rispetto ai crediti riconosciuti con riferimento ai consumi effettuati a decorrere dal 2012 non operano le limitazioni previste dall’art. 1, comma 53, della Legge n. 244/2007. Tali crediti, infatti, possono essere compensati anche lì dove l’importo complessivo annuo dei crediti d’imposta derivanti dal riconoscimento di agevolazioni concesse alle imprese, indicati nel quadro RU del modello Unico, superi il limite di € 250.000.

I crediti, sorti con riferimento ai consumi relativi al terzo trimestre dell’anno 2016, potranno essere utilizzati in compensazione entro il 31 dicembre 2017. Dopo tale data, qualora, si disponga ancora di crediti in eccedenza non utilizzati in compensazione, questi ultimi dovranno essere obbligatoriamente chiesti a rimborso mediante apposita istanza da presentarsi non oltre il 30 giugno 2018.

Conclusivamente, si ricorda che,  il dichiarante ammesso alla fruizione dei benefici per il settore dell’autotrasporto è comunque passibile di controlli da parte dell’Agenzia delle Dogane e qualora le sue dichiarazioni non dovessero essere conformi alla realtà, si rende applicabile la disposizione di cui all’art. 75 del D.P.R. n. 445/2000, con conseguente decadenza dai benefici ottenuti per effetto della dichiarazione infedele.

Ti puo interessare anche l’articolo Come ottenere il rimborso sul gasolio consumato


Articolo pubblicato il 8/01/2017 in Dichiarazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Dottore Commercialista e Revisore dei Conti iscritta all’albo dei Dottori Commercialisti di Vasto al n. 146/A. Mi occupo di consulenza fiscale, aziendale e del lavoro presso aziende, società e professionisti.

Archivio

Ultimi Articoli

Speciale IMU

Tutti gli Autori del Blog




Condizioni e Termini di utilizzoInformativa sulla PrivacyElenco dei Blogger