Articoli sanitari di uso comune: agevolazioni fiscali

di Rag. Luigia Lumia CommentaIn Dichiarazioni, Le detrazioni per risparmiare

La spesa sostenuta per l’acquisto di un prodotto qualificato come dispositivo medico in base ai provvedimenti emanati dal Ministero della salute è sempre detraibile dall’Irpef, anche se si tratta di prodotti di uso comune. Inoltre la norma non prevede limitazioni riguardo alla struttura che commercializza il prodotto, quindi è possibile considerare detraibile la spesa anche se l’acquisto è stato effettuato in un supermercato.

Articoli detraibili a prescindere dalla patologia

Per la detrazione conta, dunque, solo la classificazione non la patologia. Non è richiesto, così ad esempio, che si debba soffrire di patologie croniche per poter detrarre l’acquisto di siringhe. Tra i prodotti nella lista ci sono, infatti, garze e cerotti, aghi e siringhe, ghiaccio istantaneo, medicazioni pronte. Nessuna eccezione all’agevolazione fiscale a patto che sia specificata la tipologia del prodotto sul documento di acquisto. In caso di dubbio relativo al prodotto acquistato, l’unico testo che può essere utilizzato come riferimento è l’elenco ufficiale dei dispositivi medici. Quando il prodotto è nella lista la detrazione è sempre ammessa.

Per la detrazione occorre produrre la seguente documentazione:

›    Scontrino con dati fiscali o fattura con specifica del prodotto acquistato
›    prescrizione del medico o autocertificazione.

Per maggiori approfondimenti rimandiamo al Dossier sul 730


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Luigia Lumia

Esercita la professione di commercialista dal 1978. Fondatrice del sito www.fiscoetasse.com dal 1999 segue quotidianamente l'aggiornamento del sito, i social network , il Forum, il Blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *