Le aliquote Imu 2013 e la dichiarazione Imu per i fabbricati classificabili nel gruppo D

di Francesca Romana Bottari CommentaIn Commenti Giurisprudenza e Prassi, IUC (Imu - Tasi - Tari)

Imu e risoluzioni Mef del 28 marzo 2013.

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato con data 28 marzo la risoluzione n. 5/DF con la quale al punto 2 ribadisce che:

– il versamento della prima rata è da effettuarsi entro il 17 giugno (il 16 cade di domenica);

– per il calcolo delle aliquote vigenti “il contribuente deve tenere conto delle aliquote pubblicate entro il 30 aprile 2013 sul sito informatico www.finanze.it“.

Attenzione, a seguire è esplicitamente riportato che: ”… l’art. 13, comma 13-bis, del D. L. n. 201 del 2011 stabilisce che, a partire dall’anno di imposta 2013, l’efficacia delle deliberazioni di approvazione delle aliquote e della detrazione dell’IMU, decorre dalla data di pubblicazione nel predetto sito informatico e che gli effetti delle deliberazioni stesse retroagiscono al 1° gennaio dell’anno di pubblicazione nel sito informatico, a condizione che detta pubblicazione avvenga entro il 30 aprile dell’anno a cui la delibera si riferisce. In caso di mancata pubblicazione entro il termine del 30 aprile, le aliquote e la detrazione si intendono prorogate di anno in anno.
Al riguardo, si precisa che, nel caso in cui, alla data del 30 aprile 2013, non risulti pubblicata alcuna deliberazione relativa al 2013, il contribuente dovrà verificare l’avvenuta pubblicazione sullo stesso sito della deliberazione relativa al 2012 che troverà applicazione in virtù del combinato disposto dell’art. 1, comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e dell’art. 13, comma 13-bis, del D. L. n. 201 del 2011.
Nel caso in cui la deliberazione non risulti pubblicata neanche per l’anno 2012, il contribuente applicherà le aliquote fissate dalla legge ” (aliquote standard: 0,4% prima casa, 0,76% altri immobili nda).

Inoltre, per le imprese e i contribuenti, il 2 aprile scade il termine per:

– la presentazione della dichiarazione sugli immobili del gruppo D non iscritti al Catasto o iscritti senza rendita;

– l’iscrizione al Catasto degli immobili fantasma.

Tali adempimenti sono contemplati nella risoluzione successiva, la n. 6/DF, sempre con data 28 marzo 2013.
Il MEF ha qui chiarito che è di 90 giorni dalla chiusura del periodo di imposta il termine per la dichiarazione IMU sui fabbricati classificabili nel gruppo D non presenti in Catasto o senza attribuzione di rendita, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati. Ciò significa che:

– la Dichiarazione 2012 va presentata entro il 2 aprile 2013, in base dei coefficienti del Dm 5 aprile 2012;

– la Dichiarazione 2013 va presentata entro il 31 marzo 2014.

Gli “immobili fantasma” sono quelli non dichiarati o modificati all’insaputa del Fisco e poi emersi tramite attività di accertamento (foto aeree, sopralluoghi…), in base all’art. 19 comma 10 del Dl 78/2010. A questi fabbricati viene attribuita una rendita presunta.
Non serve la dichiarazione per:

– ampliamento o accatastamento già dichiarato;

– fabbricato demolito;

– fabbricato esente da accatastamento;

– fabbricato non esistente sul terreno indicato.

Il Comunicato in G.U. datato 30/XII/2012 dell’’Agenzia del Territorio elenca i Comuni in cui è stata accertata la presenza di immobili fantasma, per i quali quindi sono state determinate le rendite d’ufficio.
Le posizioni sono regolarizzabili senza ulteriori sanzioni, entro il 30 marzo, che cadendo di Sabato, da la possibilità ai proprietari di presentare l’aggiornamento catastale entro martedì 2 aprile.
Oltre tale termine, si incorrerà nelle sanzioni previste dall’art. 2, comma 12, del dlgs 23/2011 (da 1.032 a 8.264 euro).
Gli elenchi delle particelle di terreno sulle quali risultano fabbricati non dichiarati si possono consultare sul sito dell’Agenzia del Territorio o recandosi presso gli uffici provinciali dell’Agenzia.
Ricordo infine che se dovesse verificarsi il caso di dati catastali da correggere, potete andare al seguente indirizzo dell’Agenzia del Territorio ove è previsto il servizio on line http://www.agenziaterritorio.it/site.php?id=1272

 

 

Autore dell'articolo
identicon

Francesca Romana Bottari

Docente Universitario in Tributario a Londra. Dottore Commercialista e Certified Accountant. Ha formato la sua esperienza professionale svolgendo attività di consulenza aziendale all'estero ed in Italia Autore di numerose pubblicazioni tecniche, e ricerche E' 1,000 Curricula Eccellenti Fondazione Bellisario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *