Nuova moratoria per mutui e finanziamenti per il triennio 2015-2017

di Andrea Mannara 17 CommentiIn Legge di Stabilità

La legge di stabilità per l’anno 2015, approvata in via definitiva dal Parlamento il 22/12/14, ha previsto una nuova moratoria per i mutui e i finanziamenti a favore delle famiglie e delle piccole imprese.

DI COSA SI TRATTA
La moratoria consente di sospendere il pagamento della quota capitale della rata di mutui bancari e finanziamenti, per un triennio cioè dal 2015 al 2017.
Rimane, dunque, da pagare soltanto la quota interessi.
Le banche non richiedono commissioni aggiuntive per sospendere il pagamento della quota capitale, e così dovrebbero fare tutti gli altri istituti di credito e società finanziarie che concedono mutui e finanziamenti.

SCADENZE
Entro il 31 marzo 2015 si attende il protocollo di intesa tra Ministero e banche, che conterrà la disciplina dettagliata per poter accedere alla moratoria.
Fino alla emanazione del nuovo protocollo di intesa, restano valide le norme contenute nel precedente accordo bancario, scaduto il 31/12/14 e prorogato sino al 31/03/15.

MOTIVAZIONI
Dal 2009, la moratoria è una delle misure della strategia anti credit crunch.
La possibilità di sospendere i mutui rappresenta una vera e propria boccata d’ossigeno per le imprese e le famiglie in evidente difficoltà economica a causa del perdurare della difficile congiuntura economica.
La Legge di Stabilità approvata dal Governo ha confermato il rifinanziamento del Fondo di solidarietà effettuato dal D.L. 102/2013 continuando a dare la possibilità alle famiglie di sospendere le rate dei mutui, in caso di difficoltà.

Nelle prossime settimane sarà siglato l’accordo tra il Governo e l’ABI in merito alla nuova moratoria sui mutui.

All’interno dell’accordo sarà possibile rinvenire tutte le risposte alle domande attualmente irrisolte.

Sarà nostra cura tenervi aggiornati con i successivi articoli.

Autore dell'articolo
identicon

Andrea Mannara

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti, è iscritto all'Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania. Specializzato in economia aziendale, contabilità e bilancio, opera nell'ambito della consulenza amministrativa, contabile, fiscale e del lavoro. Ha maturato una notevole esperienza nell'ambito della revisione contabile, soprattutto in aziende di credito, finanziarie, assicurazioni, industriali e commerciali. Si occupa anche di contenzioso tributario ed è consulente tecnico del giudice. Dal 2013 collabora con l'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania sulle tematiche relative alla legislazione e alle politiche fiscali del territorio. Impegnato in parrocchia e nel volontariato, è attento conoscitore dei riti liturgici. Amante della musica classica, svolge anche il servizio di organista nella propria parrocchia".

Comments 17

  1. Vorrei cortesemente ricevere il protocollo d’intesa tra Ministero e Banche, al fine di poterlo applicare alla mia realtà debitoria e….
    respirare.
    Grazie di cuore

    1. Ad oggi non è ancora stato firmato il protocollo di intesa tra banche e ministero, nelle more le consiglio di informarsi con la sua banca.

      1. Anche io sono in attesa del protocollo di intesa per la sospensione del pagamento della quota capitale sulle rate del mutuo e di vari piccoli finanziamenti.
        Ho già scritto alla banca per il mutuo, hanno risposto che non si possono pronunciare in quanto attendono, appunto, questo protocollo.
        Negli ultimi 3 anni ho sofferto molto per via del mancato pagamento degli stipendi per circa due anni, poi ho optato per il pensionamento anticipato.
        Ad oggi ambedue le società (avevo due rapporti part-time) sono fallite, sto recuperando almeno il TFR dal fondo di garanzia Inps.
        Sarei grata al Dott. Mannara per eventuali suggerimenti in merito alla questione.

        1. Innanzitutto mi dispiace per la situazione in cui si è venuta a creare.
          Stanto a quanto scrive, c’è veramente poco da fare. Si è attivata con il fondo di garanzia Inps e ha fatto bene.
          Per recuperare le due annualità non riscosse, dovrebbe citare in giudizio le due società, ma essendo fallite deve insinuarsi nel passivo, se questo è ancora possibile. A quel punto i crediti da lavoro sono crediti privilegiati e in sede di riparto, da parte del curatore fallimentare, avranno la precedenza su altri creditori. Ma questa strada comporta naturalmente dei costi, tranne che lei ha i requisiti per usufruire del gratuito patrocinio.

  2. vorrei gentilmente ricevere la procedura per la sospensione della quota capitale nei confronti di una società finanziaria , quando verrà firmato il protocollo, grazie distinti saluti

  3. Scusate, se posso, vi do un consiglio: state moooolto attenti ai fondi di sospensione dei mutui….. a mio parere questa strada dovrebbe essere utilizzata per il minor tempo possibile…..
    Tecnicamente la procedura è questa…
    le rate sospese finiscono dentro un contenitore chiamato “Zainetto”
    e in questo zainetto si accumulano le rate del periodo o dei vari periodi interessati alla sospensione/i, c’è un particolare, il fatto è che la somma accumulata nello zainetto genera interessi autonomi supplementari composti, (composto significa interessi che si sommano alla cifra confluita nello zainetto che generano altri interessi…) che poi alla fine della fiera bisogna pagare…..
    Non so se anche per questo neo fondo ai nastri di partenza prevede questo metodo di conteggio…..
    quindi il mio consiglio è quello di chiedere alla banca di potere rimborsare la somma accumulata nello zainetto appena si hanno i soldini disponibili e di non aspettare la sorpresa alla fine dell’ammortamento per tentare di contenere i danni….. a mio modo di vedere
    potendo sarebbe da evitare in pratica di tenere lo zainetto pieno sino alla scadenza naturale del piano di ammortamento, uno zainetto lasciato per dieci anni fa risalire drammaticamente l’importo del mutuo.

    Scusatemi del mio intervento….
    Asta la vista, pace e bene….. buona fortuna….

  4. Buon giorno, volevo sapere chi ne può usufruire, io e mia moglie siamo intestatari del mutuo, dal 2008 mia moglie è a casa, perchè non trova lavoro, l’anno scorso ho chiesto la sospensione del mutuo e non mi è stata accetta, dicendomi che mia moglie essendo disoccupata non rientrava nei requisiti richiesti.
    Grazie Corrado

  5. Vorrei sapere le imprese che hanno beneficiato di un solo anno di moratoria e che da poco hanno finito di giovare della vecchia moratoria possono richiederne una nuova alla luce di queste nuove modifiche?

  6. Buongiorno, anch’io sono molto interessato alla sospensione. Chiaro è che chi arriva a tale drastica determinazione nn se la passa poi bene quindi ritengo che il male minore sia accettare i costi dell’operazione … anche se sempre di costi si parla. Anche informalmente nn si sa ancora nulla? Poi potrebbero far slittare uleriormente la data del 31 marzo?
    Grazie per la rispsota

  7. Sono anch’io interessata alla nuova moratoria e in particolare chiedo se l’adesione delle banche è obbligatoria o facoltativa. Quindi nonostante si abbiano tutti i requisisti (pagamento di tutte le rate, nessun debito …) potrebbe anche rifiutarsi la banca se non è adesione obbligatoria? alla faccia della Legge di Stabilità…

  8. Salve. Ho una situazione economica disastrosa.avendo subito una separazione legale da un anno e trovandomi a pagare per intero la rata del mutuo di una casa che tra l altro nn usufruisco piu assegni di mantenimento e prestiti e finanziamenti…. nn riesco a pagare le rate del mutuo. Questa legge quando verrà approvata potrei essere gentilmente avvisato…. intanto la prossima settimana vado in banca. Grazie

  9. dott Mannara, il 31/03/2015 è ormai superato e non ho ancora avuto notizia dalla stampa nè dalla banche a cui ho fatto domanda di che cosa si deve fare, nel frattempo ho deciso di non pagare le rate in scadenza in considerazione che fino a ritardi di gg 90 si può fare domanda, ma in tal maniera sono segnalata a fine mese per insolvenza rate.
    che devo fare?
    dott maria santerini

    1. E’ stato pubblicato il testo dell’accordo tra ABI e ministero, per la definizione dei criteri e dei requisiti per poter accedere alla nuova moratoria.
      A giorni troverà sul blog un mio articolo.

      1. Egregio dottore,
        le sarei particolarmente grato qualora potesse informarmi relativamente al protocollo che attendiamo e alla sua effettiva entrata in vigore.
        Cordiali Saluti.
        Mauro Menchinella

        1. Il protocollo di intesa tra Abi e associazioni dei consumatori è stato siglato ed è operativo.
          Maggiori informazioni presso le banche. La invito anche a leggere l’articolo da me pubblicato sul blog.

  10. Vorrei solo sapere se per la richiesta della moratoria dei finanziamenti alle pmi esiste una limitazione per la data di erogazione o se basta che gli stessi siano erogati prima del 31.12.2014.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *