Il contratto di concessione di vendita nell’ambito internazionale

di Enrico Calore CommentaIn Fiscalità Estera

L’articolo del dott. Enrico Calore pubblicato sul n. 4 della Rivista sulla Fiscalità Estera tratta della “scelta del distributore/concessionario per la commercializzazione dei propri prodotti sui mercati esteri. Il contratto atipico di concessione e le inevitabili problematiche derivanti dalla mancanza di specifiche leggi di riferimento. La distribuzione in ambito extra- europeo e le conseguenze in caso di risoluzione contrattuale, con particolare riferimento al preavviso e alla relativa indennità.”

È noto che la distribuzione dei prodotti sui mercati esteri può avvenire mediante una propria rete di agenti di commercio direttamente incaricati dalla società italiana o attraverso una serie di concessionari, che altro non sono che imprenditori stranieri ai quali vengono assicurate fornitu- re continuative di beni a condizioni vantaggiose, in considerazione della loro struttura organizzativa in grado di assicurare la migliore diffusione sul mercato dei prodotti in questione.

Nella pratica commerciale, si riscontra poi l’esistenza di un altro mezzo di penetrazione nei mercati esteri quando si prendono in considerazione forniture di beni di particolare valore economico: si pensi a macchinari o impianti progettati e venduti ad hoc, vale a dire per risponde re a specifiche esigenze del cliente. Ebbene, in tal caso è evidente che il contratto di vendita seguirà una trattativa che intercorre direttamente tra venditore e compratore senza alcuna intermediazione di terzi, concessionari o agenti che dir si voglia.

d eccezione del Belgio, paese nel quale esiste una specifica normativa, normalmente il contratto di concessione non è regolato da alcuna legge: in Italia, ad esempio, si parla di contratto atipico proprio perché né nel codice civile né in altre leggi si rinvengono disposizioni che lo disciplinano.

L’articolo completo puo’ essere letto acquistando la Rivista Fiscalità Estera n. 4/2012  di cui si riporta il Sommario Completo:

Aspetti ed elementi contrattuali

Il contratto di concessione di vendita nell’ambito internazionale – di Enrico Calore

Aspetti Fiscali

Fisco irlandese di Guido Ascheri

Imputabilità della residenza fiscale italiana al cittadino residente nel Regno unito e soggetto al regime “resident but not domicilied” di Giovanni Elia

Dichiarazione di investimenti all’estero esperienza americana e italiana a confronto di Marco Q. Rossi

La tassazione delle società in corea del sud  di Lorenzo Riccardi

Samara e le sue potenzialità di Ana Maria Pérez Magdalena

Varie

Tax residency – Residenza fiscale di Francesca Romana Bottari

L’e-Commerce come canale di vendita all’estero: stato dell’arte e opportunità di Stefano Grigoletti

L’incubatore aziendale di Fulvio Degrassi

UE: libertà di spostamento dei lavoratori residenti in UE e trattamento contributivo e previdenziale: distacco di Fulvio Degrassi

Quesiti

Domande & Risposte

La Rivista è disponibile anche in Abbonamento


Autore dell'articolo
identicon

Enrico Calore

Enrico Calore (nato a Padova il 16 luglio 1960) si laurea in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Padova nel 1984 con una tesi in diritto del lavoro sulla Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria. Dopo aver maturato una significativa esperienza aziendale, svolgendo le mansioni di responsabile dell’ufficio legale di un’industria operante nel settore cosmetico, si iscrive all’Albo degli Avvocati di Padova nel 1993. Da allora esercita la professione legale, prestando la propria attività principalmente a favore delle Aziende nell’ambito delle problematiche attinenti il diritto commerciale, sia a livello di assistenza e consulenza stragiudiziale che nella fase contenziosa. Collabora, inoltre, da qualche anno con una rivista dedicata agli agenti commerciali, pubblicando articoli di commento alle più significative pronunce giurisprudenziali. Sempre attento alle tematiche professionali, ha ricoperto per alcuni anni la carica di Vice- presidente della Camera Civile degli Avvocati di Padova, libera associazione forense nella quale continua ancor oggi ad operare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *