DOSSIER
Dossier Agenti e Rappresentanti

Agenti e Rappresentanti

Enasarco, Irap, deducibilità dei costi dell'auto: un dossier su come gestire l'attività di agente e rappresentante di commercio

Una professione molto diffusa è quella dell’Agente e Rappresentante di commercio. 

L’agente di commercio (monomandatario o plurimandatario) è colui che si impegna, a fronte di un corrispettivo, per la conclusione di futuri contratti per conto dell’azienda preponente, con cui detiene un rapporto (stabile, continuo, indipendente), in una zona determinata, che potrà essere esclusiva o meno.
Gli agenti sono tutelati a livello previdenziale  dall'ENASARCO, primo gestore in Italia di tale forma di tutela per gli Agenti e i Rappresentati, avente come obiettivo: quello di garantire prestazioni adeguate e certe agli agenti e rappresentanti di commercio. Per il 2018 l'aliquota contributiva è pari al 16% di cui 3% a titolo di solidarietà. Trovi qui l'articolo completo con minimali e massimali e scadenze.

Maggiori informazioni su agenti e rappresentanti di commercio

➤ Rassegna Stampa
➤ Approfondimenti
➤ Normativa / Circolari
➤ Guide PDF e Tool

Potrebbe interessarti l'e-book sugli Agenti e Rappresentanti di Commercio con tutti gli aspetti giuridici,amministrativi, previdenziali, contabili e fiscali

Ricordiamo che la figura professionale dell’agente (e del rappresentante) si differenzia da altre figure che potrebbero sembrare ad esso affini. In particolare, l’agente:

  • non è un lavoratore subordinato, poiché il mandato dell’agente, come pocanzi detto, si caratterizza per l’indipendenza, mentre il lavoratore subordinato è sottoposto al potere direttivo, gerarchico, disciplinare, organizzativo del datore di lavoro;
  • non è un procacciatore d’affari, data la differenza sostanziale tra la natura dei contratti (tipico per l’agente e atipico per il procacciatore) nonché dell’attività svolta (stabile per l’agente e occasionale per il procacciatore)
  • non è un viaggiatore-piazzista, poiché quest’ultimo è legato al proprio datore da un contratto di lavoro dipendente, in funzione del quale svolge la propria attività, in forma prevalentemente o esclusiva, all’esterno dell’azienda da cui dipende, con l’incarico di contattare la clientela per promuovere la vendita dei prodotti o beni commercializzati dall’azienda stessa.

Quanto al diritto alla provvigione, ricordiamo che a seguito della riforma dell’art. 1748 c.c., questo matura:

  • per tutti gli affari conclusi dall'agente durante il contratto, ove l'operazione è stata conclusa per effetto del suo intervento;
  • per gli affari conclusi dal preponente con terzi che l'agente aveva in precedenza acquisito come clienti, salvo che sia diversamente pattuito;
  • sugli affari conclusi per merito dell’agente uscente, dopo la data di scioglimento del contratto se la proposta è pervenuta in data antecedente o gli affari sono conclusi entro un termine ragionevole rispetto alla data di scioglimento del contratto;
  • al più tardi, dal momento e nella misura in cui il terzo ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione qualora il preponente avesse eseguito la prestazione a suo carico.

Quanto al trattamento fiscale delle provvigioni:

  • per l’agente di commercio, ai fini delle imposte dirette, l’imputazione delle provvigioni avviene secondo il criterio di competenza;
  • il proponente, che corrisponde provvigioni della cui attività si avvale, al momento del pagamento dovrà applicare una ritenuta a titolo di acconto sull’imposta sul reddito delle persone fisiche o giuridiche dovuta dall’agente, con obbligo di rivalsa (ex art. 25 bis DPR 600/73).

Visita anche il Business Center di Fisco e Tasse in cui troverai il Foglio di calcolo in excel “Calcolo indennità agenti e rappresentanti” ad un prezzo speciale!

Segui il Dossier per essere sempre aggiornato!




Rassegna stampa del 12/03/2019

Welfare Enasarco 2019: ecco il piano

Requisiti ampliati e nuovi servizi nel nuovo Programma delle prestazioni integrative Enasarco per Agenti, rappresentanti e consulenti finanziari .
Domanda e Risposta del 23/02/2019

Contributi Enasarco 2019: a quanto ammontano e quali sono le scadenze?

Pubblicati i minimali e massimali 2019; rivediamo aliquote, scadenze, criterio di applicazione e calcolo dei contributi Enasarco per agenti e rappresentanti
Rassegna stampa del 21/01/2019

Fattura elettronica: come indicare il contributo ENASARCO?

Fatturazione elettronica 2019 agente di commercio e rappresentanti: ecco come gestire il contributo ENASARCO
Speciale del 08/01/2019

La ritenuta d’acconto per gli autonomi, agenti di commercio e occasionali

La ritenuta di professionisti e intermediari nelle prestazioni di lavoro abituali e/o occasionali. Cos'è,i redditi su cui si applica,le aliquote,gli obblighi.
Normativa del 20/12/2018

Tabelle ACI 2019 pubblicate in Gazzetta

Pubblicate le Tabelle ACI 2019, le Tabelle nazionali dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall’ACI, nella Gazzetta Ufficiale n. 295 del 20/12/2018
Rassegna stampa del 28/11/2018

Indennità cessazione agenzia: come si valuta l'equità?

Ordinanza Cassazione n. 25740 -2018: l'attribuzione dell'indennità per cessazione del rapporto di Agenzia va valutata in rapporto alla permanenza dei vantaggi per l'azienda
Rassegna stampa del 24/10/2018

Agenti e rappresentanti di commercio: aggiornamento posizione fino al 31.12.2018

Per i soli agenti e rappresentanti di commercio c'è tempo fino al 31 dicembre 2018 per aggiornare telematicamente la loro posizione nel registro delle imprese e nel REA
Rassegna stampa del 22/10/2018

Enasarco: niente totalizzazione dei contributi

Nuova sentenza di Cassazione conferma l'impossibilità di totalizzazione perche l'ente degli agenti rappresentanti non è piu ricompreso fra quelli ammessi dalla norma
Rassegna stampa del 11/10/2018

Contratti di agenzia: entro il 31.10 consegna estratto conto provvigioni

Scade il 31.10.2018 il termine ultimo entro il quale la casa mandante deve consegnare agli agenti l'estratto conto delle provvigioni dovute per il terzo trimestre 2018
Rassegna stampa del 06/09/2018

Indennità di agenzia negata per la sola attività di promozione

Cassazione: l'attività di convincimento del cliente non è sufficiente per giustificare l'indennità di cessazione del rapporto