Gli incentivi fiscali per gli investitori residenti nel Regno Unito

di Angelo Chirulli CommentaIn Fiscalità Estera, Testata

Seed Enterprise Investment Scheme vs Enterprise Investment Scheme: incentivi fiscali per gli investitori residenti nel Regno Unito

Nel Regno Unito vi sono due generose agevolazioni fiscali da tenere in considerazione quando si tratta di investire in azioni di Societa’ di nuova costituzione.

Dal punto di vista della Dichiarazione dei Redditi individuale degli investitori, eventuali benefici fiscali scaturenti dai succitati schemi possono essere utilizzati anche nell’esercizio fiscale precedente a quello in cui e’ stato effettuato l’investimento in azioni.

I regimi citati riducono in maniera effettiva il costo dell’investimento in azioni di Start-up e, se l’investimento ha successo, ne aumentano il rendimento indiretto.

Per coloro che vogliono creare una Start-up, ambedue sono da considerarsi validi strumenti per invogliare eventuali investitori a finanziare Societa’ con business plan interessanti.

Di seguito troverete maggiori informazioni in merito ai due schemi:

Seed Enterprise Investment Scheme (SEIS)

Il SEIS è stato introdotto nell’Aprile 2012. Il suo obiettivo è quello di incentivare gli investimenti di Seed nelle imprese nella fase iniziale della loro vita.

Questo sistema è disponibile solo per le piccole Start-up: l’azienda deve avere meno di 25 dipendenti full-time e non deve aver attivamente svolto attivita’ commerciale in UK nei due anni precedenti l’emissione delle azioni SEIS.

Gli investitori che sono dipendenti della società non possono beneficiare del SEIS, ma gli amministratori esistenti o di nuova nomina possono usufruirne.

Le azioni devono essere mantenute per tre anni dall’emissione per beneficiare degli sgravi fiscali sulla Income tax e sulle eventuali plusvalenze/capital gain, e nessun investitore può detenere più del 30% del capitale sociale ordinario della società di nuova costituzione.

Vantaggi fiscali

• Imposta sul Reddito – un investitore residente che abbia azioni che permettano lo sgravio SEIS può richiedere una riduzione dell’imposta sul reddito Inglese pari al 50% del denaro investito, con un limite annuo di investimento di 100.000 sterline.

• Imposta sulle Plusvalenze – quando è disponibile uno sgravio SEIS sull’Imposta del Reddito, le eventuali plusvalenze realizzate sulla cessione delle azioni saranno anch’esse esenti dall’imposta sulle plusvalenze.

Ci sono varie condizioni che un’azienda deve soddisfare per poter usufruire (indirettamente) dello sgravio SEIS:

  1. l’azienda debba svolgere un’attività commerciale qualificata su base commerciale;
  2. l’azienda non deve essere quotata;
  3. l’azienda deve avere un patrimonio lordo non superiore a £ 200.000 prima dell’investimento da parte degli investitori SEIS.

La società può riscuotere solo un massimo di 150.000 sterline di investimento nell’ambito del regime. I fondi raccolti devono inoltre essere utilizzati dalla società per l’attività riportata nel Business Plan entro tre anni.

Vale anche la pena sottolineare che le società possono riscuotere annualmente solo un massimo di 5 milioni di sterline in totale nell’ambito dell’EIS scheme, del SEIS, del Venture Capital Trust Scheme e di alcuni altri investimenti supportati dallo Stato.

Enterprise Investment Scheme (EIS)

L’Enterprise Investment Scheme è destinato ad aiutare le società più piccole e a rischio più elevato a reperire finanziamenti offrendo sgravi fiscali sull’acquisto di nuove azioni delle società che soddisfano i requisiti.

Per l’investitore, esso è un modo efficiente dal punto di vista fiscale per investire in imprese di nuova costituzione.

Questo regime non è generalmente disponibile per gli amministratori o per dipendenti della società, né per gli investitori che possiedono più del 30% delle azioni ordinarie della società. Tuttavia, può essere vantaggioso per i piccoli investitori. Esistono due principali agevolazioni di cui gli investitori in ambito EIS possono approfittare, ma per farlo devono conservare le loro azioni per almeno tre anni.

Vantaggi

• Imposta sul Reddito – un investitore che possieda azioni qualificanti per l’EIS può richiedere una riduzione dell’imposta sul reddito Inglese pari al 30% del denaro investito. Lo sgravio è soggetto ad un limite annuo di investimento di 1.000.000 di Sterline.

• Imposta sulle Plusvalenze – se un investitore detiene le proprie azioni EIS per tre anni, qualsiasi plusvalenza realizzata al momento della vendita di tali azioni sarà esente dalla relativa imposta sui Capital Gain.

Esistono inoltre varie condizioni che una società deve soddisfare, tra cui quella di svolgere un’attività commerciale qualificata.

I settori commerciali qualificanti escludono le imprese che sono coinvolte nelle seguenti aree commerciali:

• produzione di carbone o acciaio

• agricoltura o orticoltura

• attività di leasing

• servizi legali o finanziari

• sviluppo immobiliare

• gestione di un hotel

• gestione di una casa di cura

• produzione di elettricità, calore, gas o combustibile

Inoltre, la società EIS in cui si investe non deve essere quotata e deve avere un patrimonio lordo non superiore a 15 milioni di sterline prima dell’investimento.

Questi sistemi offrono incentivi fiscali significativi agli investitori disposti ad assumersi il rischio d’investimento in Societa’ di nuova costituzione. Tale rischio è mitigato nel caso di un investimento EIS/SEIS dalla possibilità di ottenere uno sgravio immediate dall’imposta sul reddito.

Inoltre, un investimento EIS può anche godere di uno sgravio del 100% dell’imposta di successione (Inheritance Tax – IHT) sulla base della normativa in materia di sgravio dell’imposta sul patrimonio aziendale (Business Property Relief – BPR). Ciò si applica tuttavia solo se le condizioni del BPR relief vengono rispettate.

Le stesse conseguenze dell’IHT si applicano anche alle azioni SEIS.

Autore dell'articolo
identicon

Angelo Chirulli

Dottore Commercialista e Consulente del Lavoro operante a Londra. Abilitazioni Inglesi: ACA, MAAT e CIPD. Iscritto sia all’Ordine Italiano dei Commercialisti che all’Ordine Inglese dei Chartered Accountants (ICAEW). Iscritto inoltre all’Ordine AAT e CIPD in UK. Mail: [email protected] Website: https://www.wilkinskennedy.com/about-us/ Website: www.wilkinskennedy.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *