Nuovi obiettivi per i paesi ASEAN

di Lorenzo Riccardi CommentaIn Fiscalità Estera

La promozione dell’economia dei Paesi ASEAN passa anche (e soprattutto) dai partner al di fuori dell’Associazione degli stati dell’Asia Orientale.
Questo il significato dei quattro giorni di meeting nella capitale birmana Nay Pyi Taw, dove sul tavolo si è discusso di crescita passando per nuove intese con gli stati vicini.
Che la Cina sia il partner principale dei dieci paesi membri è da anni un dato di fatto, con le relazioni bilaterali che hanno superato i 350 miliardi di dollari. Al contempo non sorprende come si parli spesso di ‘ASEAN+3’ associando alle economie del Far East e Cina anche Giappone e Corea del Sud.
La cooperazione passa anche da Australia e Nuova Zelanda, ultime in ordine di tempo ad avviare dialoghi intesi ad una maggiore integrazione economica nella regione.
Spazio anche per Hong Kong, con il quale sono stati avviati contatti per favorire il flusso di capitali e merci. Altro fattore chiave sembra essere la priorità data delle piccole e medie imprese, cuore pulsante delle economie in fase di sviluppo. Il 46esimo incontro dei ministri degli esteri dei membri ASEAN ha quindi tracciato la strada per ulteriori accordi e per una nuova via di crescita.
Autore dell'articolo
identicon

Lorenzo Riccardi

Dottore commercialista specializzato in fiscalità internazionale. E’ Professore Associato presso Xian Jiao Tong-Liverpool University dove insegna taxation e advanced taxation ed è autore di articoli e saggi su tematiche di vario genere relative agli investimenti stranieri in Asia Orientale. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ricopre il ruolo di sindaco e consigliere per diversi gruppi societari ed è socio dello Studio di consulenza RSA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam” edito da IlSole24Ore ed è membro dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, del Registro dei Revisori dei Conti in Italia, dell’accountants association del Vietnam e dell’Hong Hong Institute of CPAs in Hong Kong. Tiene seminari e convegni su economia e diritto tributario in Oriente ed è responsabile della sezione “Asia” della banca dati online “Fisco e Tasse” (Maggioli Editore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *