E Book

Autofatture (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,92

E Book

Acquistare immobili all'asta (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

FISCO

/

DEFINIZIONE LITI PENDENTI 2023

/

DEFINIZIONE LITI PENDENTI 2023

Definizione liti pendenti 2023

Chiusura agevolata delle liti pendenti: cosa prevede la Legge di bilancio 2023. In questo dossier Normativa, approfondimenti, Faq e Rassegna stampa

La legge di bilancio 2023, in base al testo bollinato, prevede la definizione agevolata dei rapporti tra i contribuenti e l’Amministrazione finanziaria, con particolare riferimento alle somme dovute in esito al controllo automatizzato delle dichiarazioni fiscali, riducendo gli oneri a carico dei contribuenti ed estendendo l’ampiezza dei piani di rateazione.

In particolare:

  • i debiti emergenti dalle comunicazioni d’irregolarità derivanti dal controllo automatizzato delle dichiarazioni fiscali possono essere definiti attraverso il pagamento delle imposte e dei contributi previdenziali, degli interessi (anche di rateazione, in caso di pagamento rateale) e delle somme aggiuntive. Sono dovute le sanzioni nella misura del tre per cento (anziché del 30% ridotte a un terzo), senza alcuna riduzione, sulle imposte non versate o versate in ritardo. Tale soluzione è applicabile ai debiti emergenti dal controllo delle dichiarazioni relative ai periodi d’imposta in corso al 31 dicembre 2019, al 31 dicembre 2020 e al 31 dicembre 2021. In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, alle prescritte scadenze, la definizione non produce effetti. Il pagamento delle somme dovute per la definizione agevolata potrà essere effettuato, in ogni caso, in un numero massimo di venti rate trimestrali di pari importo.
  • per i pagamenti rateali regolarmente in corso dei debiti emergenti dalle suddette comunicazioni,per qualunque periodo d’imposta, è previsto che:
    1. la durata del periodo di rateazione venga estesa fino a un massimo di venti rate trimestrali di pari importo anche nei casi in cui, secondo le disposizioni previgenti, era ammessa solo la rateazione fino a un massimo di otto rate;
    2. le sanzioni sono dovute nella misura del 3% (anziché del 30% ridotte a un terzo), senza alcuna riduzione, sulle imposte residue non versate o versate in ritardo. Restano dovuti gli interessi (anche di rateazione);
    3. anche in questa ipotesi, in caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, alle prescritte scadenze,  la definizione non produce effetti.
  • le somme versate fino a concorrenza dei debiti definibili, anche anteriormente alla definizione, restano definitivamente acquisite e non sono rimborsabili.
  • è differito di un anno il termine per la notifica delle cartelle di pagamento delle somme dovute in esito alle comunicazioni d’irregolarità recapitate per le dichiarazioni relative al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019, nel caso in cui il pagamento non venga effettuato nelle misure e nei termini previsti.
  • si unifica il numero massimo di rate (venti rate trimestrali di pari importo) in cui può essere suddiviso il pagamento dei debiti emergenti dal controllo delle dichiarazioni, a prescindere dall’ammontare dei debiti stessi. Attualmente, invece, per i debiti fino a 5 mila euro, è ammesso solo il pagamento rateale fino a un massimo di otto rate trimestrali di pari importo.

Articoli correlati al Dossier

Definizione agevolata debiti: le novità del DDL di bilancio 2023

Dettaglio delle possibili novità in arrivo dal DDL di Bilancio 2023 per la definizione agevolata somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni

Sanatoria per i giudizi pendenti in Cassazione: condizione è la notifica entro il 16.09

Riforma della Giustizia e del Processo Tributario: prevista rottamazione delle liti pendenti in Corte di Cassazione. Il DL Aiuti bis fissa la data del 16 settembre per le notifiche

Definizione agevolata liti pendenti:ecco il modello. Oggi il termine per aderire

Liti pendenti: modello e istruzioni. Le regole per aderire in vista della scadenza di oggi venerdì 31 maggio 2019

Pace fiscale: ecco quando si può definire pagando solo il 5%

Definizione agevolata 2019: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sulla pace fiscale delle controversie tributarie. Una settimana per aderire

Definizione agevolata liti pendenti: pubblicate altre risposte dell'Agenzia

Con una nuova Circolare, la n. 10 del 15.05.2019, l’Agenzia risponde ai dubbi degli operatori sulla definizione agevolata delle liti pendenti

Pace fiscale: nuovi chiarimenti sulla definizione agevolata liti pendenti

L'Agenzia scioglie altri dubbi formulati da uffici territoriali e associazioni di categoria sulla definizione agevolata delle liti pendenti (art. 6 e 7 del Dl 119/2018); Circolare del 15.05.2019 n. 10

Pace fiscale 2019: chiarimenti dell'Agenzia sulla domanda di definizione

Definizione agevolata controversie tributarie 2019: ecco come si presenta la domanda entro il 31 maggio 2019

Definizione agevolata liti pendenti: le istruzioni nella Circolare dell'Agenzia

Chiarimenti su quali sono le liti da considerarsi pendenti ai fini della definizione agevolata (DL 119/2018), come si determinano il valore della controversia e gli importi dovuti e altro ancora

Pace fiscale 2019: la Circolare dell'Agenzia delle Entrate

Definizione agevolata delle controversie tributarie: finalmente pubblicata la circolare con i chiarimenti ufficiali sulle liti pendenti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.