Come cambia il lavoro accessorio occasionale dopo il Decreto Lavoro

di Rag. Giuseppina Giorgi CommentaIn Decreto Lavoro Governo Letta, Lavoro

il ”Decreto Lavoro” è intervenuto anche in materia di lavoro accessorio legittimandone il ricorso esclusivamente sulla base dei limiti di carattere economico.

In calce all’articolo si fornisce un fac-simile della certificazione che il committente dovrà farsi firmare dal lavoratore

In base alla nuova formulazione è irrilevante l’occasionalità della prestazione e rimane quale unico parametro di riferimento il limite economico così previsto:

• 5.000 euro netti annui complessivi per il prestatore, riferiti alla totalità dei committenti

• 2.000 euro netti annui per ogni singolo datore di lavoro committente

• 3.000 euro netti annui per ogni singolo datore di lavoro committente per i titolari di prestazioni di sostegno al reddito

• 5.000 euro netti annui per il settore agricolo.

Vediamo in sintesi:

La legge 99/2013 di conversione del “Decreto Lavoro” ha riscritto la definizione di lavoro accessorio eliminando la dicitura “di natura meramente occasionale” e mettendo così fine alle diatribe interpretative in merito all’occasionalità della prestazione accessoria.

La nuova definizione è la seguente:

“ Per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attività lavorative che non danno luogo, con riferimento alla totalità dei committenti, a compensi superiori a 5.000 euro nel corso di un anno solare, annualmente rivalutati sulla base delle variazioni dell’indice ISTAT …”

Rimane dunque quale unico parametro di riferimento il limite economico dei 5.000 euro complessivi netti riferiti al lavoratore per la totalità dei committenti nell’anno solare.

Pertanto, il lavoro accessorio è sempre e comunque attivabile tenendo conto esclusivamente del limite di carattere economico, indipendentemente dai soggetti prestatori, dall’attività svolta e dalla natura occasionale.

Nessuna modifica al limite massimo per ciascun committente, che risulta essere di:

• 2.000 euro netti per anno solare (pari a euro 2.666 lordi) per qualsiasi imprenditore o libero professionista (escluso il settore agricolo);

• 3.000 euro netti per anno solare (pari a euro 4.000 lordi) per i lavoratori percettori di misure di sostegno al reddito;

• 5.000 euro netti per anno solare (pari a euro 6.666 lordi) per le attività agricole di carattere stagionale svolte da pensionati o studenti con meno di 25 anni di età, purché regolarmente iscritti ad un ciclo di studi.

Il limite di 2.000 euro è riferito al prestatore di lavoro e non al committente imprenditore il quale potrà servirsi di prestazioni di lavoro accessorio anche per importi superiori purché con prestatori di lavoro diversi.

Il superamento dei limiti economici di cui sopra comporta la “trasformazione” del rapporto di tipo accessorio in rapporto di lavoro di natura subordinata a tempo indeterminato, con l’applicazione delle relative sanzioni civili e amministrative.

Il committente, per evitare di incorrere nelle violazioni per il superamento dei predetti limiti massimi previsti, dovrà richiedere al prestatore una dichiarazione attestante i compensi da lavoro accessorio già percepiti.

Il compenso percepito mediante buoni lavoro (voucher):

• non dà diritto a prestazioni di malattia, maternità, disoccupazione e assegni familiari;

• è esente da imposizione fiscale;

• non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato.

Di seguito un fac-simile:

FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

(Art. 46 D.P.R. 28.12.2000, n. 455)

Il/La sottoscritto/a ________________________________________________________________

nato/a  a _________________ (Prov. _____), il ___________ residente in ____________________

(Prov. ____), Via ________________________________________ n. _________, cap __________

a conoscenza delle sanzioni amministrative e penali previste dagli artt. 75 e 76 D.P.R. 28.12.2000, n. 445

DICHIARA CHE

1)           per l’anno 2013, alla data del ______________ ha percepito compensi da lavoro accessorio pari ad €uro ___________________

2)           ha/non ha in corso prestazioni di lavoro accessorio

Il sottoscritto dichiara di essere a conoscenza delle sanzioni penali cui incorre in caso di dichiarazione mendace o contenente dati non più rispondenti a verità, come previsto dagli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000.

Il sottoscritto ai sensi del D.Lgs. 196/2003 accorda il consenso affinché i propri dati possano essere trattati ed essere oggetto di comunicazione a terzi al fine di provvedere agli adempimenti di obblighi di legge.

Il sottoscritto allega fotocopia di documento di identità in corso di validità.

Data ________________                                                             Firma del dichiarante

 

ABBONATI ALLA SETTIMANA DEL LAVORO PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SU TUTTE LE NOVITA’


Autore dell'articolo
identicon

Rag. Giuseppina Giorgi

Consulente del Lavoro in Bologna - dal 1978 esercita la professione in forma associata con il rag. Giuliano Vitelli e la rag. Federica Vitelli. Attiva nell’associazionismo professionale ha rivestito per anni la carica di consigliere dell’unione provinciale dell’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro di Bologna, venendo chiamata al ruolo di presidente negli anni 1991/1992/1993. Sede dello Studio Via Toscana 42/7, Bologna (BO) Tel. 051/475933 – Fax 051/475307 - [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *