Modello Organizzativo d.lgs. 231/2001

Per tutelarsi dalla responsabilità denominata “amministrativa” – ma sostanzialmente penale – tutelando il proprio patrimonio dal rischio di essere colpiti dalle pesanti sanzioni previste, le società e gli enti sono indotti dalle disposizioni di legge a redigere un Modello di Organizzazione e Gestione (MOG).

Il Modello è un documento articolato che – partendo da uno specifico monitoraggio del rischio di commissione dei reati di cui l’attività può essere occasione (in materia ambientale, societaria, informatica, di sicurezza sul lavoro e prevenzione infortuni, in materia di rapporti con la pubblica amministrazione, ecc.) identifica i comportamenti e i presidi necessari per evitarli.
Esso va costantemente monitorato e aggiornato. Il funzionamento del “sistema” deve essere verificato da un apposito organismo di vigilanza, designato dall’organo amministrativo.
La responsabilità penale a carico delle società ed enti introdotta dal d.lgs. 231/2001, consegue dai reati commessi dagli amministratori “operativi” e in generale dai soggetti che ricoprono funzioni direttive e di rappresentanza o che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo della società o dell’ente, ma anche dalle persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza dei soggetti “apicali”. Perché vi sia responsabilità della società o ente è necessario che il reato sia stato commesso nel suo interesse o vantaggio. Adottare un Modello Organizzativo idoneo tutela la società o l’ente dalle sanzioni pecuniarie e dai provvedimenti interdettivi (revoca o sospensione dell’attività) che potrebbero essere adottati già in sede cautelare. Gli effetti benefici del Modello vanno oltre rispetto alle esigenze meramente difensive: la pubblica amministrazione richiede in alcuni casi l’adozione del MOG come condizione per la stipula di convenzioni; la presenza del Modello è prevista quale fattore premiante nell’ambito dei vari “protocolli di legalità”.
Il presente Dossier cercherà di guidare il lettore all’esame degli aspetti problematici della materia, in particolare la redazione e l’adozione dei MOG e l’attività dell’organismo di vigilanza.




Rassegna stampa del 12/07/2016

Modelli Organizzativi : le linee guida del CNDCEC

Il consiglio dei dottori commercialisti approva le Linee guida per la redazione e l'attestazione dei modelli organizzativi ex D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231
Speciale del 04/11/2015
sanzioni amministrative e penali soglie punibilità

Responsabilità penale persone giuridiche e modelli organizzativi

La responsabilità penale che nell'ordinamento italiano è solo delle persone fisiche viene estesa anche alle persone giuridiche da norme sovranazionali
Speciale del 12/10/2015
168x126 contenzioso1

La responsabilità penale delle persone giuridiche

Il dlgsv 231/2001 e la prassi giudiziale successiva suggeriscono alle imprese l'adozione di modelli di organizzazione idonei a prevenire i reati
Speciale del 18/03/2015
operazioni-bancarie-168

I Modelli organizzativi 231/01 alla prova dell’autoriclaggio

Il nuovo reato di autoriclaggio, in vigore nel nostro ordinamento dal 1 gennaio 2015, impone alle società di adeguare i modelli organizzativi 231/01
Normativa del 20/02/2015

Rating di legalità: pronto il regolamento del Mef

Pubblicato in Gazzetta il Decreto 20/2/2014 n.57 MEF-MISE con il Regolamento concernente l'individuazione delle modalità in base alle quali si tiene conto del rating di legalità attribuito alle imprese ai fini della concessione di finanziamenti. Ecco il testo:
Normativa del 20/02/2015

Rating di Legalità - Modifiche al Regolamento attuativo

PROVVEDIMENTO 4 dicembre 2014 - Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - Modifiche al Regolamento attuativo in materia di rating di legalita'.(GU n.290 del 15-12-2014)
Speciale del 20/02/2015
80x80 grafico

Il Modello Organizzativo 231 migliora il “rating di legalità”

L’adozione di un Modello Organizzativo previsto dal D.Lgs. 231/2001 costituisce un fattore premiante per le imprese che concorrono a ottenere un più elevato rating di legalità. Il rating è spendibile nei rapporti con la pubblica amministrazione per ottenere contributi e agevolazioni, nei rapporti con le banche e prossimamente negli appalti pubblici
Normativa del 24/03/2012

Decreto Liberalizzazioni - Il testo coordinato con la Legge di conversione del 24 marzo 2012 n. 27

Testo del DL del 24 gennaio 2012 n. 1 (Decreto liberalizzazioni) coordinato con la legge di conversione 24 marzo 2012, n. 27 recante Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività