DOSSIER
dossier codici e testi unici

Codice della Crisi d'Impresa e dell'insolvenza

Il Governo ha approvato in data 8 novembre 2018 il decreto legislativo in attuazione della Legge delega 155/2017 con la Riforma del Fallimento

Il decreto delegato sulla riforma fallimentare è in dirittura di arrivo. 390 articoli per una disciplina organica per le aziende in crisi che prenderà il posto della vecchia legge del 1942.

Il decreto legislativo è stato previsto dalla legge delega n.155 approvata  l’11 ottobre 2017 Legge delega per la riforma della disciplina fallimentare, pubblicata in gazzetta il 30 ottobre 2017.

La legge delega dava al governo  un anno di tempo per emanare la riforma della disciplina delle procedure di crisi e dell'insolvenza.

I decreti legislativi che il governo ha approvato l'8 novembre 2018 intervengono su:

- le procedure concorsuali (R.D. n. 267 del 1942, c.d. Legge fallimentare);
- la disciplina della composizione delle crisi da sovraindebitamento (legge n. 3 del 2012);
- il sistema dei privilegi e delle garanzie.
Il termine fallimento sarà sostituito con l'espressione "liquidazione giudiziale" e il governo è chiamato a distinguere i concetti di stato di crisi e di insolvenza, configurando la crisi come probabilità di futura insolvenza.
Il modello processuale per l'accertamento dello stato di crisi o dello stato di insolvenza sarà unico per tutte le categorie di debitori e dovrà ricalcare il procedimento per la dichiarazione di fallimento attualmente previsto. Saranno esclusi da tale modello gli enti pubblici.
Saranno privilegiate le proposte che assicurino la continuità aziendale,  verranno semplificate le procedure con il fine anche di ridurre i costi e verranno attribuite maggiori responsabilità agli organi di gestione e di controllo – amministratori, sindaci e revisori.
Sarà istituito presso il Ministero della giustizia un albo dei soggetti, costituiti anche in forma associata o societaria, destinati a svolgere, su incarico del tribunale, funzioni di gestione o di controllo nell'ambito delle procedure concorsuali, con indicazione dei requisiti di professionalità, indipendenza ed esperienza necessari per l'iscrizione.
Verranno incentivati tutti gli strumenti di composizione stragiudiziale della crisi quali gli accordi di ristrutturazione dei debiti e i piani attestati di risanamento.
Verrà prevista una fase preventiva di allerta, volta ad anticipare l'emersione della crisi.
Verrà riformato l'istituto del concordato preventivo oggi disciplinato dagli articoli 160 e seguenti della legge fallimentare.
La disciplina della procedura di liquidazione giudiziale dovrebbe sostituire l'attuale disciplina del fallimento e saranno potenziati i poteri del curatore, vero dominus della liquidazione giudiziale che sarà legittimato a promuovere o proseguire specifiche azioni giudiziali: dall'azione sociale di responsabilità, all'azione dei creditori sociali (art. 2394 c.c.), all'azione contro i soci che hanno intenzionalmente deciso o autorizzato il compimento di atti dannosi per la società (art. 2476, settimo comma, c.c.), alle azioni di responsabilità verso società o enti che esercitano attività di direzione e coordinamento di società (art. 2497 c.c.).
Anche l’istituto dell’esdebitazione verrà riformato.
Verrà rivista la disciplina della composizione delle crisi da sovraindebitamento, attualmente prevista dalla legge n. 3 del 2012.
Verranno adottate disposizioni in materia di tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire.

Il presente dossier oltre a pubblicare i testi normativi si prefigge lo scopo di illustrare e chiarire le norme con specifici approfondimenti sui singoli punti oggetto della riforma.




Speciale del 07/12/2018
crisi impresa nuovo schema del codice fallimento

La procedura di allerta e i soggetti coinvolti nel nuovo Codice Fallimentare

Riforma della crisi d’impresa e di insolvenza: procedure di allerta e strumenti di composizione della crisi
Speciale del 27/11/2018
crisi da sovraindebitamento

Crisi da sovraindebitamento: presupposti oggettivi e soggettivi di ammissione

I presupposti oggettivi e soggettivi di ammissione alla procedura della crisi da sovraindebitamento
Speciale del 23/11/2018
crisi impresa concordato preventivo

Il concordato preventivo nella riforma: quando la crisi non è irreversibile

Concordato in continuita' aziendale e condordato liquidatorio: le novita' nel codice per la risoluzione della Crisi e Insolvenza in approvazione
Speciale del 14/11/2018
concordato preventivo crisi impresa indice altman

Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza – Impatto per sindaci e revisori

Novità per la nomina degli organi di controllo nelle srl finalizzato alla diagnosi precoce della crisi: obblighi e decorrenze nel Codice in arrivo
Normativa del 09/11/2018
crisi impresa nuovo schema del codice fallimento

Riforma del fallimento: ecco il nuovo schema del decreto legislativo approvato

Il testo e la relazione illustrativa del nuovo schema di decreto sulla riforma della crisi di impresa (c.d. riforma Rordorf delle procedure concorsuali), approvato dal CdM l'8 novembre
Rassegna stampa del 09/11/2018
168x126 gestione crisi impresa

Riforma della crisi d'impresa e dell'insolvenza: approvato il decreto

Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: approvato nel Consiglio dei Ministri di ieri il decreto legislativo in esame preliminare
Speciale del 26/10/2018
crisi da sovraindebitamento

Sovraindebitamento: le prospettive di riforma dilatano i confini attuali

Il sovraindebitamento entra nel Codice della Crisi di Impresa e Insolvenza per armonizzarsi con le nuove procedure liquidatorie e conservative
Speciale del 18/10/2018
compensazione crediti debiti avvocati

Il ruolo del commercialista nel nuovo Codice della crisi d'impresa

Codice della Crisi d’impresa e dell'insolvenza in vigore dal 2020 e ruolo del professionista negli accordi di ristrutturazione dei debiti
Rassegna stampa del 17/10/2018
fallimento_168x126

I principi della Liquidazione giudiziale che sostituisce il fallimento dal 2020

La liquidazione giudiziale prenderà il posto del fallimento per le nuove procedure che si apriranno 18 mesi dopo la pubblicazione in GU del decreto lgsv: ecco i principi generali della riforma
Rassegna stampa del 15/10/2018
168x126 governo italiano 2012

Riforma Fallimento:il Governo si appresta ad approvare il Codice dell'insolvenza

Disciplina organica per le aziende in crisi in arrivo: la liquidazione giudiziale prenderà il posto del fallimento, termine considerato disueto