IN PRIMO PIANO:

DIRITTO


Le ultime notizie sul DIRITTO: Società, Enti e Professionisti, Amministrazione, Diritto di Famiglia, Proprietà e Obbligazioni, Crisi dell’Impresa. Tieniti sempre aggiornato su Fisco e Tasse.


Speciali del 11/03/2011
Cedolare secca: cosa cambia per il locatore della casa in affitto e per l’inquilino

Cedolare secca: cosa cambia per il locatore della casa in affitto e per l’inquilino

La cedolare secca è una nuova modalità di imposizione fiscale per l’affitto di un’abitazione. Il proprietario che sceglie la cedolare secca non è più tassato in base alla propria aliquota marginale IRPEF, ma in misura fissa del 21% (o 19% per immobili a canone concordato).

La cedolare secca è una nuova modalità di imposizione fiscale per l’affitto di un’abitazione. Il proprietario che sceglie la cedolare secca non è più tassato in base alla propria aliquota marginale IRPEF, ma in misura fissa del 21% (o 19% per immobili a canone concordato).

Speciali del 08/03/2011

Bancarotta esclusa per il liquidatore del concordato preventivo – Corte di Cassazione sentenza n. 43428-2010

Il liquidatore dei beni del concordato preventivo non può essere considerato soggetto attivo dei reati di bancarotta di cui agli artt. 223 e 224 legge fall., richiamati nell’art. 236, comma secondo, n. 1, stessa legge, in quanto non espressamente menzionato tra gli autori propri dei suddetti reati, per come vengono indicati da tale disposizione né può essere ricompreso nella categoria dei “liquidatori di società” menzionata dalla stessa disposizione. Questo il principio di diritto ribadito dalle Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza n. 43428 del 7 Dicembre 2010

Il liquidatore dei beni del concordato preventivo non può essere considerato soggetto attivo dei reati di bancarotta di cui agli artt. 223 e 224 legge fall., richiamati nell’art. 236, comma secondo, n. 1, stessa legge, in quanto non espressamente menzionato tra gli autori propri dei suddetti reati, per come vengono indicati da tale disposizione né può essere ricompreso nella categoria dei “liquidatori di società” menzionata dalla stessa disposizione. Questo il principio di diritto ribadito dalle Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza n. 43428 del 7 Dicembre 2010

Speciali del 29/11/2010

Privilegio del credito IRAP e passivo fallimentare - Sentenza Corte di Cassazione n. 4861/2010

All’IRAP si applica la disciplina dell’ILOR e le società di riscossione devono essere rimborsate delle spese per l’ammissione al passivo del fallimento, questo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione Sentenza n. 4861/2010

All’IRAP si applica la disciplina dell’ILOR e le società di riscossione devono essere rimborsate delle spese per l’ammissione al passivo del fallimento, questo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione Sentenza n. 4861/2010

Speciali del 20/10/2010
La tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici

La tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici

La tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici viene sospesa per sei mesi per i contratti firmati prima del 7 settembre, a prevederlo sarà un decreto legge che dovrebbe essere approvato venerdi prossimo (22 ottobre) e che conterrà anche le istruzioni per il nuovo regime, già in vigore per i contratti firmati dopo il 7 settembre.

La tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici viene sospesa per sei mesi per i contratti firmati prima del 7 settembre, a prevederlo sarà un decreto legge che dovrebbe essere approvato venerdi prossimo (22 ottobre) e che conterrà anche le istruzioni per il nuovo regime, già in vigore per i contratti firmati dopo il 7 settembre.

Speciali del 07/10/2010
Brevetti: la chiave del moderno successo industriale

Brevetti: la chiave del moderno successo industriale

Una semplice guida al nuovo Codice della Proprietà Industriale (D.Lgs. 131/2010). Conoscere i brevetti per ottenere profitti più alti, maggiore soddisfazione della clientela, competitività e accesso a nuovi mercati

Una semplice guida al nuovo Codice della Proprietà Industriale (D.Lgs. 131/2010). Conoscere i brevetti per ottenere profitti più alti, maggiore soddisfazione della clientela, competitività e accesso a nuovi mercati

Speciali del 06/08/2010
Cedolare secca del 20 per cento sugli affitti: diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale

Cedolare secca del 20 per cento sugli affitti: diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale

La cedolare secca sugli affitti (aliquota del 20%), promessa mai mantenuta degli ultimi anni, diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale e si pone come strumento privilegiato per la lotta all'evasione. Per i contratti in nero vengono previsti deterrenti abbastanza originali...ma procediamo con ordine.

La cedolare secca sugli affitti (aliquota del 20%), promessa mai mantenuta degli ultimi anni, diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale e si pone come strumento privilegiato per la lotta all'evasione. Per i contratti in nero vengono previsti deterrenti abbastanza originali...ma procediamo con ordine.

Speciali del 22/07/2010

Studi di settore: attestazione e asseverazione dei dati

I contribuenti che risultano non congrui o coerenti rispetto agli studi di settore possono, attraverso l’’attestazione e/o l’asseverazione del professionista, avere maggiori possibilità di difesa.

I contribuenti che risultano non congrui o coerenti rispetto agli studi di settore possono, attraverso l’’attestazione e/o l’asseverazione del professionista, avere maggiori possibilità di difesa.

Speciali del 16/07/2010
Associazioni sportive dilettantistiche: lo sport giustifica il fisco facile

Associazioni sportive dilettantistiche: lo sport giustifica il fisco facile

Le società sportive dilettantistiche godono di un regime fiscale agevolato.
Le attività che le associazioni sportive dilettantistiche svolgono nei confronti degli iscritti, anche se esercitate verso il pagamento di corrispettivi specifici non vengono tassate in quanto rientranti nell'attività istituzionale.
Le società sportive dilettantistiche godono di un regime fiscale agevolato.
Le attività che le associazioni sportive dilettantistiche svolgono nei confronti degli iscritti, anche se esercitate verso il pagamento di corrispettivi specifici non vengono tassate in quanto rientranti nell'attività istituzionale.