HOME

/

DOSSIER

/

RECENSITI PER VOI

/

SUPERBONUS 110 E LE ALTERNATIVE ALLA DETRAZIONE: CESSIONE DEL CREDITO E SCONTO IN FATTURA

Superbonus 110 e le alternative alla detrazione: cessione del credito e sconto in fattura

Come funziona la cessione del credito d'imposta e quando conviene? con Superbonus 110% Software in cloud puoi valutare il costo netto dell’investimento e i benefici della cessione

In vista della recente proroga al 15 aprile 2021 del termine di scadenza per l’invio delle comunicazioni delle opzioni per lo sconto in fattura o la cessione del credito, relativamente alle detrazioni spettanti per le spese sostenute nell’anno 2020 per lavori di adeguamento antisismico o efficientamento energetico, facciamo il punto sulle due alternative alla detrazione diretta in dichiarazione previste dall’articolo 121 del Dl Rilancio n. 34/2020:

  • sconto in fattura 
  • o cessione del credito.

Il Superbonus 110%, a differenza delle agevolazioni ordinarie per interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico degli edifici, prevede un’aliquota di detrazione più elevata, nonché una diversa modalità di fruizione dell’agevolazione, essendo la detrazione ripartita in 5 quote annuali di pari importo (in luogo delle 10), si può verificare la situazione in cui la quota annua di detrazione del 110% sia di importo molto elevato.

Siccome, la detrazione spettante annua compete fino all'imposta lorda del contribuente, quindi recuperabile nel limite dell’imposta lorda (IRPEF) personale, e non può essere né riportata in avanti né chiesta a rimborso, un'eventuale detrazione eccedente l'imposta lorda andrebbe persa.

Il legislatore ha pertanto previsto due soluzioni alternative alla detrazione diretta:

  • lo sconto in fattura
  • la cessione del credito

Per valutare il totale detrazioni annue spettanti (nel caso del condomino, per singolo inquilino) abbiamo sviluppato il "Software in Cloud Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio" che consente di effettuare il test di capienza delle detrazioni in base alla propria imposta IRPEF.

I casi sono sviluppati con l'utilizzo del "Software in Cloud Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio" e sono tratti dal VideoCorso - Novità superbonus 110%, un webinar gratuito che da diritto a 2 crediti formativi ODCEC fino al 31 dicembre 2021, sulle ultime novità del superbonus 110% con lo sviluppo di un caso reale, relatori Dott. Alessandro Pegoraro e Dott. Luigi Dalla Vecchia.

1) Superbonus 110%: le alternative alla detrazione diretta, sconto o cessione del credito

Lo Sconto in fattura di fatto consiste in un contributo sottoforma di sconto in fattura, per un ammontare massimo pari al corrispettivo, da richiedere al fornitore, il quale lo recupera maturando un credito verso l’erario da usare in compensazione o cedere a sua volta a terzi, in questo caso:

  • il cliente non ha alcun esborso;
  • è necessario il modello di opzione (con visto fiscale);
  • il fornitore si espone finanziariamente, in quanto non percepisce il corrispettivo a fronte della prestazione resa ma matura un credito d'imposta pari alla detrazione spettante al contribuente (ma può a sua volta cedere il credito);
  • lo sconto può essere anche parziale (in questo caso il credito d’imposta è calcolato sull’importo dello sconto applicato, si veda la Circolare 24 in data 8 agosto 2020).

Con la Cessione del credito, la detrazione spettante viene ceduta a terzi (tipicamente banche, assicurazioni, poste, intermediario, altre società, persone fisiche):

  • il credito può essere ceduto a terzi (banche, assicurazioni, poste, ma anche società o persone); 
  • è necessario il modello di opzione (con visto fiscale); 
  • la cessione non può essere parziale; 
  • possono essere più cessioni successive 
  • la cessione può essere effettuata: 
    • o a fine lavori 
    • o a stati avanzamento lavori (i SAL se sono relativi al superbonus non possono essere più di 2 e ognuno deve avere ad oggetto almeno il 30% dell'intervento) 
  • la cessione può essere effettuata anche in anni successivi, ed avere ad oggetto le rate residue di detrazione; in tal caso deve riguardare tutte le rate residue ed è irrevocabile.

Queste alternative alla detrazione sono ammesse per la generalità dei bonus edilizi, ovvero:

  • Superbonus
  • Ristrutturazioni edilizie 
  • Efficienza energetica
  • Interventi antisismici
  • Restauro facciate 
  • Fotovoltaici 
  • Colonnine ricarica

per spese sostenute nel 2020 – 2021 per tutti gli interventi, per spese sostenute nel 2020 – 2021 – 2022 con riguardo al Sperbonus 110%.

Il "Software in Cloud Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio" consente di valutare anche il costo netto dell’investimento, considerando tutte le detrazioni fruite, effettuando un confronto del costo netto investimento nelle due ipotesi di “utilizzo diretto detrazioni” e “cessione credito a terzi”.

2) Superbonus 110%: cessione del credito in Stato di Avanzamento Lavori

Abbiamo detto che è possibile cedere la detrazione anche a SAL (Stato di Avanzamento Lavori).

Per il Superbonus i SAL possono essere al massimo 2 e ciascuno deve essere almeno del 30% dell’intervento complessivo, perciò:

  • 1° sal almeno 30% dell’intervento
  • 2° sal almeno 60% dell’intervento

Se il sal è inferiore alla percentuale richiesta, la cessione non è possibile.

Se le spese sostenute in un determinato anno (es.: 2020) non superano il 30%, sarà necessario detrarre le spese a rate in dichiarazione, ed eventualmente l’anno successivo cedere le rate residue.

Le immagini seguenti e l'approfondimento sono tratti dal VideoCorso - Novità superbonus 110%, un webinar gratuito che da diritto a 2 crediti formativi ODCEC, sulle ultime novità del superbonus 110% con lo sviluppo di un caso reale, del Dott. Alessandro Pegoraro e Dott. Luigi Dalla Vecchia.

3) Superbonus 110%: cessione del credito semplice o con finanziamento

Cessione del credito semplice

In questa ipotesi, i soggetti hanno la possibilità di finanziare l'intervento con la propria liquidità. Con questa operazione i clienti potranno cedere il credito fiscale alla banca che lo acquista ad un prezzo prestabilito, liquidando sul conto corrente il controvalore dopo aver verificato il passaggio sul cassetto fiscale.

  • La cessione del credito alla banca avverrà senza la concessione di una linea di credito bancaria;
  • Il committente non subisce nessuna istruttoria finanziaria dalla banca.
  • L’impresa si assume il rischio finanziario (fino alla maturazione dei SAL)

Cessione del credito con finanziamento

La concessione di apertura di credito da parte della Banca con successiva cessione del credito fiscale è la soluzione adatta ai clienti che necessitano di un supporto finanziario per sostenere i lavori. Con questa operazione, il cliente potrà decidere se pagare gli interventi senza utilizzare la propria liquidità ed estinguere l’anticipo al momento della cessione del credito.

  • Necessario se l’impresa chiede l’acconto per l’avvio dei lavori
  • La banca apre la linea di finanziamento chiedendo l’impegno al cliente di cedere il credito
  • Istruttoria iniziale in capo al cliente
  • La banca rimane esposta fino alla maturazione dei SAL e cessione credito

Il "Software in Cloud Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio" consente di simulare la cessione del bonus ad un istituto di credito e verificare il conseguimento dei SAL necessari per esercitare l’opzione di cessione del credito e simulare il beneficio della cessione, considerando il costo finanziario (interessi) del prestito «ponte» della banca. L'esempio seguente tratto dal VideoCorso - Novità superbonus 110%, è stato sviluppato con l'utilizzo del suddetto Software.

4) Superbonus 110%: comunicazione dell'opzione (cessione o sconto)

La cessione (o lo sconto) devono essere comunicati all’Agenzia Entrate mediante mediante apposito modello, l'anno successivo al sostenimento delle spese, per le spese sostenute nel 2020 la presentazione è stata recentemente prorogata al 15 aprile 2021 (il termine ordinario è fissato al 16.03). 

Per lavori su parti comuni di condomini, il modello va presentato dall’amministratore di condominio (per i condomini minimi, da uno dei condomini). Per opzioni relative a Superbonus, il modello va vistato da professionisti abilitati i quali dovranno provvedere anche all’invio.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RECENSITI PER VOI · 20/09/2021 Accertamento fiscale e contenzioso: le scritture contabili

Esempi pratici di scritture contabili che l’azienda deve redigere in caso di ricevimento di un accertamento fiscale con conseguente richiesta di imposte, sanzioni e interessi

Accertamento fiscale e contenzioso: le scritture contabili

Esempi pratici di scritture contabili che l’azienda deve redigere in caso di ricevimento di un accertamento fiscale con conseguente richiesta di imposte, sanzioni e interessi

Guida al terzo settore

Una bussola per l’universo del terzo settore aggiornato con i diversi interventi nomativi e di prassi al 31 agosto 2021

Consorzi e società consortili: Guida e Formulario

Un corposo ebook sui consorzi e società consortili corredato anche da Formulario per una guida completa che tiene conto degli aspetti giuridici e fiscali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.