HOME

/

FISCO

/

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021

/

FINANZIAMENTI DEL SOCIO ANCHE SENZA REDDITO: SENZA PROVE NON SONO RICAVI IN NERO

Finanziamenti del socio anche senza reddito: senza prove non sono ricavi in nero

Il fatto che il socio sia privo di reddito non è condizione sufficiente per considerare il suo finanziamento una immissione nella società di ricavi in nero

Poche questioni societarie sono sensibili come il finanziamento del socio in una Società a responsabilità limitata, specialmente se a ristretta base partecipativa.

Da un punto di vista normativo ci sarebbe poco da dire, perché dal punto di vista civilistico il finanziamento del socio è disciplinato dall’articolo 2467 del Codice civile, che regola le modalità di erogazione e di rimborso del finanziamento effettuato a titolo di mutuo; mentre, dal punto di vista fiscale, il comma 2 dell’articolo 45 del TUIR stabilisce la presunzione di fruttuosità che vale per tutti contratti di mutuo.

La sensibilità della questione, non discende quindi dalla norma ma dalla prassi, a lungo supportata dalla giurisprudenza.

Fondamentalmente per il caso della Società a responsabilità limitata, possibilmente con l’aggravante della ristretta base societaria, prassi e giurisprudenza hanno come creato una fattispecie speciale: i finanziamenti effettuati dai soci alla società possono essere considerati dall’amministrazione finanziaria dei riversamenti in azienda di ricavi non dichiarati, sulla base di semplici elementi indiziari, addirittura invertendo l’onere della prova (può essere chiesto al socio di dimostrare l’origine dei fondi, o di indicare la destinazione del finanziamento, ed altro).

In controtendenza, il 21 settembre 2021 giunge l’ordinanza numero 25474 della Corte di Cassazione. In esame è il caso del socio e legale rappresentante di una Società a responsabilità limitata a cui sono stati contestati i finanziamenti effettuati (e quindi ripresi a tassazione come maggiori redditi), in quanto il contribuente non aveva dichiarato redditi personali.

A ben vedere la contestazione non è nuova: sulla base di un elemento indiziario, vengono contestati i finanziamenti effettuati come mezzo per occultare ricavi in nero, e si lascia al contribuente l’onere di dimostrare che non sia così.

La Corte di Cassazione ha ritenuto che “il quadro indiziario fornito dall’amministrazione” non sia sufficiente per affermare che dietro i finanziamenti effettuati si nascondessero dei ricavi in nero poi riversati nelle casse sociali dall’amministratore.

Più importante del fatto è la motivazione, perché la Corte pone a fondamento della sua decisione la constatazione che l’articolo 85 del TUIR (dedicato ai Ricavi) “non pone alcuna presunzione, né inversione dell’onere della prova, a carico del socio che eroga – non importa se a titolo di mutuo, ovvero con la formula in conto futuro aumento di capitale – una determinata somma in favore della società”.

L’importanza dell’ordinanza, in controtendenza rispetto ad altre sentenze della Corte, si fondamenta sul fatto che:

  • viene preso atto dell’infondatezza normativa della presunzione di simulazione del finanziamento effettuato dal socio;
  • pone a carico dell’amministrazione finanziaria l’onere di provare l’eventuale contestazione in merito.

Sull’argomento è possibile leggere i seguenti articoli dello stesso autore:

Ti potrebbe interessare:

Tag: SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMPRESE E LAVORO NEL MONDO · 29/11/2021 Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Aiuti de minimis e anomalie IRAP 2019: comunicazioni in arrivo

Modello IRAP 2019: al via le comunicazioni per la promozione dell’adempimento spontaneo nei confronti dei beneficiari di aiuti in regime generale “de minimis”.

Accertamento previdenziale legittimo solo se è definitivo quello fiscale

L’accertamento di un maggior reddito può generare una pretesa sia fiscale che previdenziale, una subordinata all’altra, ma indipendenti in sede di contenzioso.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.