La settimana del fisco dal 11 al 15 febbraio 2019

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Senza categoria

Amici e Colleghi,Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana: innanzitutto la proroga per LIPE, spesometro ed esterometro.

Esterometro e spesometro 2019: annunciata la proroga al 30 aprile
Dopo le proteste dei professionisti per la scadenza del 28 febbraio 2019 per LIPE, spesometro ed esterometro, arriva l’annuncio della proroga al 30 aprile 2019 per questi ultimi due adempimenti. A darne l’annuncio, è il sottosegretario all’economia Massimo Bitonci con una nota diramata il 13 febbraio ma in attesa di ufficializzazione.
Definizione agevolata 2019: cosa cambia dopo il decreto semplificazioni

Continuano le modifiche alle norme sulla “pace fiscale” contenuta nella manovra 2019. Infatti, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 36 del 12 febbraio 2019 della Legge di conversione del Decreto Legge 135/2018 (Decreto Semplificazioni) sono state introdotte importanti novità in materia di Definizione agevolata.

Per quanto riguarda la Rottamazione-ter, il Decreto consente l’accesso anche a coloro che, dopo aver aderito alla “rottamazione-bis”, non hanno versato entro il 7 dicembre 2018 le rate dovute, presentando la dichiarazione di adesione entro il 30 aprile 2019.  Il pagamento potrà essere effettuato in un’unica soluzione entro il 31 luglio 2019 oppure in 10 rate consecutive di pari importo: le prime due il 31 luglio e il 30 novembre 2019 e le restanti otto, il 28 febbraio, il 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre degli anni 2020 e 2021.

Per quanto riguarda il saldo e stralcio, è stato previsto che in caso di mancato accoglimento della dichiarazione di adesione e conseguente inclusione automatica nella “rottamazione-ter”, il pagamento delle somme dovute debba essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019 oppure:

¨       in 17 rate, di cui la prima entro il 30 novembre 2019 (30%) e le restanti 16, ciascuna di pari importo, il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre per i quattro anni successivi;

¨       in 9 rate, nel caso in cui per gli stessi carichi sia stata già richiesta la “rottamazione-bis”, ma non risultino pagate, entro il 7 dicembre 2018, le rate di luglio, settembre e ottobre 2018.

Infine, il Decreto Semplificazioni prevede nuove scadenze per il pagamento delle rate della Definizione agevolata per le risorse proprie UE: il pagamento dell’unica o della prima rata delle somme dovute scade il 30 settembre 2019; la seconda rata scade il 30 novembre 2019 e le restanti rate il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre di ciascun anno successivo.

Sito ENEA in tilt: prorogate al 21 febbraio le comunicazioni per le detrazioni
Il sito dell’ENEA, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, è stato in tilt e per tale motivo saranno prorogate le scadenze previste per beneficiare delle detrazioni fiscali del cd. bonus casa nella dichiarazione dei redditi di due giorni cioè fino al 21 febbraio.

Energia fotovoltaica: reddito di impresa se supera la soglia
L’energia fotovoltaica produce reddito d’impresa per la società agricola si o no? Non è una questione di facile risposta, in quanto il trattamento fiscale dei pannelli fotovoltaici sembra non trovare pace. A mettere un punto, almeno per quanto le società agricole a responsabilità limitata, ci ha provato la risposta dell’Agenzia delle Entrate all’interpello n. 33 del 12 febbraio 2019. Trattamento fiscale della produzione di energia fotovoltaica: oltre 260.000 kw diventa reddito d’impresa

Tax free shopping: l’invio dei dati a OTELLO 2.0 evita l’esterometro

Con la Consulenza giuridica 8 del 7 febbraio 2019 è stato chiesto se la trasmissione delle fatture al sistema OTELLO (Online tax refund at exit: light lane optimization) sia sufficiente all’adempimento di tutti gli obblighi comunicativi anche nei confronti dell’Agenzia delle entrate, e nel merito dell’esterometro. L’istante infatti ritiene che le semplificazioni connesse ad OTELLO 2.0, nell’ottica del principio “Once” garantiscano al cedente di assolvere con un unico invio anche gli adempimenti comunicativi di natura fiscale. Risposta positiva dell’Agenzia.

Passando alla recente giurisprudenza, segnaliamo l’Ordinanza della Corte di Cassazione del 23 gennaio 2019 che ha ribadito come in caso di omessa presentazione della dichiarazione la responsabilità è del contribuente che doveva vigilare sull’operato del professionista a cui era stato delegato tale compito.

Concludiamo informando che con un comunicato stampa, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto che sono disponibili sul sito web www.sistemats.it i servizi telematici rivolti a tutti i cittadini per la consultazione delle proprie spese sanitarie trasmesse al Sistema Tessera Sanitaria (TS), per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata da parte dell’Agenzia delle Entrate. In particolare è possibile:

¨        consultare i propri dati di spesa sanitaria relativi agli anni 2017, 2018 e 2019 trasmessi dagli erogatori di prestazioni sanitarie. E’ possibile esportare tali dati, nonché visualizzare alcune statistiche quali, ad esempio, la ripartizione delle spese, sia per tipologia erogatore che per tipologia di spesa, e la relativa distribuzione mensile;

¨        segnalare eventuali incongruenze: le segnalazioni possono riguardare importi e classificazione della spesa, nonché la titolarità del documento fiscale.

¨        esercitare l’opposizione all’invio di tali dati all’Agenzia delle entrate per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *