HOME

/

FISCO

/

ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

/

ISEE: LE NOVITÀ DELL'INDICATORE A SEGUITO DELLA RIFORMA

ISEE: le novità dell'indicatore a seguito della riforma

Con D.p.c.m. del 5 dicembre 2013 è stata approvata la riforma dell'ISEE prevista dal Decreto salva-Italia. Il nuovo indicatore è stato studiato per garantire migliorare equità sociale e rafforzare la lotta contro gli abusi che hanno comportato una indebita fruizione di prestazioni e agevolazioni da parte di alcuni cittadini a scapito di altri maggiormente bisognosi

L’ISEE, ovvero l'Indicatore di Situazione Economica Equivalente, è l’indicatore che dal 1998 è utilizzato per valutare e confrontare la situazione economica dei nuclei familiari al fine diregolare l’accesso alle prestazioni  (in moneta e in servizi) sociali e sociosanitarie erogate dai diversi livelli di governo.
Una riforma dell'ISEE si rendeva necessaria considerato che dal 1998 ad oggi l'indicatore non aveva subito alcun aggiornamento. Era stato il decreto salva - Italia (art. 5, D.L. n. 201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011) a stabilire la necessità di una riforma dell'ISEE che, allo scopo di migliorare l’equità sociale e garantire l’accesso a tariffe agevolate alle prestazioni sociali a chi ne ha maggiormente bisogno evitando gli abusi, valorizzasse maggiormente la componente del patrimonio e definisse una nuova nozione di reddito disponibile.
Il D.p.c.m. di riforma dell'ISEE è datato 5 dicembre 2013.

1) Le principali novità del nuovo ISEE

DEFINIZIONE PIU' AMPIA DI REDDITO
Sono ora inclusi nel reddito, insieme al reddito complessivo ai fini Irpef, anche:
  • tutti i redditi tassati con regimi sostitutivi o a titolo di imposta (ad esempio, contribuenti minimi, cedolare secca sugli affitti, premi di produttività, Tfr, ecc.);
  • tutti i redditi esenti e, quindi, anche tutti i trasferimenti monetari ottenuti dalla Pubblica Amministrazione (assegni al nucleo familiare, pensioni di invalidità, assegno sociale, indennità di accompagnamento, ecc.);
  • i redditi figurativi degli immobili non locati e delle attività mobiliari.
CORRETTIVI AL REDDITO
Vengono sottratti dalla nozione di reddito:
  • i redditi da lavoro dipendente per una quota pari al 20% fino a un massimo di 3.000 euro;
  • le pensioni per una quota pari al 20% fino ad un massimo di 1.000 euro;
  • il costo dell’abitazione in affitto per un importo pari a 7.000 euro all’anno, aumentato di 500 euro per ogni figlio convivente dal 3° in poi;
  • le spese effettuate da persone con disabilità o non autosufficienti;
NUOVA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO
Viene ora considerato il patrimonio all’estero ed il valore degli immobili rivalutato ai fini IMU (invece che ICI; il nuovo valore sarà quindi più alto di quello presente nei calcoli dell'ISEE attuale). Viene, inoltre, ridotta (da 15.494 euro a 10.000 euro) la franchigia massima sulla componente mobiliare, che però sarà articolata in funzione del numero dei componenti il nucleo familiare, in quanto sale di 1.000 euro per ogni figlio dal terzo in poi.
Con riguardo agli immobili, si considera patrimonio solo il valore della casa che eccede il valore del mutuo ancora in essere.
In più, per tenere conto dei costi dell’abitare, per la prima casa viene previsto un il calcolo particolare: valore IMU è, infatti, calcolato al netto del mutuo e di una franchigia di 52.500 euro, incrementata di 2.500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo. Il valore residuo dell’abitazione, così calcolato, viene abbattuto a due terzi. Questo tipo di calcolo potrebbe aiutare soprattutto chi è all'inizio di un lungo percorso di pagamento del mutuo.

MENO AUTOCERTIFICAZIONE E PIU' CONTROLLI
Solo una parte dei dati sarà "autocertificata" dal contribuente, mentre i dati fiscali e i dati Inps più importanti saranno compilati direttamente dall'Amministrazione, consentendo in tal modo di rafforzare i controlli mediante l'incrocio con le diverse Banche Dati fiscali e contributive e di ridurre le situazioni di accesso indebito alle prestazioni agevolate.
Il patrimonio mobiliare verrà controllato:
  • ex ante con riferimento all’esistenza di conti non dichiarati;
  • ex post con la creazione di liste selettive per controlli sostanziali della Guardia di Finanza.
Verrà dato peso alla consistenza media annua dei conti correnti (piuttosto che al valore al 31.12).
ISEE CORRENTE
E' introdotta la possibilità di presentare un "ISEE corrente" in caso di variazioni superiori al 25% dell’indicatore della situazione reddituale dovute a variazioni della situazione lavorativa.
L'ISEE attualmente vigente fa, infatti, riferimento al reddito dell’ultima dichiarazione, che a sua volta si riferisce all’anno precedente (ad esempio, 730/2013 per i redditi 2012). Può accadere, quindi, che l'ISEE non rispecchi appieno la realtà economica del nucleo familiare al momento di presentazione della DSU, specie in questa situazione di grave crisi economica in cui la condizione delle persone può cambiare anche rapidamente. Per tale ragione, il D.p.c.m. introduce la possibilità di calcolare un ISEE “corrente”, riferito cioè ad un periodo di tempo più ravvicinato.

2) Gli argomenti della Circolare Settimanale per lo Studio n. 2 del 17 Gennaio 2014

INDICE:
LA SETTIMANA IN BREVE
LE PRINCIPALI NOTIZIE FISCALI DELLA SETTIMANA
Pagina 2
LE SCHEDE INFORMATIVE
CON L'INTEGRATIVA SI TRASFORMA IL RIMBORSO IN CREDITO COMPENSABILE
Il 28 gennaio scade il termine per presentare la dichiarazione integrativa che consente di mutare la destinazione del credito Irpef/Ires/Irap, in particolare di revocare la richiesta di rimborso in quella in compensazione. Per quanto riguarda l'Iva i termini si allungano fino al 30 settembre 2014.
Pagina 4
LE REGOLE DEL NUOVO ISEE
Con D.p.c.m. del 3 dicembre 2013, sono state definite le regole del nuovo ISEE, in base alla riforma prevista dal Decreto salva-Italia. Il nuovo indicatore è stato studiato per garantire migliorare equità sociale e rafforzare la lotta contro gli abusi che hanno comportato una indebita fruizione di prestazioni e agevolazioni da parte di alcuni cittadini a scapito di altri maggiormente bisognosi.
Pagina 6
I LIMITI 2014 PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA
Le imprese individuali, le società di persone e gli enti non commerciali che intendono adottare la contabilità semplificata dal 2014, devono aver conseguito nel 2013 ricavi fino a € 400.000 se effettuano attività di prestazioni di servizi, ovvero € 700.000 in caso di esercizio di altre attività.
Pagina 12
AGGIORNAMENTO CONTINUO: IL SAPERE PER FARE
MINI-IMU ENTRO IL 24 GENNAIO 2014
Il 24 gennaio scade il termine di pagamento della c.d. mini-Imu. Il termine, originariamente fissato al 16 gennaio 2014, è stata differito al 24.01.2014 dalla Legge di Stabilità 2014 (art. 1 comma 680 della L. 147/2013). Nella nostra consueta rubrica di aggiornamento, analizziamo l'adempimento.
Pagina 15
CASI RISOLTI
Pagina 19
PRASSI DELLA SETTIMANA
LE RISOLUZIONI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE
Una sintesi dei contenuti delle Risoluzioni dell’Agenzia in ordine cronologico
Pagina 21
I COMUNICATI STAMPA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE
Una sintesi dei contenuti dei Comunicati stampa dell’Agenzia in ordine cronologico
Pagina 22
SCADENZARIO
SCADENZARIO BISETTIMANALE DAL 17.01.2014 AL 31.01.2014
Pagina 24
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 08/07/2021 Bonus rottamazione TV: fino a 100 euro di incentivo

A chi spetta il bonus rottamazione TV? Vediamo i requisiti e le condizioni per averlo. Il Ministro Giorgetti firma il decreto attuativo dell'incentivo.

Bonus rottamazione TV: fino a 100 euro di incentivo

A chi spetta il bonus rottamazione TV? Vediamo i requisiti e le condizioni per averlo. Il Ministro Giorgetti firma il decreto attuativo dell'incentivo.

ISEE: documenti e informazioni richieste per la domanda

Tutto ciò che serve per compilare la DSU necessaria per richiedere l'attestazione ISEE 2021: documenti, dati dichiarazioni dei redditi

ISEE 2021: come  si richiede?

Guida al calcolo ISEE 2021: cos'è, come si richiede, quali documenti, compilazione DSU, calcolo e simulazione C'è anche l'ISEE precompilato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.