HOME

/

FISCO

/

DETERMINAZIONE DEL REDDITO

/

FATTURE DI PARENTI E AMICI: INDEDUCIBILI SENZA SUPPORTO DOCUMENTALE

Fatture di parenti e amici: indeducibili senza supporto documentale

La deducibilità dei costi certificati da parenti e amici può essere contestata, se non supportata da adeguata documentazione che ne attesti certezza, inerenza, determinabilità

L’articolo 109 del TUIR disciplina le norme generali sui componenti il reddito d’impresa; in relazione ai costi prevede che questi, per essere deducibili dal reddito d’impresa, debbano rispondere ai requisiti di inerenza, certezza e determinabilità.

L’inerenza espressamente prevista dal Legislatore è di tipo qualitativo, quale correlazione tra costo e attività imprenditoriale, a cui si può accompagnare l’inerenza di tipo quantitativo, di base giurisprudenziale, che non è in trattazione in questa sede.

L’ordinanza numero 27657/2021 della Corte di Cassazione, in relazione ai criteri di deducibilità dei costi dal reddito d’impresa, fa alcune precisazioni e prende in esame, in modo specifico, una particolare situazione: quella in cui le fatture, che documentano i costi dedotti, sono state emesse da parenti o amici.

Le precisazioni di taglio preventivo che fa la Corte, in relazione alla deducibilità dei costi, e che possono essere utili in generale, sono due:

  • la prova del diritto alla deduzione dei costi è a carico del contribuente, il quale può fornire prova per il tramite di un documento quale la fattura, ma l’attendibilità di questa può essere contestata dall’Agenzia delle Entrate, e la valutazione della questione starà al giudice di merito che giudicherà la situazione in base al quadro complessivo;
  • i requisiti di certezza e determinabilità dei costi sono requisiti imprescindibili per la loro deduzione fiscale, anche in caso di imprese minori.

Premesso ciò, l’ordinanza e la nostra trattazione possono entrare nello specifico della fattispecie trattata: il caso delle fatture emesse da parenti e amici.

Nel caso esaminato dalla Corte i costi erano documentati dai soli documenti fiscali, senza ulteriore prova documentale a supporto dell’esistenza e dell’effettività delle prestazioni che il contribuente intendeva dedurre.

La Corte di Cassazione ci spiega che, in un caso come quello in trattazione, l’effettività delle prestazioni, e quindi la loro deducibilità dal reddito d’impresa, erano smentite da:

  • un elemento soggettivo: l’esistenza di rapporti di parentela o di amicizia tra le parti;
  • un elemento oggettivo: l’assenza di documentazione analitica a supporto.

L’unione di questi elementi è sufficiente “a far esprimere una valutazione negativa della documentazione esibita dal contribuente”.

Riepilogando per maggiore chiarezza, quindi:

  1. la deduzione di un costo è subordinata alla sua certezza, alla sua inerenza e alla sua determinabilità;
  2. dato che l’onere di provare l’esistenza del diritto alla detrazione di un costo è a carico del contribuente, lo è anche quello di provare le sue caratteristiche essenziali quali, ad esempio, l’effettiva esistenza;
  3. tale prova può essere fornita per il tramite della fattura, ma l’attendibilità del documento può essere contestata dall’Agenzia delle Entrate;
  4. nel caso in cui le fatture siano emesse da parenti e amici, i rapporti intercorrenti tra le parti sono da soli sufficienti per mettere in dubbio l’effettività e quindi la deducibilità di questi costi;
  5. se il contribuente non sarà in grado di produrre adeguata documentazione a dimostrazione della certezza, dell’inerenza e della determinabilità di tali costi, questi potranno essere facilmente contestati dall’Agenzia delle Entrate e disconosciuti dal giudice di merito (colui al quale è demandato il compito di valutare la complessità di queste situazioni).

In definitiva quindi, il contribuente che vorrà portare in deduzione dal reddito d’impresa costi certificati da parenti o amici, per evitare ipotesi di contestazione, dovrà premurarsi di conservare documentazione sufficiente a dimostrarne l’esistenza e l’inerenza, insieme alle modalità analitiche di determinazione.

Tag: REDDITI DI IMPRESA REDDITI DI IMPRESA DETERMINAZIONE DEL REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

DETERMINAZIONE DEL REDDITO · 25/10/2022 La deducibilità del compenso dell’amministratore in mancanza di delibera secondo Assonime

Assonime non concorda con il prevalente orientamento giurisprudenziale che vuole la deducibilità fiscale del compenso dell’amministratore subordinata alla presenza della delibera

La deducibilità del compenso dell’amministratore in mancanza di delibera secondo Assonime

Assonime non concorda con il prevalente orientamento giurisprudenziale che vuole la deducibilità fiscale del compenso dell’amministratore subordinata alla presenza della delibera

Indeducibili gli interessi di mora per ritardato versamento delle imposte

Gli interessi passivi e gli interessi di mora per ritardato pagamento imposte sono due valori dal trattamento fiscale differenziato

Fatture di parenti e amici: indeducibili senza supporto documentale

La deducibilità dei costi certificati da parenti e amici può essere contestata, se non supportata da adeguata documentazione che ne attesti certezza, inerenza, determinabilità

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.