HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

CODICE APPALTI: APPROVATA LA BOZZA DI RIFORMA

2 minuti, Redazione , 01/07/2021

Codice appalti: approvata la bozza di riforma

Legge delega sugli appalti pubblici: approvata ieri in Consiglio dei ministri per la semplificazione del Codice appalti e adeguamento alle norme comunitarie

Approvata ieri  in Consiglio dei ministri   la bozza del DDL delega per la riforma del codice degli appalti pubblici . Alleghiamo sotto l'articolo la bozza del provvedimento .

Si tratta del terzo provvedimento previsto dal programma di attuazione del PNRR. 

Nella relazione illustrativa  si legge che la riforma si è resa necessaria  per  adeguare il settore dei contratti pubblici all’evoluzione della giurisprudenza in materia ma anche per rimediare ai problemi applicativi riscontrati a seguito dell’entrata in vigore del Codice degli Appalti ( decreto 4 legislativo 18 aprile 2016, n. 50 ) al decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 e dei vari provvedimenti legislativi che lo hanno modificato con deroghe importanti, dovute anche alle esigenze portate dall’epidemia da COVID- 19.

Il quadro normativo attuale in materia risulta attualmente troppo ampio  e complesso per una effettiva applicazione.

La legge intende quindi  dal punto di vista formale sfrondare la mole eccessiva di norme e semplificarne il linguaggio.

 Dal punto di vista  dei contenuti,  che i decreti attuativi dovranno specificare, si segnalano  i principi cardine indicati nel disegno di legge:

  • stretta  aderenza alle direttive europee  assicurando  l’apertura alla concorrenza e al confronto competitivo fra gli operatori 
  •  l’incentivazione all’utilizzo delle procedure flessibili, quali il dialogo competitivo, il partenariato per l’innovazione e le procedure negoziate con bando
  •  la riduzione degli automatismi nella valutazione delle offerte,
  • l'elencazione dei  casi in cui le stazioni appaltanti possono ricorrere al  criterio del prezzo più basso o del massimo ribasso d’offerta  
  • le cause giustificative per la  stipula di contratti secretati 
  •  il divieto di proroga dei contratti di concessione 
  • la razionalizzazione  delle modalità di affidamento dei contratti da parte dei concessionari, 
  • la riduzione e   qualificazione delle stazioni appaltanti, 
  • la riduzione dei tempi di gara, attraverso la  semplificazione della normativa primaria in materia di programmazione, di localizzazione delle opere pubbliche e dibattito pubblico  
  •  la semplificazione delle procedure relative alla fase di approvazione dei progetti in materia di opere pubbliche, 
  •  lo snellimento delle procedure di verifica e validazione dei progetti 
  • la razionalizzazione dell'attività e della composizione del Consiglio Superiore dei lavori pubblici (comma 2, lettera h),
  •  la piena digitalizzazione e informatizzazione delle procedure, anche ai fini dei controlli sui requisiti dichiarati dagli operator
  • la previsione di tempi certi per il pagamento degli acconti e dei corrispettivi 
  • il rafforzamento della specializzazione professionale dei commissari all’interno di ciascuna amministrazione 
  • la razionalizzazione dei  meccanismi sanzionatori e premiali.

I decreti attuativi dovranno essere emanati entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della legge delega , su proposta del Presidente del Consiglio , del Ministro delle Infrastrutture e del Consiglio di Stato .

Tag: APPALTI APPALTI LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITO DI CITTADINANZA · 24/09/2021 Reddito di cittadinanza: al via le domande del bonus extra per nuove attività

Inps ha pubblicato le istruzioni per la richiesta delle 6 mensilità aggiuntive di Reddito di Cittadinanza per chi apre un attività. In arrivo un ulteriore circolare

Reddito di cittadinanza: al via le domande del bonus extra per nuove attività

Inps ha pubblicato le istruzioni per la richiesta delle 6 mensilità aggiuntive di Reddito di Cittadinanza per chi apre un attività. In arrivo un ulteriore circolare

Pensioni: ecco  l'elenco dei nuovi lavori usuranti e gravosi:

La proposta di nuove mansioni usuranti e gravose che potrebbe entrare nella riforma previdenziale prevista per il prossimo anno, in sostituzione di Quota 100

Concorso Guardia di finanza 2021:1409 posti disponibili

Bando, requisiti, posti disponibili, come fare domanda per il concorso Guardia di finanza 2021 per 1409 allievi con diploma superiore - Scadenza 9 ottobre 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.