HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

SUBAPPALTI: PER LA UE IL LIMITE È FUORI LEGGE

3 minuti, Redazione , 27/09/2019

Subappalti: per la UE il limite è fuori legge

I limite ai subappalti previsto dal nostro Codice appalti contrasta con la normativa comunitaria. Così la Sentenza della Corte UE C63 /18

I limiti ai subappalti nei lavori pubblici, con qualsiasi percentuale, contrastano con la normativa comunitaria (direttiva 2014/24), dice la Corte UE. Si avvicina il rischio di una procedura di infrazione contro l'Italia. 

E' stata pubblicata ieri  una sentenza della Corte di Giustizia europea (causa C-63/18)  che considera illegittimo il limite  ai subappalti a terzi da parte delle ditte vincitrici della gare  per lavori  pubblici, previsto dal nostro nuovo codice d.lgs 50/2016, piu volte modificato. Questo perche in questo modo  si danneggiano le piccole medie imprese  che hanno il diritto di poter partecipare ai lavori senza limitazioni.   

Il caso riguardava la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Italia) il 1° febbraio 2018  sulla causa  Vitali S.p.A. / Autostrade per l’Italia S.p.A. (Causa C-63/18).

Va sottolineato che la motivazione della sentenza non  si sofferma sulla percentuale  specifica fissata dal codice Appalti  al 30%  (ma attualmente, fino al 2020 , innalzato al 40% dalla conversione in legge del  Decreto Sblocca cantieri).

Le motivazioni addotte dal Governo italiano che fanno riferimento al pericolo di infiltrazioni mafiose nei subappalti  a terzi, per la Corte Ue sono poco pertinenti e non giustificano la limitazione alla libera impresa .  Si sottolinea che  a questo fine va invece  verificato  il possesso dei requisiti dei subappaltatori. «Il diritto italiano - ricorda la Corte - già prevede numerose attività interdittive espressamente finalizzate ad impedire l’accesso alle gare pubbliche alle imprese sospettate di condizionamento mafioso».

Il presidente  dell'  Ance, associazone nazionale costruttori edili, Gabriele Buia   afferma che il problema era stato segnalato da tempo e che : "a questo punto va preso atto delle  conclusioni della Corte cancellando qualsiasi limite"

Gia qualche mese fa Bruxelles aveva inviato all'Italia una lettera che contestava il Codice appalti in molti punti e  anticipava la  messa in mora  dell'Italia su questo argomento.

Riportiamo di seguito uno stralcio  della sentenza:

"le amministrazioni aggiudicatrici devono rispettare i principi di aggiudicazione degli appalti di cui all’articolo 18 della direttiva 2014/24, tra i quali figurano, in particolare, i principi di parità di trattamento, di trasparenza e di proporzionalità (sentenza del 20 settembre 2018, Montte, C 546/16, EU:C:2018:752, punto 38).
40  -    Orbene, in particolare, come ricordato al punto 30 della presente sentenza, la normativa nazionale di cui al procedimento principale vieta in modo generale e astratto il ricorso al subappalto che superi una percentuale fissa dell’appalto pubblico in parola, cosicché tale divieto si applica indipendentemente dal settore economico interessato dall’appalto di cui trattasi, dalla natura dei lavori o dall’identità dei subappaltatori. Inoltre, un siffatto divieto generale non lascia alcuno spazio a una valutazione caso per caso da parte dell’ente aggiudicatore (v., per analogia, sentenza del 5 aprile 2017, Borta, C 298/15, EU:C:2017:266, punti 54 e 55).
41      Ne consegue che, nell’ambito di una normativa nazionale come quella di cui trattasi nel procedimento principale, per tutti gli appalti, una parte rilevante dei lavori, delle forniture o dei servizi interessati dev’essere realizzata dall’offerente stesso, sotto pena di vedersi automaticamente escluso dalla procedura di aggiudicazione dell’appalto, anche nel caso in cui l’ente aggiudicatore sia in grado di verificare le identità dei subappaltatori interessati e ove ritenga, in seguito a verifica, che siffatto divieto non sia necessario al fine di contrastare la criminalità organizzata nell’ambito dell’appalto in questione.
42      Come sottolinea la Commissione, misure meno restrittive sarebbero idonee a raggiungere l’obiettivo perseguito dal legislatore italiano, al pari di quelle previste dall’articolo 71 della direttiva 2014/24 e richiamate al punto 29 della presente sentenza. D’altronde, come indica il giudice del rinvio, il diritto italiano già prevede numerose attività interdittive espressamente finalizzate ad impedire l’accesso alle gare pubbliche alle imprese sospettate di condizionamento mafioso o comunque collegate a interessi riconducibili alle principali organizzazioni criminali operanti nel paese.
43      Pertanto, una restrizione al ricorso del subappalto come quella di cui trattasi nel procedimento principale non può essere ritenuta compatibile con la direttiva 2014/24.

Allegato

Sentenza UE C 63-18 subappalti

Tag: APPALTI APPALTI LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

APPRENDISTATO E TIROCINI 2022 · 30/01/2023 Giornalisti: prorogato al 30 giugno il termine per gli obblighi formativi

Proroga dei termini per la formazione obbligatoria del triennio 2020-2022 decisa dal Consiglio nazionale con parere favorevole del Ministero della Giustizia. Un riepilogo.

Giornalisti: prorogato al 30 giugno  il termine per gli obblighi formativi

Proroga dei termini per la formazione obbligatoria del triennio 2020-2022 decisa dal Consiglio nazionale con parere favorevole del Ministero della Giustizia. Un riepilogo.

Pagamento prestazioni occasionali: aumentano i costi

INPS ha aggiornato gli oneri a carico del lavoratore per il pagamento di prestazioni occasionali tramite bonifico domiciliato in Ufficio Postale

TFR Impatriati: detassazione possibile

Chiarimenti dell'Agenzia: in materia di regime fiscale agevolato impatriati (art 16 d.lgd 147 2015) applicabile anche aTFR e somme erogate a fine rapporto

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.