IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 26/10/2020

Gestione IVA degli stampi e attrezzature in ambito comunitario

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 3 minuti
operazioni intracomunitarie

Unico contratto di appalto per lo stampo e la fornitura dei beni o compartecipazione ai costi di produzione

Commenta Stampa

Il corrispettivo per la creazione di uno stampo su richiesta del cliente UE segue strade distinte a seconda che ci sia o meno il passaggio di proprietà e la movimentazione del bene.

Nell’ambito delle cessioni intracomunitarie può capitare che il cliente UE richieda la fornitura di particolari da produrre utilizzando una determinata attrezzatura o stampo. A seconda che trattasi di una modifica di uno stampo che resta di proprietà del fornitore o di uno stampo creato ad hoc per la controparte comunitaria (con relativo passaggio di proprietà del bene) cambia il trattamento ai fini IVA dell’operazione.

Unico contratto per la produzione dello stampo e dei pezzi

La realizzazione (costruzione diretta o acquisto da terzi secondo la normativa interna) per conto di un committente comunitario di stampi, da utilizzare in Italia per la produzione, a mezzo degli stessi, di beni da inviare nell'altro Stato membro, è da inquadrare nell'ambito di cessioni intracomunitarie se e solo se:

  • tra il committente e l'operatore nazionale venga stipulato un unico contratto di appalto avente ad oggetto sia la realizzazione dello stampo sia la fornitura dei beni che con esso si producono;
  • lo stampo, a fine lavorazione, venga inviato nell'altro Paese comunitario, a meno che, in conseguenza dell'ordinario processo di produzione o per accordi contrattuali, sia distrutto o sia divenuto ormai inservibile; tali condizioni assumono rilevanza anche ai fini della formazione del plafond (CM 13/E del 23 febbraio 1994).

L'operatore nazionale, solo in presenza di dette condizioni, è legittimato ad emettere una fattura non imponibile IVA ai sensi dell'art. 41, comma 1, lett. a) DL 331/1993. Per converso, se manca una delle condizioni sopra esposte l’operazione richiede l’applicazione dell’IVA ordinaria.

La casistica descritta rappresenta una deroga prevista nel nostro ordinamento e non condivisa in altri Stati membri (ad esempio in Polonia), in quanto viene consentita l’emissione di una fattura non imponibile IVA (passaggio di proprietà dello stampo dal fornitore italiano al cliente comunitario) senza che ci sia l’immediata movimentazione fisica dello stesso. Resta inteso che l’effettiva movimentazione del bene è semplicemente rimandata, avverrà come da contratto al termine della fornitura dei particolari: se lo stampo al termine della produzione non viene spedito al proprietario (cliente UE), decade la non imponibilità IVA sull’operazione di cessione con relativo recupero dell’imposta ed irrogazione di sanzioni e interessi.

Oltre ad emettere una fattura non imponibile ai sensi dell’articolo 41, comma 1, lettera a), il cedente deve presentare il modello INTRA parte fiscale con riferimento al periodo di registrazione della fattura, inserendo il corrispettivo dello stampo nel valore statistico dei pezzi, alternativamente in unica soluzione (in occasione del primo invio dei pezzi) oppure ripartendo il valore dello stampo sulle singole forniture, man mano che vengono consegnati i pezzi. Resta infine l’onere di annotare lo stampo, rimasto in prestito d’uso presso il fornitore italiano, su apposito registro di carico e scarico tenuto ai sensi dell’articolo 50, comma 5, del DL 331/1993.

Contributo in conto stampi

Ipotesi distinta è rappresentata dall’addebito di un contributo in conto stampi: si pensi al caso in cui lo stampo resta di proprietà del fornitore italiano, quest’ultimo lo utilizza per produrre i pezzi richiesti dal cliente comunitario. Tale fattispecie comporta l’emissione di una fattura non soggetta IVA ex articolo 7-ter DPR 633/1972, in quanto trattasi di un corrispettivo richiesto per le modifiche apportate allo stampo/attrezzatura per accontentare le esigenze produttive del cliente.

Lo sviluppo o modifica di uno stampo utilizzato per la fabbricazione dei particolari richiesti dal cliente UE (senza passaggio di proprietà) configura l’esecuzione di una prestazione di servizio generica e, come tale, da includere nei modelli riepilogativi INTRA come servizio reso (circolare 43/E/2010).

Ti potrebbero interessare:

  • il nostro pacchetto eBook Iva estero (Pacchetto eBook 2020) contenente 2 ebook in pdf sulle operazioni intra ed extra UE, sulle modalità di operare nelle diverse operazioni e casi pratici.
  • e Obblighi connessi agli scambi intra UE beni e servizi, utile guida operativa alla gestione degli adempimenti connessi agli scambi intracomunitari di beni e servizi, rivolta a chi intende approfondire la materia o semplicemente avvicinarsi allo studio delle operazioni intracomunitarie.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus: Check-list conformità e calcolo compenso
In PROMOZIONE a 31,89 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Partita Doppia 3: Casi pratici
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-12-19
La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE