Rassegna stampa Pubblicato il 08/07/2019

Dimissioni annullate e diritto alle retribuzioni

sentenza cassazione

Se le dimissioni sono annullate, da quando scatta il diritto alle retribuzioni non percepite dal lavoratore? La Cassazione risponde nella Sentenza 16998/2019

La Corte di Cassazione, con la Sentenza 16998 del 25 giugno 2019, ha statuito che al lavoratore spettano le retribuzioni arretrate se le sue dimissioni vengono annullate per temporanea incapacità di intendere e volere, con ripristino del rapporto lavorativo, dal momento della sua domanda di giudizio. La sentenza si sofferma in particolare sulla data di decorrenza del diritto al pagamento delle retribuzioni non percepite , in quanto le posizioni della giurisprudenza non sono univoche.

 Il caso riguardava un lavoratore che chiedeva l'annullamento delle dimissioni   per transitoria totale incapacità di intendere e di volere (atto di dimissioni viziato ex art. 428 cod. civ.). che il Tribunale di Marsala rigettava. In appello la Corte di Palermo riformava la sentenza, annullando le dimissioni e  condannando  l'Ente a corrispondere al lavoratore  con decorrenza dalla data della domanda giudiziale,  una somma pari alla differenza tra il trattamento pensionistico percepito e la retribuzione che gli sarebbe mensilmente spettata sulla base della sua qualifica di Direttore Agrario Coordinatore.

La Cassazione rigetta il ricorso dell'Ente datore di lavoro. Nel merito , con riferimento alle dimissioni,  ricorda che " è pacifico nella giurisprudenza di legittimità che la  pronuncia giudiziale di annullamento per la sua efficacia costitutiva comporta il ripristino del rapporto,  attribuendo al dimissionario la posizione giuridica di cui era in precedenza titolare". 

Piu articolata invece la decisione  sul punto  delle conseguenze dell'annullamento sul piano economico. In particolare  vengono  ricordate le due posizioni della giurisprudenza di legittimità:

  1. per la prima il lavoratore  ha diritto a ottenere  le retribuzioni  solo  a partire dal momento della  sentenza di annullamento (Cass. 17 giugno 2005, n. 13045; Cass. 6 novembre 2000, n. 14438; Cass. 5 luglio 1996, n. 6166)  in quanto in quel periodo le prestazioni di lavoro sono assenti , in attesa del giudizio . In senso conforme si è espressa anche Cass. 17 ottobre 2014, n. 22063.Cass. 6 settembre 2018, n. 21701, in virtu della natura sinallagmatica del rapporto di lavoro.
  2.  Il secondo orientamento, espresso con sentenza del 14 aprile 2010,  n. 8886 , invece afferma  che "gli effetti della  sentenza di annullamento retroagiscono al momento della domanda  giudiziale, in ragione del principio generale per il quale la durata  del processo non deve mai andare a detrimento della parte vincitrice". Tale ultimo principio è stato di recente ripreso anche  da Cass.  13 febbraio 2019, n. 4232.

 In questo caso il  Collegio ritiene di aderire a quest'ultimo  principio  in quanto, afferma " la soluzione che riconduce la decorrenza della retribuzione alla data della sentenza sarebbe del tutto iniqua per il lavoratore  perche fa  pesare sulla parte che, a ragione, domanda giustizia, i tempi della risposta giudiziaria  - tra l'altro in violazione del principio costituzionale (art. 111 Cost.,  comma 1) del c.d. giusto processo" . 
 In altre parole la durata del processo non può andare a discapito della parte che ha ragione  o meglio "non può pregiudicare la parte che si vedrà riconoscere la propria ragione" , come affermato anche dalla  Corte costituzionale 23 giugno 1994, n. 253.
La sentenza quindi rigetta il ricorso dell'Ente, confermando la decisione delle Corte d'Appello di Palermo.

Fonte: Corte di Cassazione


1 FILE ALLEGATO



Prodotti per La rubrica del lavoro , Lavoro Dipendente, Giurisprudenza

prodotto_fiscoetasse
44,92 € + IVA

IN PROMOZIONE A

34,24 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
14,33 € + IVA

IN PROMOZIONE A

12,40 € + IVA

fino al 31/07/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,33 € + IVA

fino al 11/09/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,66 € + IVA

fino al 09/09/2019

prodotto_fiscoetasse
6,48 € + IVA

IN PROMOZIONE A

5,66 € + IVA

fino al 08/10/2019

prodotto_fiscoetasse
70,86 € + IVA

IN PROMOZIONE A

44,15 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
29,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

23,20 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)