Rassegna stampa Pubblicato il 01/04/2019

Visto infedele 730: imposte non più a carico dei professionisti. Cambia la norma

sanzioni amministrative e penali soglie punibilità

Soppressa la norma che prevedeva che i commercialisti pagassero in caso di visto infedele

Sospiro di sollievo dei commercialisti. La conversione in legge del DL 4/2019 su reddito di cittadinanza e pensioni ha infatti previsto l'introduzione dell'art. 7-bis che modifica il regime sanzionatorio a carico di professionisti e CAF nei casi di visto di conformità infedele sui modelli 730, di cui il Consiglio nazionale dei commercialisti CNDCEC "aveva denunciato la palese incostituzionalità, sin dalla sua approvazione nel 2015 in seguito all’introduzione della dichiarazione precompilata. Si tratta di un risultato importante, per il quale esprimiamo soddisfazione”.

In particolare, come si legge nel comunicato stampa del CNDCEC del 28 marzo 2019, accogliendo la proposta formulata sul punto dal Consiglio nazionale dei commercialisti, il nuovo art. 7-bis, introdotto in sede di conversione, sopprime l’obbligo da parte del professionista di pagare una somma pari alle imposte e agli interessi che il contribuente ha “risparmiato” per effetto dell’errore commesso nel rilascio del visto di conformità sul modello 730.

Resta invece dovuta unicamente la sanzione pari al 30% della maggiore imposta riscontrata, sempre che il visto infedele non sia stato indotto dalla condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente.

Viene confermato inoltre che la somma da pagare potrà essere ridotta tramite il ravvedimento operoso qualora il professionista, prima della formale contestazione
dell’infedeltà del visto da parte dell’Agenzia delle entrate, trasmetta a quest’ultima una comunicazione dei dati relativi alla rettifica della dichiarazione.
Si prevede infine che alle sanzioni in materia di visto di conformità infedele non si applica la maggiorazione di cui all’art. 7, comma 3, del D.Lgs. n. 472/1997, secondo cui la sanzione è aumentata fino alla metà nei confronti di chi, nei tre anni precedenti, sia incorso in altra violazione della stessa indole non definita attraverso gli ordinari istituti deflativi del contenzioso. 

Ti potrebbe interessa l'ebook 730 e Dichiarazione dei redditi 2019 (eBook) - 100 voci di spesa da portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Segui gratuitamente il Dossier Dichiarazione 730/2019 per aggiornamenti, news e approfondimenti.

Vedi  la nostra offerta formativa  pe i commercialisti :  Videocorsi accreditati ODCEC  e  Minimaster per Revisori legali  riconosciuto dal MEF 

Fonte: Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili




Prodotti per Dichiarazione 730/2019, Professione Commercialisti ed Esperti Contabili

 
4,90 € + IVA
 
84,00 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)