Rassegna stampa Pubblicato il 17/12/2013

Imu senza sanzioni entro il 16 giugno 2014

168x126 IMU errori versamento

Restano le regole classiche sul ravvedimento per chi ha omesso il pagamento

Coloro che ieri hanno pagato l'Imu su seconde case, negozi e capannoni, ma hanno sbagliato ad effettuare il calcolo, potranno rimediare all'errore entro il 16 giugno 2014 senza incorrere in sanzioni ed interessi. A prevederlo è una misura contenuta nell'emendamento alla legge di stabilità approvato in commissione Bilancio alla Camera, per venire incontro ai contribuenti che hanno pagato, ma che hanno sbagliato cifra, in considerazione della grande confusione che si è creata sul saldo Imu. Sempre in commissione Bilancio un altro emendamento è intervenuto per la maggiorazione della Tares di 30 centesimi al metro quadro, e per la mini-Imu sulle abitazioni principali ubicate in Comuni con aliquota superiore allo 0,4%, che farebbe slittare tali adempimenti al 24 gennaio 2014.

Ti potrebbe interessare il nostro Pacchetto IMU e TASI - IVIE e IVAFE 2019 (2 eBook + excel) contenente 2 eBook in pdf  e 1 file excel per il calcolo dell'IMU 2019 venduti anche singolarmente. Gratis puoi scaricare un fac-simile del contratto di comodato immobile con parenti in linea retta per la riduzione IMU

 

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per IMU - Imposta Municipale Unica, Legge di Stabilità 2014, Tari (ex Tares), IMU-TASI-TARI (IUC) 2019 2020

 

GRATIS

 
4,90 € + IVA

Commenti

Credo che la speranza di molti italiani sia che per giugno 2014 sia sparita l'IMU e con lei questa classe di politicanti inconcludenti e spendaccioni che si stanno mangiando tutto il Paese.

Commento di miky (14:30 del 17/12/2013)

é un obbrobrio! voluto per incompetenze professionali, credo!!!!! chi legifera non credo che abbia mai lavorato di gomito altrimenti capirebbe che non si può abolire un'imposta come l'ICI dopo tantissimi aanni di modifiche e"prassi" consolidata, così comeler le "bolle di accompagnamento". Si gioca ad improvissare mettendo in difficoltà oi professionisti del settore che hanno mille difficoltà a star ditro ai ridicoli cambiamenti quotidicani....e se i professionisti.......potessero ssedersi ad un tavolo e discutere con chi legifera le cose andrebbero senz'altro meglio......viste le varie esperienze maturate lavorando di gomito.

Commento di LUIGI (10:02 del 18/12/2013)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)