Rassegna stampa Pubblicato il 16/10/2013

Cuneo fiscale, si parte dal 2014

Le misure volte alla riduzione del cuneo fiscale comporteranno, nel triennio 2014-2016, una riduzione delle tasse per le imprese di 5,6 miliardi e per i lavoratori di 5 miliardi di euro

La riduzione del cuneo fiscale inizierà dal 2014 con oltre 2,5 miliardi di euro. Un miliardo e mezzo servirà per ridurre l'Irpef perle fasce di reddito medio - basse. Quaranta milioni saranno utilizzati per ridurre l'IRAP sulla quota lavoro. Un miliardo, infine, verrà utilizzato per ridurre i contributi sociali sulle imprese. Le misure comporteranno, nel triennio 2014-2016, una riduzione delle tasse per le imprese di 5,6 miliardi e per i lavoratori di 5 miliardi di euro. Viene confermata la defiscalizzazione fino a 15.000 euro dall'Irap per i neo assunti (per tre anni), a condizione che le assunzioni siano aggiuntive rispetto alla media dell'organico. Dal 2014, poi, verrà restituito completamente il contributo addizionale Aspi dell'1,4% in caso di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato.

Fonte: Il Sole 24 Ore





Commenti

Non facciamoci abbagliare da queste cifre altisonanti. Ai lavoratori andranno 4 Euro al mese in più in busta paga (8 Euro Lordi).

Se pensiamo che l'aumento dell'IVA ci costa 15 Euro al mese, abbiamo già capito la BUFALA.

CARI SIGNORI, COMINCIATE A RISPARMIARE, COMINCIATE A PRIVARE I VOSTRI PARTITI DEGLI INTROITI DERIVANTI DALLE SOCIETA' PARTECIPATE E MUNICIPALIZZATE ( per mezzo dei lauti compensi elargiti ai vostri funzionari che eleggete nei CDA di queste società) E A PRIVARVI DELLA POLITICA CLIENTELARE CHE PERPETRATE BELLAMENTE PER IL LORO TRAMITE ( con le partecipate si aggira il blocco del turn over nel pubblico impiego e, in più, si assume senza concorso pubblico, perciò sono infarcite di amici di.....e con gli organici sovradimensionati)

BASTA, SMETTETELA DI PRENDERE IN GIRO I CITTADINI ITALIANI !!! (e questo vale anche per la carta stampata e l'informazione radiotelevisiva, che tacciono queste situazioni scandalose)

Commento di Miky (11:53 del 16/10/2013)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)