HOME

/

NORME

/

LEGGI E DECRETI

/

EREDITÀ GIACENTE E VACANTE: INVIO DATI DEI BENI EREDITARI DA PARTE DEL CURATORE

3 minuti, 29/08/2022

Eredità giacente e vacante: invio dati dei beni ereditari da parte del curatore

Pronte le regole per l'acquisizione dei dati e delle informazioni rilevanti per individuare i beni ereditari vacanti nel territorio dello Stato

Forma Giuridica: Normativa - Decreto Ministeriale
Numero 128 del 22/06/2022

Pubblicato in GU n. 201 del 28.08.2022, il Decreto del 22 giugno 2022 n. 128 recante la disciplina dei criteri per l'acquisizione, anche mediante la predisposizione di un apposito sistema telematico, dei dati e delle informazioni rilevanti per individuare i beni ereditari vacanti nel territorio dello Stato.

Per beni ereditari vacanti si intendono i beni immobili, le cose mobili, i titoli di credito, le obbligazioni, le partecipazioni societarie, le quote di fondi comuni di investimento e gli altri valori mobiliari, i crediti nonchè i diritti e i beni immateriali, situati nel territorio dello Stato italiano, facenti parte di: 

  • eredità devolute allo Stato all'esito delle procedure di cui agli articoli 528 e seguenti del codice civile (eredità giacente: il chiamato non ha accettato l'eredità e non è nel possesso di beni ereditari, in questo caso viene nominato un curatore);
  • eredità devolute allo Stato ai sensi dell'articolo 586 del codice civile per le quali non sono state attivate le procedure di cui agli articoli 528 e seguenti del codice civile (eredità vacante: mancanza di altri successibili, e di conseguenza l'eredità è devoluta allo Stato).

Differenza tra eredità giacente ed eredità vacante

Si è in presenza di eredità giacente, dall'apertura della successione, quando vi è incertezza dell’accettazione o presenza dei chiamati all'eredità; 

Si è in presenza di eredità vacante quando è accertata l'effettiva mancanza di eredi, di conseguenza l’eredità spetta allo Stato.

Beni derivanti da eredità giacente 

Vediamo cosa prevede il Regolamento nei casi di eredità giacente, ovvero di procedimento instaurato ai sensi dell'articolo 528, primo comma, del codice civile.

In questi casi la cancelleria del tribunale che ha disposto la nomina del curatore, comunica all'Agenzia del demanio, entro 10 giorni dalla sua adozione, il provvedimento di nomina del curatore, unitamente ai dati identificativi e al codice fiscale del curatore e del defunto. 

Con le medesime modalità la cancelleria del tribunale comunica, sempre entro 10 giorni dalla loro adozione, gli eventuali provvedimenti di revoca e sostituzione del curatore, nonchè la cessazione della curatela per accettazione dell'eredità. 

Il curatore dell'eredità giacente, attraverso un sistema di rilevazione dei dati presso l'Agenzia del demanio, in modalità telematica, trasmette entro 6 mesi dalla nomina, un elenco provvisorio dei beni ereditari contenente i seguenti dati:

  • i dati identificativi del curatore e il relativo codice fiscale;
  • i dati identificativi del defunto e il relativo codice fiscale;
  • il tribunale del circondario in cui si è aperta la successione;
  • i dati identificativi dei chiamati all'eredità e i relativi codici fiscali; 
  • i dati identificativi dei beni immobili, delle cose mobili, dei titoli di credito, dei titoli di Stato, delle obbligazioni, delle partecipazioni societarie, delle quote di fondi comuni di investimento o di altri valori mobiliari, dei diritti e beni immateriali e di ogni altra attivita' ricompresa nella eredita' giacente;
  • gli estremi delle trascrizioni o iscrizioni risultanti dai pubblici registri;
  • i crediti, l'ammontare delle somme di danaro ed ogni altra attività.

Nel caso di devoluzione dell'eredità allo Stato ai sensi dell'articolo 586 del codice civile, entro 30 giorni dalla chiusura della procedura di eredità giacente, il curatore trasmette all'Agenzia del demanio, l'elenco dei beni ereditari.

Per la ricognizione e gestione dei beni devoluti allo Stato è istituito un apposito sistema di rilevazione dei dati presso l'Agenzia del demanio che assume il ruolo di titolare del trattamento.

Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente regolamento, la struttura e le caratteristiche funzionali del sistema sono definite dall'Agenzia del demanio d'intesa con i Dipartimenti del tesoro, delle finanze e della Ragioneria generale dello Stato del Ministero dell'economia e delle finanze, l'Agenzia delle entrate e il Ministero della giustizia, previa acquisizione del parere del Garante per la protezione dei dati personali, in modo che il sistema di rilevazione sia operativo entro i successivi sei mesi.

Tag: EREDITÀ E SUCCESSIONE 2022 EREDITÀ E SUCCESSIONE 2022 LEGGI E DECRETI LEGGI E DECRETI

Allegato

Decreto del MEF del 22.06.2022 n. 128
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 21/09/2022 Il Decreto Aiuti bis diventa legge: il testo coordinato pubblicato in GU

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n. 142/2022 di conversione del decreto Aiuti bis n. 115/2022; ecco il testo coordinato con le modifiche introdotte

Il Decreto Aiuti bis diventa legge: il testo coordinato pubblicato in GU

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge n. 142/2022 di conversione del decreto Aiuti bis n. 115/2022; ecco il testo coordinato con le modifiche introdotte

Contributi IVASS intermediari 2022: ecco il decreto

Testo del decreto Mef che fissa i Contributi di vigilanza 2022 dovuti dagli intermediari di assicurazione e per l'esame di accesso al Registro

Contributo IVASS 2022 imprese assicuratrici

Pubblicato il decreto MEF sui contributi di vigilanza dovuti dalle imprese assicuratrici a IVASS per il 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.