HOME

/

FISCO

/

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022

/

FATTURE DA / VERSO SOGGETTI ESTERI DALL'1.7.2022

Fatture da / verso soggetti esteri dall'1.7.2022

Obbligo di fatturazione elettronica dal 1 luglio 2022 per le operazioni con l'estero con poche eccezioni, abolito esterometro trimestrale

Coloro che ancora non hanno optato per la fatturazione elettronica nelle operazioni con l'estero dovranno farlo obbligatoriamente a partire dall'1.7.2022, salvo che non risultino documentate da bolletta doganale, oppure sia stata emessa fattura a soggetti domiciliati o residenti fuori dalla UE tramite il sistema OTELLO, che comporta il rilascio del visto doganale dell’Agenzia Dogane sulla fattura tax free, volta allo sgravio diretto, o al rimborso dell’IVA gravante sui beni acquistati sul territorio nazionale.

Vediamo di riepilogare gli adempimenti.

1) Fatture attive verso soggetti esteri

Innanzitutto ricordiamo che non v’è alcun obbligo di emissione né  di ricezione della fattura elettronica per operazioni con soggetti esteri. La nostra controparte Ue continuerà a pretendere la fattura cartacea o il relativo file in formato PDF. E così sarà anche dal 1° luglio 2022. 

L’unica differenza è che da tale data l’invio allo Sdi del formato Xml della fattura sarà obbligatorio perché scompare la comunicazione trimestrale riepilogativa (l'esterometro). 

Fa eccezione l’interscambio con San Marino, trattandosi di vere e proprie fatture elettroniche riconosciute come tali da entrambi i Paesi.

Nel caso di operazione di vendita nei confronti di un soggetto UE/ExtraUE dal 1° luglio 2022 vige l’obbligo di fatturazione elettronica (da emettere con i dati identificativi disponibili del soggetto estero e quale codice destinatario: XXXXXXX), entro gli ordinari termini di fatturazione, cioè:

- entro i 12 giorni successivi all’effettuazione dell’operazione, con “codice tipo documento” TD01 se si tratta di fattura immediata);

- entro il giorno 15 del mese successivo ove si tratti di fattura differita, con “codice tipo  documento” TD24, in quanto in precedenza e' stato emesso un DDT. 

Se hai dubbi sull'adempimento consulta il nostro ebook e il servizio di consulenza dedicato

Fatturazione elettronica 2022 operazioni con l'estero

Fatturazione elettronica estero 2022 Consulenza diretta

2) Le fatture passive da soggetti esteri

Anche per le fatture passive da luglio (se non si e' gia' partiti opzionalmente prima) occorrera' emettere fattura elettronica.

Nel caso di operazione di acquisto da un fornitore   UE/ExtraUE (non stabilito o identificato nel territorio italiano), si tratterà di un'operazione che comporterà l’emissione - entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricevimento del documento cartaceo straniero - di un’autofattura elettronica avente “codice tipo documento”: 

- TD17 integrazione/autofattura per l’acquisto di servizio UE/estero (inclusi San Marino e Città del Vaticano - art.17 c. 2 DPR 633/72); 

- TD18 integrazione per l’acquisto di beni intracomunitari (art.46 c. 1 DL 331/93); 

- TD19 integrazione/autofattura per l’acquisto di beni già presenti in Italia (in deposito IVA, o provenienti dalla Repubblica di San Marino o Città del Vaticano - art.17 c. 2 DPR 633/72)

Per approfondire abbiamo preparato un ebook e un servizio consulenza dedicato

Fatturazione elettronica 2022 operazioni con l'estero

Fatturazione elettronica estero 2022 Consulenza diretta


3) I tempi per l’emissione

In ogni caso i documenti vanno emessi nel rispetto dei tempi previsti. Nel caso di un servizio generico ex art. 7-ter rilevante in Italia da fornitore extra Ue, il committente nazionale deve emettere autofattura entro il 15 del mese successivo a quello d’effettuazione dell’operazione..

L’annotazione dell’autofattura nel registro delle vendite deve avvenire entro il 15 del mese successivo a quello d’effettuazione e con riferimento al mese d’effettuazione  (la registrazione va eseguita anche in Iva acquisti per poter esercitare la detrazione). da luglio, infatti, per le operazioni attive l’invio del file Xml deve avvenire entro gli ordinari termini di emissione della fattura, mentre per le operazioni passive l’invio va eseguito entro il 15 del mese successivo a quello di ricezione del documento (fornitore Ue) o a quello d’effettuazione dell’operazione (fornitore extraUe). 

Ma se il fornitore extraUe presta, ad es., un servizio relativo a un immobile ubicato in Italia ex art. 7-quater, il committente deve emettere autofattura entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 · 08/08/2022 Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Assonime: l’importanza del numero di identificazione IVA per le cessioni intra UE

L’iscrizione al VIES diviene requisito sostanziale per poter qualificare una cessione intracomunitaria come operazione non imponibile ai fini IVA

Esportazioni: il trattamento IVA dei servizi di trasporto

Esportazioni: quali servizi di trasporto connessi sono imponibili e quali no. I chiarimenti delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.