IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 25/02/2021

Importazioni da paesi extra UE: le scritture contabili

di Dott. Napolitano Nicola

Tempo di lettura: 4 minuti
IVA

Gli acquisti da fornitori residenti in paesi non appartenenti all’Unione Europea, hanno un trattamento contabile particolare, vediamolo

Commenta Stampa

Il D.P.R. 633/72 all’art. 1 fa rientrare tra le operazioni imponibili anche le “importazioni da chiunque effettuate”, ove per importazioni si intende l’acquisto di beni da paesi o territori extra UE e introdotti in Italia.

Pertanto gli acquisti da fornitori residenti in paesi non appartenenti all’Unione Europea, hanno un trattamento contabile particolare, sia in funzione dei documenti caratterizzanti l’importazione stessa, sia per le disposizioni IVA.

I documenti dell’operazione di importazione sono i seguenti:

  1. La fattura del fornitore estero
  2. La bolla doganale emessa dall’Ufficio doganale
  3. La fattura dello spedizioniere trasportatore.

In questo articolo si analizzeranno le scritture contabili relative all’operazione di importazione, che possiamo così suddividere:

  1. Registrazione della bolla doganale
  2. Registrazione della fattura del fornitore estero
  3. Registrazione della fattura dello spedizioniere
  4. Giroconti dei conti transitori
  5. Registrazione del pagamento del fornitore estero.

Potrebbe interessare il pacchetto: PACCHETTO CONTABILITA’ GENERALE

Caso aziendale:

L’azienda Alpha S.r.l. riceve una fattura per l’acquisto di materie prime da un fornitore statunitense per $ 20.000. Il cambio al momento dell’acquisto è di 1,03 e al momento del pagamento 1,07. Il costo del trasporto effettuato dallo spedizioniere è di euro 1.000,00. Dazi e diritti doganali euro 750,00. IVA 22%.

 Analizziamo le singole fasi delle rilevazioni in contabilità.

L'articolo continua dopo la pubblicità

1) Registrazione della bolla doganale

Al momento dello sdoganamento l’IVA viene pagata dall’importatore in dogana, anticipata dallo spedizioniere. L’operazione viene rilevata con un documento che si chiama “bolla doganale”

La bolla doganale va registrata nel registro IVA acquisti e nel libro giornale, aprendo un conto acceso ad un fornitore fittizio che chiameremo FORNITORE DOGANA, mentre l’imponibile viene imputato ad uno specifico conto da aprire nel piano dei conti che potrebbe essere ACQUISTI EXTRA UE.

Innanzitutto si procede a trasformare l’importo da dollari a euro applicando il cambio al momento dell’acquisto: 

$ 20.000 / 1,03 = euro 19.417,48

Nel libro giornale si rileva:

Conti

Descrizione

Dare

Avere

ACQUISTI EXTRA UE

Bolletta doganale n..

 €       19.417,48 

 

IVA C/ACQUISTI

Bolletta doganale n..

 €         4.271,85 

 

FORNITORE DOGANA

Bolletta doganale n..

 

 €     23.689,33 

2) Registrazione della fattura del fornitore estero.

Il fornitore estero invia all’importatore una fattura con l’importo della materia prima acquistata in valuta estera e ovviamente senza IVA. Sarebbe opportuno aprire nel piano dei conti un conto specifico per il fornitore estero per distinguerli da quelli nazionali, ad esempio DEBITI V/FORNITORI ESTERO: 

La fattura del fornitore statunitense, non avendo l’IVA, va registrata solo nel libro giornale:

Conti

Descrizione

Dare

Avere

MATERIE C/ACQUISTI

Fatt. estero n..

 €       19.417,48 

 

DEBITI V/FORNIT.ESTERO

Fatt. estero n..

 

 €      19.417,48 

3) Registrazione della fattura dello spedizioniere.

In genere l’IVA e le spese di dogana vengono anticipate dallo spedizioniere che le addebita nella sua fattura del trasporto. Pertanto la fattura dello spedizioniere conterrà il compenso del trasporto + l’IVA sul trasporto, l’IVA anticipata per conto del cliente importatore sull’acquisto, dazi e diritti doganali.

La fattura dello spedizioniere va registrata nel registro IVA acquisti e nel libro giornale.

Fattura dello spedizioniere

Compenso per il trasporto

 € 1.000,00 

IVA 22% sul trasporto

 €       220,00 

Dazi e diritti doganali anticipati

 €       750,00 

Rimborso anticipo IVA

 € 4.271,85 

Totale fattura

 € 6.241,85 

Conti

Descrizione

Dare

Avere

SPESE DI TRASPORTO

Fattura spedizioniere n..

 €         1.000,00 

 

IVA C/ACQUISTI

IVA su trasporto

 €            220,00 

 

DAZI E DIRITTI DOGANALI

Anticipo spese doganali

 €            750,00 

 

RIMBORSO ANTICIPI

Anticipo IVA su fatt. fornitore

 €         4.271,85 

 

DEBITI V/FORNIT.ESTERO

Fattura spedizioniere n..

 

 €        6.241,85 


4) Giroconti dei conti transitori

A questo punto occorre chiudere, mediante uno storno, il conto del fornitore fittizio FORNITORE DOGANA in contropartita dei conti ACQUISTI EXTRA UE e RIMBORSO ANTICIPI. 

Nel libro giornale si registra:

Conti

Descrizione

Dare

Avere

FORNITORE DOGANA

Giroconto

 €       23.689,33 

 

ACQUISTI EXTRA UE

Giroconto

 

 €      19.417,48 

RIMBORSO ANTICIPI

Giroconto

 

 €        4.271,85 

5) Registrazione del pagamento del fornitore estero.

Il pagamento al fornitore statunitense si rileva solo nel libro giornale. Al momento del pagamento il cambio ipotizzato è di 1,07 rilevando pertanto un utile su cambi rispetto al momento dell’acquisto.

$20.000 / 1,07 = euro 18.691,59 (importo da pagare).

Nel libro giornale si rileva:

Conti

Descrizione

Dare

Avere

DEBITI V/FORNIT.ESTERO

Pagata fatt. estera n…

 €       19.417,48 

 

BANCA C/C

Pagata fatt. estera n…

 

 €      18.691,59 

UTILI SU CAMBI

Pagata fatt. estera n…

 

 €          725,89 

Nell’ipotesi di un cambio inferiore a quello rilevato al momento dell’acquisto, sorgerebbe una perdita su cambi. Quindi simulando un cambio al giorno del pagamento di 1,01 si rileverebbe:

$ 20.000 / 1,01 = euro 19.801,98

Conti

Descrizione

Dare

Avere

DEBITI V/FORNIT.ESTERO

Pagata fatt. estera n…

 €          19.417,48 

 

PERDITE SU CAMBI

Pagata fatt. estera n…

 €               384,50 

 

BANCA C/C

Pagata fatt. estera n…

 

 €         19.801,98 

Il collocamento in bilancio dei conti UTILI SU CAMBI e PERDITE SU CAMBI è il seguente:

Conti

Classificazione in bilancio

UTILI SU CAMBI

CE     C) 17 bis) Utili e perdite su cambi

PERDITE SU CAMBI 

CE     C) 17 bis) Utili e perdite su cambi


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Vittorinobonfa Vittorinobonfa - 06/04/2021
Ciao, ho acquistato il libro la bolla doganale, molto ben spiegato, grazie. Una domanda: gli oneri doganali (dazi) pagati all'import di prodotti, sono deducibili fiscalmente come costi? grazie
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE