Speciale Pubblicato il 02/03/2020

I paesi a fiscalità privilegiata

di Dott. Giacomo Rasile

Tempo di lettura: 4 minuti
indennità soldi

Fiscalità internazionale: in quali paesi conviene investire?

Il recepimento nel nostro ordinamento della Direttiva Europea cd. ATAD1, ha profondamento modificato l’approccio nazionale al tema dei Paesi a fiscalità privilegiata riscrivendo, da una parte, la disciplina delle Controlled Foreign Companies2 e, dall’altra, introducendo una disciplina specifica per l’individuazione dei suddetti Paesi3.

Per analizzare al meglio il trattamento fiscale degli investimenti esteri, occorre quindi iniziare dall’individuazione dei Paesi a fiscalità privilegiata che, come detto, si trova all’art. 47/bis del TUIR.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbero interessare:

  • il nostro pacchetto eBook Iva estero (Pacchetto eBook 2020) contenente 2 ebook in pdf sulle operazioni intra ed extra UE, sulle modalità di operare nelle diverse operazioni e casi pratici.
  • e Obblighi connessi agli scambi intra UE beni e servizi, utile guida operativa alla gestione degli adempimenti connessi agli scambi intracomunitari di beni e servizi, rivolta a chi intende approfondire la materia o semplicemente avvicinarsi allo studio delle operazioni intracomunitarie.


Individuazione dei paesi a fiscalità privilegiata

Secondo tale disposizione occorre verificare se la partecipazione risulti o meno di controllo.

Per la nozione di controllo occorre fare riferimento all’art.167 del TUIR che ne prevede la qualifica al conseguimento di almeno una delle due seguenti condizioni:

  • “sono controllati direttamente o indirettamente, anche tramite società fiduciaria o interposta persona, ai sensi dell’articolo 2359 del Codice civile, da parte di un soggetto di cui al comma 14
  • “oltre il 50 per cento della partecipazione ai loro utili è detenuto, direttamente o indirettamente, mediante una o più società controllate ai sensi dell'articolo 2359 del Codice civile o tramite società fiduciaria o interposta persona, da un soggetto di cui al comma 1”

Nel caso di partecipazione di controllo, si considerano Paesi a fiscalità privilegiata quelli che rientrano nelle condizioni di cui all’art. 167 c. 4 del TUIR ovvero “sono assoggettati a tassazione effettiva inferiore alla metà di quella a cui sarebbero stati soggetti qualora residenti in Italia5 e oltre un terzo dei proventi sono realizzati attraverso i cd. Passive Income, nei quali, oltre ai classici Interessi; Dividendi e Royalties, sono ricomprese anche le cessioni di beni e le prestazioni di servizio a basso valore aggiunto effettuate nei confronti di soggetti controllati, controllanti o controllati dalla stessa controllante.

Nel caso in cui la partecipazione non sia di controllo, occorre invece fare riferimento alla lettera b) del comma 1 art. 47/bis del TUIR che individua a fiscalità privilegiata quei Paesi che abbiano un livello di tassazione nominale inferiore al 50% di quella italiana, tenendo conto di eventuali regimi speciali esteri6.

Tali disposizioni possono essere disapplicate nel caso in cui il contribuente dimostri che il soggetto non residente svolga una reale attività economica tramite l’impiego di personale, attrezzature, locali, o che “dalle partecipazioni non consegua l’effetto di localizzare i redditi in Stati o territori a regime fiscale privilegiato7

Il regime delle controlled foreign companies

Il regime delle CFCsi applica in caso di partecipazione di controllo sia diretto che indiretto al capitale secondo i parametri previsti dall’art. 2359 del Codice Civile oppure nel caso di partecipazione agli utili superiore al 50%; devono inoltre essere soddisfatti i requisiti visti in precedenza, ovvero:

  • Tassazione effettiva estera inferiore del 50% di quella italiana
  • Più di 1/3 dei ricavi sono Passive Income

Il regime delle CFC si sostanzia nella tassazione per trasparenza dei redditi esteri pro quota detenuti dal soggetto residente con l’aliquota media cui quest’ultimo è sottoposto9. Il reddito della società estera viene calcolato in base alle disposizioni contenute nel TUIR per le società di capitali, operando, quindi, le opportune variazioni in aumento ove applicabili10.

La disciplina concernente le Controlled Foreign Companies può essere disapplicata se viene dimostrato che il soggetto non residente svolge “un’attività economica effettiva” attraverso l’impiego di personale; attrezzature; locali e altri asset. Resta salva la possibilità per il contribuente di usufruire del credito d’imposta per le imposte pagate all’estero.

Tassazione dei dividendi provenienti da paesi a fiscalità privilegiata

Nel caso di partecipazione non di controllo oppure di soggetti controllati che però non soddisfino i requisiti per applicare il regime delle CFC occorre considerare il regime dei Dividendi provenienti da territori a fiscalità privilegiati.

Tali dividendi sono imponibili al 100% del loro ammontare.

È possibile disapplicare tale previsione utilizzando, alternativamente, le esimenti a) e b) di cui al comma 2 dell’art. 47/bis del TUIR.

In caso di dimostrazione di svolgimento di un’attività economica effettiva l’imponibilità è ridotta al 50% dell’ammontare del Dividendo; nel caso venga invece dimostrato che non è stato conseguito l’effetto di localizzare i redditi nei territori a fiscalità privilegiata sarà possibile usufruire della normale imponibilità relativa ai dividendi nazionali ed esteri.

___________________________________________

1.Direttiva UE 2016/1164
2.Art 167 del Testo Unico Imposte sui Redditi
3.Art. 47/bis del Testo Unico Imposte sui Redditi
4.Si tratta dei soggetti di cui all’Art. 73 c.1 lettera d del Testo Unico Imposte sui Redditi
5.Per l’individuazione del tax rate virtuale domestico occorre fare riferimento alla sola IRES escludendo quindi l’IRAP
6.Nel caso in cui il regime speciali riguardi solo parte dell’attività della società estera se ne tiene conto solo se influisce per oltre il 50% dei ricavi totali.
7.Art 47/bis c. 2 lettera b) Testo Unico Imposte sui Redditi
8. Art. 167 Testo Unico Imposte sui Redditi
9.Giova ricordare che l’aliquota applicabile non può essere inferiore al 24% a norma dell’art. 167 c. 8 del TUIR
10. Non sono applicabili invece alcune discipline specifiche quali ad esempio quella relativa alle società di comodo e quella relativa alle società in perdita sistematica




Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)