HOME

/

FISCO

/

NUOVA IMU 2022

/

PERTINENZE: LE PREROGATIVE AI FINI FISCALI

Pertinenze: le prerogative ai fini fiscali

Cosa rileva per definire la natura pertinenziale di un immobile e l'autonoma tassabilità? La Cassazione risponde nell'ordinanza n. 20955/2019

In ambito Ici, l'esclusione dell'autonoma tassabilità delle aree pertinenziali, disciplinata dall’art. 2 del D.Lgs. 504/1992, si fonda sul rigoroso accertamento dei presupposti contenuti nell'art. 817 del c.c., desumibili da concreti segnali esteriori comprovanti la volontà del proprietario e consistenti nel fatto che il bene venga effettivamente posto a servizio dell’immobile dall’intestatario del fabbricato principale, oltre alla circostanza che una differente destinazione non sarebbe possibile senza una radicale trasformazione dell’area.

Ciò in quanto, se così non fosse, risulterebbe agevole per il proprietario, al solo fine di beneficiare dell'esenzione, creare una destinazione pertinenziale che possa facilmente essere cessata senza determinare una radicale trasformazione dell'immobile stesso.
A tale conclusione è giunta la Corte di Cassazione mediante l’ordinanza n. 20955/2019 (allegata in calce all'articolo).

Ti consigliamo:

Visita il  Focus dedicato alle Ristrutturazioni Edilizie, Superbonus 110%, Cessione del Credito in continuo aggiornamento

1) I criteri per definire la pertinenza di un immobile

I Giudici di legittimità in passato, attraverso la sentenza n. 570/2017, avevano già specificato che, al fine di qualificare come pertinenza di un fabbricato un’area edificabile, è necessario che intervenga un’oggettiva e funzionale modificazione dello stato dei luoghi che sterilizzi in concreto e stabilmente lo “ius aedificandi” e che non si risolva in un mero collegamento materiale, rimovibile “ad libitum”.

Il menzionato vincolo, inoltre, deve essere giustificato da reali esigenze in quanto la mera simulazione dello stesso, posta in essere al solo scopo di ottenere un risparmio fiscale, rientra tra le violazioni dei precetti normativi perpetrate attraverso atti e comportamenti volti a dissimulare l’effettiva realtà mediante la creazione di un ambiente in apparenza divergente da quello effettivo.
L'art. 817 c.c. considera pertinenze : "le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un'altra cosa".

Ai fini della sussistenza del vincolo pertinenziale, pertanto, è necessaria la sussistenza di una relazione di strumentalità e complementarietà funzionale tra il bene principale e quello accessorio, oltre alla volontà effettiva del proprietario del bene principale, o titolare di un diritto reale sul medesimo, di destinare durevolmente il bene accessorio a servizio od ornamento di quello principale. Pertanto il rapporto tra pertinenza e cosa principale è una relazione di complementarietà funzionale economico/giuridica in cui la prima non perde la propria individualità.

La Corte Suprema con la sent. n. 10090/2012 ha escluso l'autonoma tassabilità ai fini ICI delle aree edificabili pertinenziali nel caso in cui si verifichi la destinazione effettiva e concreta di una “cosa” al servizio o ornamento di un'altra, secondo la definizione contenuta nell'art. 817 c.c., confermando così che alle pertinenze si applica il medesimo regime fiscale dell'immobile principale.

In merito alla tesi sostenuta invece dall'Agenzia delle entrate , nel caso di specie,  in ordine alla necessaria graffatura del mappale, la stessa risulta essere superata in quanto la qualifica di pertinenza di un fabbricato è data unicamente dalla situazione di fatto. L’art. 2 del D.Lgs. n. 504/1992, infatti, fonda la qualifica di pertinenza sul criterio fattuale, ossia sulla destinazione effettiva e concreta della cosa al servizio od ornamento di un'altra, ai sensi dell'art. 817 c.c., senza che rilevi l'avvenuto frazionamento catastale dell'area. (Cass. sent. n. 5755/2005).
Pertanto, ciò che rileva per definire la natura pertinenziale di un immobile è la destinazione durevole del bene pertinenziale a servizio dell’immobile principale, oltre alla volontà dell'avente diritto di creare un vincolo di destinazione.

Allegato

Cassazione 20955-2019 pertinenze
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2022 · 30/06/2022 Credito d'imposta IMU: arriva l'autorizzazione europea per il settore Turismo

Turismo: in arrivo il credito di imposta per la seconda rata IMU 2021 a certe condizioni. Vediamo i requisiti per averlo. Dubbi sui gestori degli immobili

Credito d'imposta IMU: arriva l'autorizzazione europea per il settore Turismo

Turismo: in arrivo il credito di imposta per la seconda rata IMU 2021 a certe condizioni. Vediamo i requisiti per averlo. Dubbi sui gestori degli immobili

Dichiarazione IMU 2022: prorogata al 31 dicembre

Il nuovo Dl semplificazioni fisco porta novità sulla dichiarazione IMU 2022: approvato ieri 15 dicembre con proroga della dichiarazione IMU

Acconto IMU 2022: le sanzioni per i pagamenti errati o in ritardo

Cosa fare da oggi per i pagamenti errati o effettuati in ritardo dell'acconto IMU 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.