HOME

/

FISCO

/

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022

/

MODELLO INTRA-2 ACQUISTI: ULTIMO INVIO IL 25 GENNAIO 2017

Modello Intra-2 acquisti: ultimo invio il 25 gennaio 2017

Società e professionisti sono tenuti a presentare il modello Intra-2 riferito all’ultimo mese/trimestre del 2016, in scadenza il 25 gennaio 2017

Si ricorda che, con nota n. 244/RU del 10 gennaio 2017, l'Agenzia delle Dogane ha confermato che le società e i professionisti sono ancora tenuti a presentare il modello Intra-2 riferito all’ultimo mese/trimestre del 2016, in scadenza il 25 gennaio 2017. Tale data corrisponde, di fatto, all’ultima segnalazione Intrastat per gli acquisti di beni e servizi da operatori comunitari.

Dal 1° gennaio 2017 gli elenchi Intrastat dovranno essere presentati solo per le operazioni di cessione di beni e per le prestazioni di servizi rese in ambito UE. In attesa di opportuni chiarimenti circa il futuro delle segnalazioni statistiche che, fino al periodo d’imposta 2016, andavano trasmesse alle Dogane utilizzando il modello Intra-2 bis e Intra-1 bis, occorre tener presente che tali operazioni intracomunitarie restano oggetto di controlli sugli adempimenti ai fini IVA.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire abbiamo preparato un eBook, ricco di esempi relativi a casi pratici sugli "Obblighi connessi agli scambi intra UE beni e servizi"

Per restare aggiornato segui il Dossier gratuito dedicato alle operazioni "Intracomunitarie - Intra Ue"

1) Via il modello Intra ma restano le sanzioni per alcune omissioni

Resta, infatti, la sanzione amministrativa compresa fra 500 euro e 20.000 euro nel caso in cui il cessionario o il committente dell’operazione ometta di porre in essere gli adempimenti connessi all'inversione contabile di cui agli articoli 17, DPR 633/1972 e agli articoli 46, comma 1, e 47, comma 1, del DL 331/1993.

Il cessionario italiano che effettua un acquisto intracomunitario di beni (o di servizi), deve integrare la fattura ricevuta dal fornitore (prestatore) UE a norma degli artt. 46 e 47 del DL 331/1993. La fattura così integrata deve essere annotata distintamente, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura e, con riferimento al mese precedente, nel registro delle vendite; inoltre, ai fini dell'esercizio del diritto alla detrazione dell'imposta (di cui all’art. 19 DPR 633/1972), la stessa dovrà essere annotata distintamente anche nel registro degli acquisti.

Non di meno, vanno ricordati gli obblighi connessi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese in ambito UE.

Si pensi ad esempio, alle cessioni intracomunitarie di beni, le quali possono beneficiare della non imponibilità IVA al verificarsi delle seguenti condizioni:

  •  trasferimento della proprietà a titolo oneroso;
  •  status di soggetto passivo IVA del cessionario comunitario;
  •  movimentazione dei beni dall'Italia verso altro Paese membro.

La verifica delle suddette condizioni merita un'attenzione particolare: in caso di controllo da parte dell'Agenzia delle entrate, l’assenza anche solo di uno dei requisiti sopra esposti, può determinare la ripresa dell'IVA sull'operazione, oltre all'applicazione della sanzione dal 90% al 180% dell'imposta non applicata in fattura (ai sensi dell’articolo 5, comma 4, DLgs 471/1997).

Nelle cessioni intracomunitarie occorre quindi abbinare alla fattura i documenti di avvenuta consegna al cliente per giustificare la non imponibilità IVA. La mancanza della prova determina la richiesta dell’IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate con l’applicazione delle relative sanzioni.

Nelle vendite con resa franco fabbrica o Ex-Works, dove il trasporto avviene a cura del cliente, il cedente nazionale incontra diverse difficoltà nel richiedere e ottenere dal cliente (o dal vettore), copia del CMR controfirmato dal destinatario dei beni; a tal proposito, l'Agenzia delle entrate ha chiarito che nel caso in cui il cedente nazionale non abbia curato direttamente la spedizione e non sia in grado di esibire una copia del documento di trasporto debitamente compilato, egli potrà utilizzare qualsiasi altro mezzo idoneo a dimostrare l'arrivo dei beni a destinazione nel Paese membro del cliente (Risoluzione n. 477/E del 15 novembre 2008).

Tra i mezzi di prova alternativi, si riepilogano altri strumenti emersi dalla giurisprudenza e prassi degli ultimi anni:

  •  documento di trasporto elettronico fornito telematicamente da alcuni corrieri o utilizzo delle informazioni tratte dal sistema informatico del vettore (Risoluzione n. 19/E del 25 marzo 2013).
  • invio al cessionario comunitario (a mezzo fax/pec) di un riepilogo delle varie operazioni di cessione avvenute nel periodo, del quale richiedere copia controfirmata al cliente stesso per confermare di aver ricevuto la merce (sentenza n. 31 del 14 aprile 2010 della Commissione Tributaria di Venezia).
  •  dichiarazione rilasciata dal cliente Ue, corredata da idonea documentazione, in sostituzione del documento di trasporto (Risoluzione n. 71/E del 24 luglio 2014, riguardante la cessione di un'imbarcazione da un porto IT verso un porto UE, con trasporto curato dal cessionario).
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

dawnraptor - 27/01/2017

Purtroppo temo che non sia possibile entrare nella testa degli impiegati delle dogane. Sicuramente è prevista la cessazione dell'obbligo intrastat per gli acquisti del 2017. In forse è la permanenza della parte statistica, per via degli obblighi comunitari.

Sabrina - 22/01/2017

Sto facendo per la prima volta il modello Intra-2 Quarter per l'acquisto di pubblicità da Google Irlanda (trimestre ottobre - Novembre - Dicembre). Dal vostro articolo mi sembra di capire che non dovrò più farlo a partire dalle fatture intracomunitarie del 2017, è corretto? E se sì, come mai all'agenzia delle dogane dove mi sono presentata di persona per avere i codici di accesso non mi hanno detto nulla? Ringrazio anticipatamente

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 · 08/08/2022 Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Assonime: l’importanza del numero di identificazione IVA per le cessioni intra UE

L’iscrizione al VIES diviene requisito sostanziale per poter qualificare una cessione intracomunitaria come operazione non imponibile ai fini IVA

Esportazioni: il trattamento IVA dei servizi di trasporto

Esportazioni: quali servizi di trasporto connessi sono imponibili e quali no. I chiarimenti delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.