HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI COVID-19

/

ASSOCIAZIONI SPORTIVE E SUPERAMENTO PLAFOND PROVENTI COMMERCIALI

Associazioni sportive e superamento plafond proventi commerciali

Associazioni Sportive dilettantistiche in regime forfetario ex L. 398/1991 – superamento del plafond di proventi commerciali nel 2015. Come comportarsi?

L'articolo prende in esame il caso di una Associazione sportiva dilettantistica - ASD -  che, per l'anno di imposta 2015, intende applicare il particolare regime di determinazione forfetaria delle imposte di cui alla L. 398/1991, rispettando, tra gli altri, il requisito oggettivo del limite (plafond) di proventi commerciali pari a euro 250 mila.

Per determinare i proventi commerciali delle associazioni sportive dilettantistiche occorre applicare il criterio di cassa o di competenza?

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui gli aggiornamenti nel Dossier Gratuito dedicato a Terzo Settore e Non Profit

Per una panoramica completa delle novita del Terzo settore acquista il Pacchetto Codice Terzo Settore e Impresa Sociale  o i singoli ebook Novità del Terzo Settore  aggiornato il 14 agosto 2017 e  La Nuova Impresa Sociale

Trovi a questo link Software - ebook - utilità  per aiutarti a gestire la tua associazione no profit

1) Come stabilire il limite dei proventi commerciali per una l'ASD: criterio di cassa o competenza?

Prendiamo in esame un caso pratico.

L'associazione sportiva dilettantistica, nel corso del 2015, ha emesso fatture, a fronte dell'offerta di servizi di natura commerciale (sponsorizzazioni o pubblicità), per un ammontare complessivo superiore a euro 250 mila.

Di tali fatture ne è stata incassata, al 31.12.2015, solo una parte e di ammontare complessivo non superiore a euro 250 mila.

E' la situazione ricorrente di una A.S.D. che, negli ultimi giorni del 2015, ha emesso fatture per i corrispettivi pattuiti con un contratto di sponsorizzazione o pubblicità, posticipandone l'incasso nel 2016.

Occorre quindi determinare se, ai fini del calcolo del plafond, rilevano tutti i proventi fatturati (criterio di competenza) o solo quelli incassati (criterio di cassa).

Tale problematica non è di facile soluzione e si presta a contestazioni con il rischio di pesanti conseguenze sotto il profilo sanzionatorio.

Ciò in quanto, nonostante l'art. 1, co. 1, L. 398/1991 disponga espressamente che il requisito oggettivo per accedere al regime forfetario sia l'aver conseguito (quindi incassato) proventi commerciali per un importo non superiore a euro 250 mila, esiste una dicotomia tra il momento impositivo ai fini delle imposte dirette e quello ai fini delle imposte indirette.

Ai fini delle imposte dirette (IRES e IRAP) il momento rilevante è quello in cui il corrispettivo viene incassato (criterio di cassa), come espressamente disposto dall’art. 2, co. 5, L. 398/1991, in base al quale il reddito imponibile è determinato con riferimento all'ammontare dei proventi conseguiti nell'esercizio di attività commerciali (cfr. Circolare del Ministero della Finanze n. 1 del 11/2/1992)

Ai fini delle imposte indirette (IVA) il momento rilevante è invece quello di cui all'art. 6, co. 4, DPR 633/1972, ovvero quello in cui il servizio (nel nostro caso di sponsorizzazione o pubblicità) viene fatturato (criterio di competenza), qualora la fatturazione sia antecedente al momento dell'incasso (cfr. D.M. 18/5/95).

In conclusione, se ci dovessimo attenere esclusivamente al disposto dell'art. 1, co. 1, L. 398/1991, i proventi fatturati e non incassati (quindi non conseguiti) non dovrebbero rilevare ai fini del calcolo del plafond.

Tuttavia la prassi ricorrente di anticipare la fatturazione rispetto al momento dell'incasso è oggetto di molte liti giudiziarie. In sede di verifica infatti sono stati spesso inclusi, ai fini del calcolo del plafond, anche i corrispettivi non incassati ma fatturati, orientadosi a favore del criterio di cassa (momento impositivo ai fini IVA) piuttosto che a quello di competenza (momento impositivo ai fini IRES e IRAP).

Si consiglia quindi di evitare l'emissione di fattura a fronte di corrispettivi non incassati, nonostante il servizio sia stato concluso, essendo tale comportamento molto pericoloso perchè contestabile, oltre che non corretto sotto il profilo della giusta applicazione della normativa ai fini IVA.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 19/10/2021 Quarantena 2021 indennizzo per tutti con nuovi fondi nel DL Fiscale

Saranno tutelati per tutto il 2021 gli eventi quarantena parificata al ricovero per i lavoratori fragili e come malattia per tutti gli altri

Quarantena 2021 indennizzo per tutti  con nuovi fondi nel DL Fiscale

Saranno tutelati per tutto il 2021 gli eventi quarantena parificata al ricovero per i lavoratori fragili e come malattia per tutti gli altri

Bonus COVID 2021: regole per le domande respinte

Tutte le regole sulle indennità COVID 19 2021 (stagionali braccianti pescatori turismo, spettacolo), cd. Bonus INPS .Le modalità per chiedere il riesame entro 20 gg.

Esoneri contributivi  alternativi: istruzioni  per la rinuncia

Gli esoneri contributivi 2020 decreti Agosto e Ristori non possono essere fruiti interamente per gli stessi periodi : le istruzioni per la rinuncia, nel messaggio INPS n. 3475

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.