Riforma Terzo Settore e Impresa Sociale Pacchetto eBook

Pacchetto 2 e-Book: La Riforma del Terzo Settore e L'impresa Sociale, due ebook in pdf per capire la riforma

Il prodotto è in formato zip - ISBN 9788868056100

In Promozione
28,65 € + 4% IVA
22,02 € + 4% IVA
(22,90 € IVA Compresa)
Data: 13/04/2018
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

2 e-Book in una conveniente offerta: ascquistabili anche singolarmente:

1. La riforma del Terzo Settore

Il testo è stato aggiornato con il decreto interministeriale (Ministero dello sviluppo economico e Ministero Lavoro) del 16 marzo 2018 con cui vengono definiti gli atti da depositare presso l’ufficio del registro delle imprese da parte dell’impresa sociale e delle relative procedure da seguire.
L’aggiornamento tiene conto anche delle Novità sulla riforma del terzo settore e imprese sociali prendendo come base lo schema del decreto approvato dal Consiglio dei ministri in data 21 marzo 2018 in via preliminare.
Le modifiche non ancora definitive sono state incasellate in tabelle evidenziate con il rosso.

Il testo analizza le novità introdotte nel Terzo Settore dei nuovi Decreti attuativi su:

  • Codice del terzo settore
  • Impresa sociale
  • Disciplina del “cinque per mille”
  • Come gestire il periodo transitorio
  • Novità sulla riforma del terzo settore: il Consiglio dei ministri del 21 marzo ha dato il via libera ad ulteriori norme integrative e correttive sia sul Codice del Terzo settore che sul decreto n. 112 che riguarda l’Impresa sociale
  • Iscrizione degli atti dell’impresa sociale nel registro delle imprese

2. La Nuova Impresa Sociale

Costituzione, gestione e modalità di funzionamento.
Servizi di consulenza e assistenza prestati dalle imprese sociali per i soggetti richiedenti le agevolazioni misura “Resto al Sud”

Con il decreto legislativo 3 luglio 2017 n. 112 (pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 19 luglio 2017 n. 167) è stata approvata la revisione della disciplina dell’impresa sociale. Il provvedimento è attuativo dell'articolo 2, comma 2, lettera c) della legge 6 giugno 2016, n. 106. L’articolo 1 del Dlgs in commento ricapitola le fonti di disciplina delle imprese sociali:

  • il Dlgs 112/2017;
  • il codice del Terzo settore (Dlgs n. 117/2017);
  • in mancanza e per gli aspetti non disciplinati, le norme del codice civile e le relative disposizioni di attuazione concernenti la forma giuridica in cui l’impresa sociale è costituita.

Da ultimo il testo è stato aggiornato con il decreto interministeriale (Ministero dello sviluppo economico e Ministero Lavoro) del 16 marzo 2018 che definisce gli atti da depositare presso l’ufficio del registro delle imprese da parte dell’impresa sociale e delle relative procedure da seguire.

L’impresa sociale, quindi, rientra pienamente nel perimetro degli enti del Terzo settore. Anch’essa, infatti, secondo quanto si legge nella relazione illustrativa, “presenta l’elemento caratterizzante tale categoria giuridica, individuato nell’aspetto teleologico, cioè il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, realizzate attraverso lo svolgimento di attività di interesse generale, ai sensi dell’articolo 118 (principio di sussidiarietà, ndr) della Costituzione, mediante la produzione e lo scambio di beni e servizi”.

Dal punto di vista organizzativo, il decreto legislativo 112/2017 ha apportato limitate, ma significative modifiche alla normativa precedente, soprattutto in materia di vigilanza e controllo.

E’ stata introdotta una definizione più articolata, rivisto l’elenco delle attività di interesse generale, mitigato il divieto di distribuzione (anche indiretta) di utili e di avanzi di gestione.

In seguito ad alcuni provvedimenti legislativi intervenuti il testo è stato aggiornato con le novità legate alla misura Resto al sud dedicata ai giovani che vogliono fare impresa (Decreto 9 novembre 2017, n. 174). Infatti i potenziali soggetti richiedenti le agevolazioni per l’apertura di attività imprenditoriali nelle regioni del mezzogiorno possono avvalersi di servizi di consulenza e assistenza da parte di pubbliche amministrazioni, università e associazioni o enti del terzo settore, nelle varie fasi di sviluppo del progetto imprenditoriale. E dunque anche delle imprese sociali.

Indice

Indice La Riforma del Terzo Settore (eBook 2018)

PARTE PRIMA – CODICE DEL TERZO SETTORE
1. Codice del Terzo settore
1.1 Aspetti generali
1.2 La gestione del periodo transitorio alla luce della nota del ministero de lavoro 29 dicembre 2017
1.2.1 Il contenuto della lettera direttoriale
1.2.2 I due decreti correttivi approvati il 21 marzo 2018
1.2.2.1 Modifiche agli statuti
1.3 Attività di interesse generale
1.3.1 Attività diverse e raccolte fondi
1.4 Destinazione del patrimonio ed assenza di scopo di lucro
1.5 Le scritture contabili e bilancio
1.5.1 Tenuta e conservazione delle scritture contabili degli Enti del terzo settore
1.5.2 Bilancio sociale
1.5.2.1 Forma del bilancio d’esercizio
1.5.3 Libri sociali obbligatori
1.6 Volontario e attività di volontariato
1.6.1 Assicurazione obbligatoria
1.6.2 Promozione della cultura del volontariato
1.6.3 Accreditamento dei Centri di servizio per il volontariato
1.6.4 Finanziamento dei Centri di servizio per il volontariato
1.6.5. Funzioni e compiti dei Centri di servizio per il volontariato
2. Le associazioni e le fondazioni del terzo settore
2.1 Atto costitutivo e statuto
2.1.1 Acquisto della personalità giuridica
2.1.2 Procedura di ammissione e carattere aperto delle associazioni
2.1.3 Assemblea
2.1.4 Organo di amministrazione
2.1.5 Denunzia al tribunale e ai componenti dell'organo di controllo
2.1.6 Organo di controllo
2.1.7 Organizzazioni di volontariato
2.1.8 Risorse
2.1.9 Ordinamento ed amministrazione
2.1.10 Gli aspetti fiscali per le organizzazioni di volontariato
2.2 Associazioni di promozione sociale
2.3 Enti filantropici
2.4 Enti religiosi
2.5 Reti associative
2.6 Registro unico nazionale del Terzo settore
2.6.1 Iscrizione
2.6.2 Estinzione o scioglimento dell'ente o cancellazione e migrazione in altra sezione
2.6.3 Funzionamento del Registro
2.7 Disposizioni in materia di imposte sui redditi
2.7.1 Regime forfetario degli enti del Terzo settore non commerciali
2.7.2 Social Bonus
2.7.3 Imposte di bollo, di registro, ipotecarie e catastali e tasse sulle concessioni governative
2.7.4 Primo pacchetto agevolazioni fiscali in vigore dal 1 gennaio 2018
PARTE SECONDA - L’IMPRESA SOCIALE E RIFORMA DEL CINQUE PER MILLE DELL’IRPEF
3. La nuova impresa sociale
3.1 Aspetti generali
3.2 Definizione dell’attività d'impresa sociale
3.3 Assenza di scopo di lucro
3.4. La costituzione dell’impresa sociale
3.4.1 La denominazione sociale
3.4.2 Cariche sociali
3.4.3 Ammissione ed esclusione di soci o associati di impresa sociale
3.4.4 Scritture contabili
3.4.5 Organi di controllo interno
3.4.6 Coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti interessati alle attività
3.5 Trasformazione, fusione, scissione, cessione d'azienda e devoluzione del patrimonio
3.6 Lavoro nell'impresa sociale
3.7 Procedure concorsuali
3.8 Fondo per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali
3.9 Misure fiscali e di sostegno economico
3.10 Iscrizione atti dell’impresa sociale nel registro delle imprese
4. Disciplina dell’istituto del cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche
4.1 Le novità in materia dell’istituto del cinque per mille

Indice La Nuova Impresa Sociale

Parte prima - La fase costitutiva dell’impresa sociale
Capitolo 1 - La nuova impresa sociale

1.1 Aspetti generali
1.1.1 Le tipologie di imprese che possono qualificarsi come “imprese sociali”
1.1.2 Come gestire il periodo transitorio
1.1.2.1 Il contenuto della lettera direttoriale
1.2 Definizione dell’attività d'impresa sociale
1.3 Assenza di scopo di lucro
1.4 Atti da iscrivere al registro delle imprese
1.4.1 Controlli dell’ufficio del registro delle imprese
Capitolo 2 – La costituzione dell’impresa sociale
2.1 La costituzione dell’impresa sociale
2.1.1 Iscrizione degli atti costitutivi e modificativi dell’impresa sociale nel registro delle imprese
2.1.2 La denominazione sociale
2.1.3 Cariche sociali
2.1.4 Ammissione ed esclusione di soci o associati di impresa sociale
Parte seconda - La forma giuridica dell’impresa sociale
Capitolo 3 - La forma giuridica dell’impresa sociale

3.1 Le due tipologie di imprese: forme non imprenditoriali e imprenditoriali
3.2 Le forme non imprenditoriali
3.2.1 Atto costitutivo e statuto delle associazioni e delle fondazioni
3.2.2 Acquisto della personalità giuridica
3.2.3 Iscrizione nel registro unico nazionale
3.2.4 Il patrimonio minimo
3.2.5 Procedura di ammissione e carattere aperto delle associazioni
3.2.6 Assemblea
3.2.7 Organo di amministrazione
3.2.8 Denunzia al tribunale e ai componenti dell'organo di controllo
3.2.9 Organo di controllo
Capitolo 4 – La costituzione di impresa sociale sotto forma imprenditoriale
4.1 Le forme imprenditoriali
4.2 Le tipologie collettive
4.3 Le società di persone
4.3.1 La società in nome collettivo
4.3.1.1 Iscrizione della società in nome collettivo nel registro delle imprese
4.3.1.2 Vantaggi nella scelta della società in nome collettivo
4.3.1.3 Svantaggi
Capitolo 5 - Impresa sociale: vantaggi e svantaggi nella scelta della srl ordinaria e semplificata
5.1 Le due tipologie di società a responsabilità limitata
5.2 La costituzione di una Srl ordinaria
5.2.1 Come costituire un’impresa sociale nella forma della società a responsabilità limitata ordinaria
5.2.2 Adempimenti previdenziali della Srl
5.2.3. Vantaggi e svantaggi della Srl
5.3 La società a responsabilità limitata semplificata
5.3.1 Confronto e criticità tra S.r.l. ordinaria e S.r.l. semplificata
Parte terza - Libri sociali e contabili. Bilancio, organo di controllo e lavoratori
Capitolo 6 - Le scritture contabili, il bilancio, gli organi di controllo interno e i lavoratori
6.1 La tenuta delle scritture contabili
6.2 Organi di controllo interno
6.3 Coinvolgimento dei lavoratori, degli utenti e di altri soggetti
6.4 Trasformazione, fusione, scissione, cessione d’azienda e devoluzione del patrimonio
6.5 Lavoro nell’impresa sociale
6.6 Procedure concorsuali
6.7 Funzioni di monitoraggio, ricerca e controllo
6.8 Fondo per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali
6.9 Imprese sociali costituite secondo la vecchia disciplina
Parte quarta - Servizi di consulenza e assistenza da parte delle imprese sociali per i soggetti richiedenti le agevolazioni misura “Resto al Sud”
Capitolo 7 - Incentivi per l’apertura di attività d’impresa per i giovani del mezzogiorno

7.1 Aspetti generali
7.2 Misura “Resto al Sud”
Capitolo 8 - Servizi di consulenza e assistenza prestate dalle imprese sociali per i soggetti richiedenti le agevolazioni per il mezzogiorno
8.1 Aspetti generali
Appendice
1. Lettera direttoriale del ministero del lavoro del 29 dicembre 2017 Prot. n. 34/0012604 sul regime transitorio
2. Formula – Richiesta di accreditamento per la fornitura dei servizi di assistenza e consulenza
3. Guida Invitalia all’accreditamento enti

Isbn: 9788868056100


Ulteriori informazioni: cat1e-book_pratici / cat2collana_e-book