HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2022

/

DA RIMBORSARE IL CREDITO DA DICHIARAZIONE LASCIATO IN COMPENSAZIONE DALLA SOCIETÀ ESTINTA

Da rimborsare il credito da dichiarazione lasciato in compensazione dalla società estinta

Con l’estinzione della società i crediti di imposta lasciati in compensazione sulle dichiarazioni annuali si considerano richiesti a rimborso

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con l’ordinanza numero 15618 del giorno 1 giugno 2023, la Corte di Cassazione si è occupata di una questione dagli interessanti risvolti pratici.

Viene preso in esame il caso in cui una società, già in liquidazione, aveva lasciato un credito IVA in compensazione sulla dichiarazione annuale, trovandosi poi nell’impossibilità di utilizzarlo in conseguenza dell’estinzione della compagine sociale, a seguito della cancellazione dal Registro delle imprese.

Come si deduce dall’analisi della Corte, per quanto specifico, il caso in esame è anche generale, in quanto la situazione esaminata può riguardare tutti i contribuenti, sia le società che le persone fisiche: la fattispecie in discussione è quella del credito di imposta, lasciato in compensazione, che si riveli impossibile da compensare per estinzione del contribuente.

Va da sé, inoltre, che il caso dell’IVA, qui esaminato, si estende per assimilazione anche a Irpef, Ires e Irap.

La Corte rileva come, in questi casi eccezionali e definitivi, quali l’estinzione della società o la morte della persona fisica, non importa il fatto che il credito sia stato lasciato in compensazione: la sopraggiunta impossibilità ad utilizzarlo trasforma la dichiarazione di compensazione in richiesta di rimborso.

Da un punto di vista operativo, si ricorda che l’istanza di rimborso si tramette tramite la dichiarazione annuale, indicando i crediti d’imposta spettanti sulla casella relativa al rimborso dei quadri VX o RX: nel momento in cui questi crediti sono lasciati in compensazione, anche se non vengono poi utilizzati in conseguenza dell’estinzione del contribuente, le procedure amministrative per il rimborso non si attiveranno in automatico: sarà comunque necessario l’intervento attivo di coloro che erediteranno i crediti (si ricorda che con lo scioglimento di una società può avvenire un fenomeno successorio in favore dei soci). 

Però, ci dice la Corte di Cassazione, l’istanza di rimborso dovrà essere considerata già presentata con la dichiarazione con cui il credito in questione si lascia in compensazione; e, a questo fine, varrà la prescrizione decennale a partire dalla presentazione di questa.

Ciò che cambia è che “pur in presenza di erronea esposizione in dichiarazione, cionondimeno non si applica al rimborso il termine di decadenza biennale previsto dall'articolo 21, comma 2, del Decreto Legislativo numero 546 del 1992 quanto, piuttosto, il termine ordinario decennale di prescrizione, là dove la compensazione non possa più essere effettuata, come, per l'appunto, nell'ipotesi di cessazione dell'attività - da intendersi quale messa in liquidazione della società, comunicata all'autorità che aveva rilasciato la licenza e non, invece, quale suo scioglimento o sua cancellazione, successivi alla data della domanda di rimborso - ovvero morte del contribuente”.

Ovviamente sarà comunque sempre nel diritto dell’ufficio richiedere la documentazione comprovante l’esistenza del credito d’imposta da dichiarazione per cui si chiede il rimborso.

Può esserti utile il foglio di calcolo per il rilascio del Visto di conformità IVA e altri crediti  - (excel)

Potrebbero interessarti i seguenti prodotti:

Tag: RIMBORSO IVA 2022 RIMBORSO IVA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIMBORSO IVA 2022 · 16/05/2024 Rimborso IVA su ristrutturazione bene di terzi

Spetta il rimborso IVA a chi ristruttura un bene appartenente a terzi ma lo detiene per diritto personale di godimento: Cassazione Sentenza n 13162/2024

Rimborso IVA su ristrutturazione bene di terzi

Spetta il rimborso IVA a chi ristruttura un bene appartenente a terzi ma lo detiene per diritto personale di godimento: Cassazione Sentenza n 13162/2024

IVA Deposito Carburanti: come recuperare le eccedenze versate

IVA in eccesso prodotti energetici immessi in consumo da un deposito: non si recupera con la dichiarazione annuale, e come?

Falsi rimborsi dal Fisco: attenzione agli sms

Le Entrate informano i cittadini sul fatto che sono in arrivo sms a tema rimborsi delle Entrate: si informa che i suddetti messaggi non provengono dal Fisco

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.