HOME

/

FISCO

/

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022

/

DICHIARANDO UN EURO LA DICHIARAZIONE È INFEDELE MA NON OMESSA

Dichiarando un euro la dichiarazione è infedele ma non omessa

Una dichiarazione presentata con imposta a debito, anche di solo un euro, salva il contribuente dalla contestazione dell’omessa presentazione

Talvolta sottile è il limite che separa la dichiarazione infedele da quella omessa. In linea concettuale la dichiarazione infedele è quella che presenta i dati fiscali e reddituali in modo errato, mentre quella omessa è la dichiarazione non presentata.

In linea sanzionatoria una dichiarazione che presenta degli errori (voluti o casuali) costituisce situazione meno grave della dichiarazione omessa: il fatto stesso di trasmettere il modello è rappresentativo di un atteggiamento meno ostruzionistico, in quanto l’amministrazione finanziaria avrà la possibilità di verificare la correttezza dei redditi dichiarati, che, anche se non esatti, non sono comunque occultati.

In termini più pratici, le conseguenze dell’omessa presentazione in luogo dell’infedeltà dichiarativa sono un allungamento dei termini di accertamento, che da cinque anni passano a sette, un inasprimento delle sanzioni pecuniarie, e l’impossibilità di regolarizzare la propria posizione integrandola oltre i 90 giorni dalla scadenza del termine per l’invio telematico della dichiarazione.

Chiarita la questione in astratto, poi la realtà si scontra con alcune situazioni nelle quali fumoso è il confine tra dichiarazione omessa e infedele.

Di recente, sull’articolo “Dichiarazione in bianco: è infedele, non omessa, chi scrive ha affrontato la questione della trasmissione del modello dichiarativo privo di uno o più quadri reddituali; e già nell’articolo si poneva un distinguo: che la situazione esaminata non era quella in cui la dichiarazione era trasmessa completamente in banco.

La trasmissione di una dichiarazione dei redditi con il solo frontespizio compilato rappresenta l’estrema linea di confine della zona di grigio tra dichiarazione infedele e dichiarazione omessa: sul tema la giurisprudenza non è consolidata e in passato non è mancato il caso che la situazione sia stata considerata omissiva.

Le motivazioni per cui un contribuente possa decidere di trasmettere una dichiarazione completamente in bianco possono essere molteplici, e non necessariamente di tipo doloso: la situazione più comune è l’impossibilità di trasmettere correttamente la dichiarazione nei termini, per cui il contribuente sceglie di inviarla in bianco in modo tale da poterla successivamente integrare.

Anche in tal caso, però, come si è detto, trasmettere una dichiarazione con il solo frontespizio compilato può costituire una scelta rischiosa, in quanto costituisce una fattispecie potenzialmente contestabile: e, se la dichiarazione viene considerata omessa, sarà priva di efficacia anche la successiva integrazione che non rispetta i termini.

La soluzione al problema è arrivata con l’ordinanza numero 10668 del 22 aprile 2021 della Corte di Cassazione, la quale, in tema di Irap nel caso concreto, ma il concetto può essere esteso anche a Iva, Ires e Irpef, dichiara che “la dichiarazione infedele presentata dal contribuente ai fini Irap, anche quando indichi un valore non verosimile, non è equiparabile alla omessa dichiarazione”.

Nel caso in esame il contribuente aveva dichiarato solo un euro, una cifra evidentemente inverosimile, eppure sufficiente per non incorrere nell’omessa presentazione.

In altre parole, dato che l’omessa dichiarazione è restrittivamente la dichiarazione mancante o estensivamente la dichiarazione vacante, la dichiarazione compilata, anche in modo inverosimile, salva il contribuente dalla contestazione dell’omissione e da quello che da questa discende.

Tag: CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 DICHIARAZIONE IVA 2022 DICHIARAZIONE IVA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2022 · 07/06/2022 Società liquidata: il fisco può rifarsi sui soci anche in assenza di piano di riparto

La mancanza del piano di riparto non costituisce condizione sufficiente per superare la pretesa del fisco, che potrà rifarsi direttamente sui soci

Società liquidata: il fisco può rifarsi sui soci anche in assenza di piano di riparto

La mancanza del piano di riparto non costituisce condizione sufficiente per superare la pretesa del fisco, che potrà rifarsi direttamente sui soci

La riforma del processo tributario rende più difficile la difesa personale

Processo tributario: il giudice monocratico per snellire le procedure: approfondimenti

Contenzioso tributario: la difficile difesa personale del contribuente

La scelta della difesa personale nel contenzioso tributario: condizioni per attuarla

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.