HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LAVORATORE INIDONEO: OBBLIGO DI ALTRE MANSIONI, CON RISERVA, PER LA CORTE UE

4 minuti, Redazione , 16/02/2022

Lavoratore inidoneo: obbligo di altre mansioni, con riserva, per la Corte UE

Il lavoratore disabile in tirocinio, va destinato ad altro posto in caso di inidoneità alle mansioni a meno che ciò non imponga un onere eccessivo al datore di lavoro

Il lavoratore, anche in periodo di tirocinio,  che, a causa della sua disabilità, sia stato dichiarato inidoneo ad esercitare le funzioni essenziali del posto  di lavoro che  occupa, deve essere  destinato ad un altra posizione per la quale dispone  competenze e disponibilità richieste. Questo purché una tale misura non imponga al datore di lavoro un onere sproporzionato. Lo prescrive la Corte di Giustizia UE  nella sentenza c 485-20  del 10 febbraio 2022  su un caso  presentato dal consiglio di stato belga  con domanda del 29 settembre 2020.

La sentenza si  rifà alla Direttiva 2000/78/CE  sui concetti di  parità di trattamento in materia di  occupazione e di condizioni di lavoro  e di divieto  di discriminazione fondata sulla disabilità .

Il caso: lavoratore disabile licenziato

Il caso riguardava il licenziamento di un lavoratore assunto   come agente di manutenzione specializzato delle linee ferroviarie, dalla HR Rail,  società di gestione del personale  delle Ferrovie belghe. Nel corso di  un tirocinio in seno ad altra società «gestore delle infrastrutture». gli  veniva diagnosticata una patologia cardiaca che richiedeva l’impianto di un pacemaker. Poiché tale dispositivo medico era incompatibile con l’esposizione ripetuta ai campi elettromagnetici che subisce un agente di manutenzione delle linee ferroviarie, il ricorrente veniva riconosciuto disabile  dal Servizio pubblico federale  e il Centro regionale per la medicina dell’amministrazione  lo dichiarava inidoneo ad esercitare le funzioni per le quali era stato assunto  precisando che avrebbe potuto ricoprire un posto che rispondesse ai seguenti requisiti: «attività media, assenza di esposizione ai campi magnetici, non ad altezze elevate o a rischio di vibrazioni».

 Il ricorrente veniva quindi riassegnato ad un posto di magazziniere presso la stessa impresa ma il lavoratore opponeva ricorso contro la decisione.

Pur avendo ricevuto una lettera  in cui la HR Rail comunicava al ricorrente che avrebbe beneficiato di un’«assistenza personalizzata al fine di individuare  un nuovo impiego,  nel settembre 2018  il lavoratore veniva licenziato con effetto dal 30 settembre 2018,

Le considerazioni della Corte di Giustizia

La società faceva riferimento al fatto che  per l'azienda  a differenza dei manutentori nominati in via definitiva, i tirocinanti che sono riconosciuti disabili e non sono per questo più in grado di esercitare le loro funzioni non beneficiano di una riassegnazione all’interno dell’impresa. 

La sentenza ricorda in particolare che i paragrafi  16, 17, 20 e 21 della direttiva 2000/78 prevedono che "La messa a punto di misure per tener conto dei bisogni dei disabili sul luogo di lavoro ha un  ruolo importante nel combattere la discriminazione basata sull’handicap"  , nche se precisa : "La direttiva non prescrive l’assunzione, la promozione o il mantenimento  dell’occupazione né prevede la formazione di un individuo non competente, non capace o non  disponibile ad effettuare le funzioni essenziali del lavoro in questione, fermo restando l’obbligo di prevedere una soluzione appropriata per i disabili."

Tra le misure appropriate  si intende ad esempio la possibilità di  sistemare il luogo di lavoro in funzione dell’handicap, ad esempio sistemando i locali o adattando

le attrezzature, i ritmi di lavoro, la ripartizione dei compiti o fornendo mezzi di formazione o di   inquadramento.

Si chiarisce anche che per definire l' onere "sproporzionato" si deve  tener conto in particolare dei costi finanziari o di altro tipo che esse comportano, delle dimensioni e delle risorse finanziarie dell’organizzazione o dell’impresa e della possibilità di   ottenere fondi pubblici o altre sovvenzioni».

Giova sottolineare che  quanto enunciato dalla direttiva è applicabile "a tutte le persone,sia del settore pubblico che del settore privato, compresi gli organismi di diritto pubblico". Inoltre i giudici affermano che il fatto che il ricorrente nel procedimento principale non fosse, alla data del suo licenziamento, un agente definitivamente assunto, non impedisce che la sua situazione professionale rientri nell’ambito di applicazione della direttiva 2000/78.

Peraltro, aggiunge " in ogni caso, la possibilità di assegnare una persona disabile ad un altro posto di lavoro esiste solo in presenza di almeno un posto vacante che il lavoratore interessato è in grado di occupare".

In risposta alla questione sollevata dai giudizi belgi , quindi  la Corte di Giustizia  conclude che " un lavoratore, compreso quello che assolve un tirocinio post-assunzione, il quale, a causa della sua disabilità, sia stato dichiarato inidoneo ad esercitare le funzioni essenziali del posto da lui occupato, deve essere  destinato ad un altro posto per il quale dispone delle competenze, delle capacità e delle disponibilità richieste, a meno che una tale misura non imponga al datore di lavoro un onere sproporzionato. 



Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

Tag: GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 04/12/2022 Concorso Finanza 2022 1410 posti: tutte le istruzioni

Tutte le istruzioni per partecipare al Concorso Guardia di Finanza 2022 per 1470 allievi : requisiti, prove previste, modalità per fare domanda

Concorso  Finanza 2022 1410 posti: tutte le istruzioni

Tutte le istruzioni per partecipare al Concorso Guardia di Finanza 2022 per 1470 allievi : requisiti, prove previste, modalità per fare domanda

Concorso Regione Friuli 2022: 62 posti per diplomati

Concorso Friuli Venezia Giulia per 62 amministrativi: requisiti, prove, modalità per la domanda. Scade il 12 dicembre 2022

CCNL lapidei industria: testo rinnovo 2022-2025

Aumento 123 euro, bonus energia e novità contrattuali; tabelle retributive e testo dell'accordo di rinnovo del Contratto nazionale lapidei e materiali estrattivi industria

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.