HOME

/

LAVORO

/

REDDITO DI CITTADINANZA

/

REDDITO DI CITTADINANZA A RISCHIO PER IL CONTO GIOCO DELLE SCOMMESSE ON LINE

Reddito di cittadinanza a rischio per il conto gioco delle Scommesse on line

Le somme depositate su un “conto gioco”, anche estero, devono essere dichiarate tra le consistenze mobiliari ai fini della richiesta del Reddito di cittadinanza

Le contestazioni in relazione al reddito di cittadinanza, il famoso sussidio che dal 2019 sostiene il reddito dei cittadini italiani meno abbienti, giungono anche fino in Cassazione.

La sentenza numero 29706 del giorno 8 giugno 2021 della Corte di Cassazione sezione penale, prende in esame l’interessante caso della conciliabilità tra la percezione del reddito di cittadinanza e la titolarità di un conto gioco on line, nel caso specifico aperto presso una società di diritto estero.

Il conto gioco è uno spazio fornito da una società di giochi (come ad esempio i casinò) oppure di scommesse, in entrambi i casi virtuali, sul quale il titolare può gestire in autonomia i depositi e i prelievi di fondi monetari, di solito grazie al collegamento ad una carta di credito o a una carta prepagata.

Nel caso in esame, al titolare del conto gioco, percettore di reddito di cittadinanzaera stato contestato il reato di cui all’articolo 7 del DL numero 4/2019, il quale al comma 1 prevede la reclusione da due a sei anni per coloro che, al fine di percepire il sussidio, forniscano false dichiarazioni oppure omettano informazioni dovute nell’autodichiarazione finalizzata all’ottenimento del reddito di cittadinanza.

Il Tribunale d’appello aveva inoltre disposto il sequestro preventivo di una somma di poco superiore ai dieci mila euro.

Le movimentazioni contestate erano di non indifferente importo, superiori al reddito mobiliare dichiarato; ma, al di là dei valori monetari, il perno della questione è se il saldo di un conto gioco (e dei suoi omologhi) debba confluire tra le consistenze mobiliari da autodichiarare in sede di richiesta del sussidio oppure no, e se l’eventuale omissione sia rilevante ai fini della configurabilità del reato contestato.

Il percettore del sussidio ha difeso la sua posizione dinanzi la Corte dichiarando che l’indicazione del conto gioco non costituiva una informazione dovuta, in quanto non prevista espressamente dalla modulistica predisposta ai fini della richiesta del reddito di cittadinanza, e che, anche se questa informazione si fosse voluta fare rientrare nella voce conto corrente, pur non essendolo, non sarebbe stato possibile fornire la giacenza media annua, non essendo un dato fornito dalla società di scommesse.

La difesa, a sostegno del proprio punto di vista, ha portato davanti ai giudici anche la considerazione secondo la quale, ai fini dell’accesso al reddito di cittadinanza, le informazioni richieste sono quelle corrispondenti agli indicatori previsti per il calcolo dell’ISEE (acronimo di Indicatore di Situazione Economica Equivalente), per il quale si richiede il reddito, il patrimonio immobiliare e il patrimonio mobiliare, e tra questi, secondo la difesa, non è ricompreso il conto gioco.

La Corte di Cassazione, diversamente, dichiarando che “l’itinerario logico seguito dal giudice” costituiva “un percorso motivazionale […] contraddistinto da coerenza ed esaustività”, ha respinto il ricorso del titolare del conto gioco condannandolo alle spese spese processuali e a una ammenda di tre mila euro.

Quindi il punto, in questa occasione sancito per assimilazione, è che, ai fini dei requisiti per l’accesso al sussidio, e per analogia anche ai fini del calcolo dell’ISEE, il patrimonio mobiliare da dichiarare dovrebbe essere individuato in base alle effettive consistenze mobiliari nelle effettive disponibilità del contribuente, non essendo evidentemente consentita l’uscita di consistenze monetarie dal perimetro del patrimonio mobiliare per il solo fatto che queste siano allocate fuori dal territorio italiano oppure su strumenti che formalmente non costituiscono conti correnti o carte di credito, ma che, per le loro funzionalità, ne riproducono le caratteristiche.

Per approfondire ti può interessare  il pratico e-book ISEE 2021 (eBook) di A. Donati: tutte le regole e oltre 140 risposte a quesiti

Tra le nostre novità piu recenti ti potrebbero interessare :

IRPEF 2022: applicazioni pratiche ed esempi (eBook)

Pensioni 2022 (e-Book)


Tag: ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REDDITO DI CITTADINANZA REDDITO DI CITTADINANZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITO DI CITTADINANZA · 01/08/2022 Reddito cittadinanza e false dichiarazioni: novità dalla Cassazione

Nuova posizione della Cassazione: non sempre le false dichiarazioni comportano il sequestro della carta RDC. Ecco i dettagli sulla decisione

Reddito cittadinanza e false dichiarazioni: novità dalla Cassazione

Nuova posizione della Cassazione: non sempre le false dichiarazioni comportano il sequestro della carta RDC. Ecco i dettagli sulla decisione

Bonus 200 euro dipendenti: regole, verifiche e facsimile

Indennità una tantum ai dipendenti: attenzione alla verifica dello sconto entro il 23 giugno. Istruzioni modificate anche su erogazione agli atipici e compilazione Uniemens

Reddito di cittadinanza: domanda aggiornata con le novità 2022

Il reddito di cittadinanza dopo le novità della legge di bilancio 2022. La domanda equivale a Dichiarazione di disponibilità al lavoro. La piattaforma INPS si adegua

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.