HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

AGEVOLAZIONE IRAP: CHIARIMENTI PER LE SOCIETÀ CON ESERCIZIO A CAVALLO D'ANNO

Agevolazione IRAP: chiarimenti per le società con esercizio a cavallo d'anno

Come calcolare il periodo in corso al 31 dicembre 2019 ai fini dell'agevolazione IRAP prevista dal DL Rilancio per società con esercizio a cavallo d'anno.

L'agenzia delle entrate con Risposta a interpello n 425 del 22 giugno fornisce chiarimenti in merito alla agevolazione IRAP prevista dal decreto Rilancio.

In praticolare, nel caso prospettato, di una società avente il primo esercizio non coincidente con l'anno solare il «periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019» è il primo esercizio sociale, che va dal 1° Ottobre 2019 al 31 dicembre 2020, sicché è condivisibile la soluzione proposta dall'istante di non essere tenuto ad effettuare i versamenti in scadenza a giugno 2021 ossia:

  • il versamento del saldo relativo al periodo d'imposta 1° Ottobre 2019 - 31 dicembre 2020 (per il quale non sono, altresì, dovuti gli acconti), 
  • e del primo acconto relativo al periodo d'imposta 1° gennaio 2021 - 31 dicembre 2021

L'agenzia specifica inoltre che l'esenzione in oggetto dal versamento IRAP è qualificabile come aiuto di Stato e, quindi, come chiarito con la con la Circolare 20 agosto 2020, n. 25, paragrafo 1.1.4, va compilato il relativo prospetto del modello dichiarativo (rigo IS201) con l'indicazione del codice aiuto generico 999. 

L'istante è una società costituita in data 1° ottobre 2019 che riferisce di aver stabilito nel proprio atto costitutivo che il primo esercizio sociale sarebbe durato 15 mesi, dal 1° ottobre 2019 al 31 dicembre 2020, mentre i successivi avranno la durata ordinaria di 12 mesi e termineranno il 31 dicembre di ogni anno. 

Per poter beneficiare della misura di sostegno introdotta dall'articolo 24 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, che ha disposto, per i contribuenti indicati e alle condizinoi prescritte dalla norma, la sospensione:

  • del versamento del saldo IRAP, relativo al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019, 
  • e della prima rata dell'acconto IRAP, relativo al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019

l'istante chiede come vada individuato nel suo caso specifico (esercizio di 15 mesi) il "periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019"  

Leggi anche Stralcio primo acconto IRAP 2020: come compilare il Modello IRAP 2021

L'agenzia nel ricordare l'agevolazione specifica che vista la ratio della misura volta a sostenere le imprese e i professionisti colpiti dalla crisi causata dall'emergenza epidemiologica, la disposizione in commento si applica, come nel caso di specie, anche alle attività avviate nel 2019 ed ancora in corso alla data di entrata in vigore del decreto, che certamente non possono aver conseguito ricavi o compensi superiori alla soglia di 250 milioni di euro «nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge». 

Si specifica che i chiarimenti occorrenti al caso di specie sono stati forniti con la risoluzione n. 28/E del 2020, richiamata dall'istante, la quale con specifico riferimento ai soggetti che esercitano la propria attività in periodi d'imposta non coincidenti con l'anno solare ha chiarito che «l'articolo 24 del d.l. n. 34 del 2020, fatte salve eventuali modifiche in sede di conversione, esplica i propri effetti anche in riferimento a tutti i soggetti per i quali il periodo d'imposta non coincide con l'anno solare (esercizi c.d. 'a cavallo')... in generale:

- per i contribuenti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare, il versamento sub a) deve avvenire entro il 30 giugno e quello sub b) entro il medesimo termine (I^ rata dell'acconto) ovvero entro il 30 novembre (II^ rata dell'acconto). In altri termini, questi soggetti non sono tenuti ad effettuare i versamenti di giugno 2020; 

- per i contribuenti con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare, invece, i versamenti devono avvenire entro l''ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta' (saldo periodo precedente e I^ rata dell'acconto) e l''ultimo giorno dell'undicesimo mese dello stesso periodo d'imposta' (II^ rata dell'acconto). Risulta, quindi, determinante individuare il 'periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019'». 

Come detto nel caso della società istante il «periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019» è il primo esercizio sociale, che va dal 1° Ottobre 2019 al 31 dicembre 2020, perciò è condivisibile la soluzione proposta dall'istante.

Allegato

Risposta a interpello del 22.06.2021 n. 425

Tag: AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2021 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2021 REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021 REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 02/12/2021 Bonus guide turistiche e accompagnatori: le domande fino al 6 dicembre

Il contributo per guide turistiche prevede specifici codici ateco tra i beneficiari, vediamo quali sono.

Bonus guide turistiche e accompagnatori: le domande fino al 6 dicembre

Il contributo per guide turistiche prevede specifici codici ateco tra i beneficiari, vediamo quali sono.

Agevolazioni PMI: entro il 3 dicembre le domande al Fondo 394 SIMEST

Prestiti a sostegno della internazionalizzazione delle PMI italiane. Le domande dal 28 ottobre al 3 dicembre 2021

Prodotti di plastica: credito di imposta per imprese per ridurre il consumo

Credito di imposta per il 2022, 2023, 2024 per incentivare le imprese a ridurre il consumo di oggetti di plastica.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.