HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

PREMI RISULTATO DETASSATI ANCHE SE I CRITERI CAMBIANO PER IL COVID

4 minuti, Redazione , 04/05/2021

Premi risultato detassati anche se i criteri cambiano per il COVID

Ridefinizione causa Covid dei periodi su cui calcolare i risultati ai fini del premio aziendale variabile: l'Agenzia conferma il regime agevolato. Interpello n. 270 2021

Nell'Interpello n. 270 2021 l'Agenzia conferma l'imposta agevolata e la detassazione per i lavoratori dei premi di risultato in cui gli incrementi siano stati ridefiniti a causa delle difficoltà della pandemia da Covid 19.

La società istante era un operatore a livello nazionale nel settore dei giochi leciti e delle scommesse . In data 29 marzo 2019, la società e le organizzazioni sindacali (di seguito le "Parti") avevano  sottoscritto un accordo integrativo aziendale con decorrenza dal 1° gennaio 2019 e scadenza il 31 dicembre 2019. Tale accordo disciplinava vari aspetti del rapporto di lavoro, tra i quali l'istituzione di un Premio di risultato a valenza annuale, variabile e non determinabile a priori, strutturato sulla base dell'incremento dell'EBITDA,  sul  2018.

Le parti hanno prorogato con 4 successivi accordi  il suddetto contratto integrativo per il protrarsi dell'emergenza Covid . Inoltre hanno concordato sul fatto che a seguito del lockdown e delle misure restrittive imposte dal Governo con  la sospensione delle attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e locali assimilati, l'EBITDA del 2020 non poteva essere paragonabile  al medesimo indicatore riferito all'esercizio precedente. La proroga al  31 dicembre 2020  ha introdotto  quindi delle modifiche al paragrafo relativo alla determinazione del Premio di risultato per cui hanno convenuto di ricalcolare l'EBITDA del 2019, riducendolo in proporzione al numero dei giorni di sospensione dell'attività del 2020. Ai fini del ricalcolo del 2020 si è, comunque, tenuto conto solo del periodo di sospensione generalizzata in tutte le Regioni verificatosi dal 9 marzo al 15 giugno 2020, considerando  l'arco di tempo in cui tutti i punti vendita  sono rimasti chiusi in ogni parte d'Italia, mentre l'EBITDA 2019 dei mesi di aprile e maggio, che nel 2020 sono stati interessati per tutta la sua durata dal lockdown, è stato azzerato.

 In considerazione, poi, del minore periodo di tempo di apertura dell'attività, le Parti hanno anche convenuto una e riduzione dell'ammontare del Premio di Risultato, a  2.000 euro lordi invece che  2.800,00, che verra erogato a luglio 2021

La società chiede quindi all'Agenzia, nel caso  il risultato incrementale dovesse essere raggiunto, quale sia  il corretto regime fiscale da applicare , precisando che " il dubbio interpretativo attiene al fatto che, nel caso in esame, l'EBITDA del 2019 è stato ricalcolato per renderlo omogeneo con l'EBITDA del 2020(...) . Pertanto, il confronto non viene ad essere effettuato con riferimento all'intero anno, ma con riferimento al minor periodo in cui l'attività è stata svolta .

L'altro dubbio interpretativo riguardava la possibilità che la modifica della determinazione del parametro costituito dall'EBITDA,  possa fare perdere la funzione incentivante necessaria .

Il parere dellAgenzia Interpello 270 2021. 

L'Agenzia ricorda che l'articolo 1, commi da 182 a 189, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di Stabilità 2016) prevede, dal periodo di imposta 2016, una modalità di tassazione agevolata, consistente nell'applicazione di un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle relative addizionali nella misura del 10 per cento ai «premi di risultato di ammontare variabile, la cui corresponsione sia legata ad incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione, misurabili e verificabili sulla base dei criteri definiti con il decreto di cui al comma 188», emanato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 16 maggio 2016.  L'articolo 2, comma 2, stabilisce che i contratti collettivi devono prevedere criteri di misurazione e verifica degli incrementi rispetto ad un periodo congruo definito dall'accordo. 

L'agenzia sottolinea che in ragione, della funzione incentivante delle norme, come ribadito in precedenti interventi (circolari 15 giugno 2016, n. 28/E e 29 marzo 2018n. 5/E, nonché risoluzione 26 giugno 2020, n. 36), si è ritenuto che il regime fiscale di favore possa applicarsi purché il raggiungimento degli obiettivi incrementali avvenga successivamente alla stipula del contratto. Pertanto, i criteri di misurazione devono essere determinati con ragionevole anticipo rispetto ad una eventuale produttività futura non ancora realizzatasi In merito si legga anche "Detassazione premi e circostanze eccezionali: novità dall'Agenzia"

Per quanto riguada il caso specifico l'Agenzia ritiene che "la rideterminazione del periodo congruo, dovuta all'emergenza epidemiologica da covid-19, attestata nell'accordo aziendale dell'8 ottobre 2020,  sia compatibile con l'applicazione del regime agevolato, dal momento che, la durata del periodo di maturazione del premio è rimessa all'accordo delle parti".

L'agenzia non ravvisa criticità  neppure nell'aver ricalcolato il valore di riferimento dell'indicatore di redditività costituito dall'EBITDA del 2019, dal momento che tale rideterminazione, in ragione del periodo di sospensione delle attività  del  2020, consente ugualmente di poter rilevare un incremento attuale.

 Infine, in relazione alla funzione incentivante delle norme , si ricorda che con la citata risoluzione n. 36/E del 2020 è stato precisato che qualora nel contratto aziendale/territoriale venga attestato che il raggiungimento dell'obiettivo incrementale è - anche per circostanze eccezionali - effettivamente incerto alla data della sua sottoscrizione perché l'andamento del parametro adottato in sede di contrattazione è suscettibile di variabilità, l'azienda, sotto la propria responsabilità, può applicare l'imposta sostitutiva del 10 per cento qualora al termine del periodo congruo sia conseguito il risultato incrementale. 

 Posto che la ridefinizione della durata del periodo per la maturazione del premio  avviene  sulla base di un calcolo matematico e non discrezionale, attraverso il confronto di due dati omogenei, d'intesa con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si è dell'avviso che laddove al 31 dicembre 2020 l'Istante rilevi che il valore dell'EBITDA 2020 risulti incrementale rispetto al valore 2019, potrà applicare il regime fiscale  agevolato.

Infine si conferma anche la possibilità di convertire il Premio di risultato  in servizi Welfare che,  nel rispetto dei limiti  di legge non contribuiscono  a formare il reddito di lavoro dipendente.

Allegato

Risposta a interpello del 20.4.2021 n. 270

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LA BUSTA PAGA 2021 LA BUSTA PAGA 2021 AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DICHIARAZIONE 730/2021 DICHIARAZIONE 730/2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 22/10/2021 Tour operator: nuovo credito di imposta del 50% dei costi per la digitalizzazione

Il DM Superbonus alberghi 80% ancora in bozza, prevede un credito di imposta per agenzie di viaggi e tour operator per i costi di digitalizzazione. I dettagli

Tour operator: nuovo credito di imposta del 50% dei costi per la digitalizzazione

Il DM Superbonus alberghi 80% ancora in bozza, prevede un credito di imposta per agenzie di viaggi e tour operator per i costi di digitalizzazione. I dettagli

Contributo imprese esercenti servizi turistici con Bus scoperti: domande dal 22 ottobre

Contributo per imprese esercenti servizi turistici mediante autobus scoperti: invio delle domande dal 22 ottobre e fino al 5 novembre 2021

Credito d'imposta investimenti: ecco i modelli per la comunicazione al MISE

Il MISE con tre decreti del 6 ottobre pubblica i modelli per le comunicazioni dati per l'applicazione del credito d'imposta investimenti: formazione 4.0, design, beni strumentali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.