IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 23/10/2020

Riscatto laurea come incentivo all'esodo: deducibile IRES

Tempo di lettura: 3 minuti
licenziamento collettivo lavoratori

Risposta dell'Agenzia in un caso di contributo aziendale al riscatto laurea dei dipendenti come incentivo alla risoluzione consensuale. Ok alla deducibilità IRES

Commenta Stampa

Il riscatto di laurea finanziato dall'azienda come incentivo all'esodo volontario dei lavoratori versato direttamente all'INPS  puo essere  dedotto ai fini IRES mentre è indeducibile ai fini IRPEF in quanto soggetto a tassazione separata. Questo il chiarimento fornito dall'Agenzia nella Risposta 490 del 21 ottobre 2020 (allegata in fondo all'articolo). Il caso è particolarmente interessante in questo momento in cui i licenziamenti economici sono vietati e resta solo la  possibilità di riscolvere i rapporti di lavoro  con accordi individuali o sindacali. L'azienda che ha posto interpello  infatti avrebbe l'intenzione di "sottoscrivere un accordo con le rappresentanze sindacali aziendali per la cessazione volontaria ed incentivata del rapporto di lavoro di alcuni dipendenti prossimi al raggiungimento dei requisiti pensionistici", offrendo  a quelli che ne avessero interesse la possibilità di riscattare i periodi d'istruzione universitaria  con una somma pari ad un massimo di  12 mensilità della RAL di ciascuno   per il  pagamento dei contributi previdenziali  necessari per il riscatto agevolato del corso di laurea.

La societa chiede conferma del corretto trattamento fiscale da applicare e specifica  di avere anche considerato di concordare con l'INPS  la gestione accentrata dei pagamenti    che comunque avverranno probabilmente dopo la fine del rapporto lavorativo ma  certamente entro il 2020 . La soluzione proposta  considera che:

  • ai fini IRPEF il relativo onere,in quanto pagato dal datore di lavoro per conto del dipendente a seguito dell'accordo di risoluzione del rapporto di lavoro, possa essere dedotto ai sensi dell'articolo 51,comma 1, lettera h), del TUIR,  in sede di conguaglio fiscale di fine rapporto, dal reddito di lavoro dipendente assoggettato, prima della cessazione del rapporto lavorativo, a tassazione ordinaria. All'atto del pagamento, quindi, la Società, in veste di ex datore di lavoro ritiene di dover rielaborare un cedolino paga nel quale verrà rappresentato il nuovo conguaglio fiscale che terrà conto dei versamenti contributivi versati per conto del dipendente, emettendo conseguentemente la Certificazione Unica che evidenzierà l'onere deducibile versato nel corso dell'anno. Cio anche al fine di i far beneficiare il lavoratore dell'anticipata deduzione dell'onere ad un momento in cui è ancora attivo il rapporto di sostituzione d'imposta, il che consentirebbe di evitargli l'aggravio di dover attendere l'anno successivo aper poter fruire della deduzione
  •    ai fini IRES , considerato che le somme riconosciute al lavoratore  rappresentano un costo del lavoro pe rl'impresa si chiede conferma che il relativo onere rappresenti un elemento negativo del reddito 

La risposta dell'Agenzia, come detto, è solo parzialmente positiva. 

Infatti  non viene condivisa la possibilita di deduzione dal reddito di lavoro dipendente dell'importo contributivo a titolo di riscatto della laurea, in quanto il citato comma 2 dell'articolo 19 del Tuir  esclude dalla base imponibile i soli contributi obbligatori e non quelli facoltativi. (Sul tema della deducibilità dei contributi per il riscatto del corso di laurea pero si segnala l'orientamento opposto nella risposta 482 del 19.102020 vedi : "Contributi facoltativi sempre deducibili")

Inoltre essendo l'onere contributivo versato a titolo di incentivo all'esodo va  assoggettato a tassazione separata, e  la lettera h) del comma 2 dell'articolo 51 del Tuir non può trovare applicazione . L'incentivo comprensivo della quota destinata a riscattare i periodi d'istruzione universitaria, quindi deve essere assoggettato a tassazione separata con l'aliquota applicata al Trattamento di Fine Rapporto.

Invece per quanto riguarda il trattamento ai fini IRES, l'Agenzia concorda che  il riconoscimento della somma da destinare  al riscatto agevolato del corso di laurea,  come  forma di incentivo economico  per agevolare la risoluzione consensuale del rapporto  ha una specifica connessione con il rapporto di lavoro,  e risulta  deducibile come componente negativo del reddito di impresa.

 Approfondisci il tema del riscatto nello speciale  "Riscatto laurea regole aggiornate"e la FAQ"Riscatto laurea: quali sono i vantaggi fiscali?"

Sul tema della deducibilità dei contributi per il riscatto del corso di laurea ti puo interessare anche "Contributi facoltativi sempre deducibili"

In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)

Fonte: Agenzia delle Entrate



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus: Check-list conformità e calcolo compenso
In PROMOZIONE a 31,89 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Partita Doppia 3: Casi pratici
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-12-19
La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE