IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 04/09/2020

Pagamenti rateali e rimessione in termini: la prima rata trascina le successive

Tempo di lettura: 1 minuto
scadenze

La proroga della prima rata di pagamento dilazionato di una comunicazione degli esiti fa slittare anche le successive mentre non vale per quelle dopo la prima.

Ascolta la versione audio dell'articolo
Commenta Stampa

L’agenzia delle Entrate con la Circolare n 25/E del 20 agosto scorso risponde a un quesito sui pagamenti rateali e in particolare sul pagamento rateale di una comunicazione degli esiti derivanti da controlli formali e automatizzati.

Se la prima rata scade nel periodo di sospensione e cioè tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020 ai sensi dell’art 144 del Decreto Rilancio, facendo riferimento anche alle regole che disciplinano la rateazione (art 3 bis DLgs 462/1997) secondo le quali le rate trimestrali scadono l’ultimo giorno di ciascun trimestre successivo alla prima rata, la scadenza delle rate successive è determinata dalla scadenza della prima rata.

Detto questo se la scadenza della prima rata ricade nel periodo di sospensione allora tutto il piano di rateazione sarà costruito sulla scadenza prorogata della prima rata.

Non vale lo stesso se invece trattasi di rata successiva alla prima che ricade nel periodo di sospensione.

In questo secondo caso sarà prorogata solo quella specifica rata e le altre scadenze resteranno invariate.

È bene ricordare il dettaglio dell’articolo 144 del Decreto Rilancio che prevede la remissione in termini e la proroga dei termini per il versamento, anche rateale, delle somme dovute a seguito:

  • delle attività di controllo automatizzato e formale delle dichiarazioni (articoli 36-bis e 36-ter del decreto del DPR n. 600/73, e 54-bis del DPR n 633/72) 
  • nonché delle somme dovute a seguito della liquidazione dei redditi soggetti a tassazione separata

che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020.

I versamenti interessati possono essere eseguiti entro il 16 settembre 2020 senza sanzioni nè interessi.

E' bene sapere che si può anche optare per un pagamento rateale delle somme dovute in quattro rate di pari importo da pagare entro le seguenti scadenze:

  • 16 settembre
  • 16 ottobre
  • 16 novembre
  • 16 dicembre 2020

In proposito si leggano anche: 

Comunicazione di irregolarità e beneficio della rimessione dei termini per i pagamenti

Rimessione in termini: spetta anche per i termini per fornire chiarimenti sui controlli formali

Ti potrebbe interessare l'e-book  Decreto Rilancio dopo la conversione (eBook 2020)

Fonte: Agenzia delle Entrate


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-30
Credito imposta affitto immobili - DL Rilancio e Agosto
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 21,90 € + IVA fino al 2021-12-31
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE